mercoledì 28 ottobre 2009

Riforma dell'Università: il testo discusso nel Consiglio dei Ministri

Al link seguente potete trovare il testo del DDL di riforma dell'università discusso dal Consiglio dei Ministri del 28/10/2009.

35 commenti:

  1. la novità più rilevante mi sembra il fatto che non scompaiono immediatamente i ricercatori a tempo indeterminato ... viene mantenuta la scadenza del 2013.

    ora devo scappare!

    RispondiElimina
  2. i legali, voglio sapere cosa ne pensano i legali!

    RispondiElimina
  3. dove c'è scritto che scompaiono nel 2013?

    RispondiElimina
  4. si desume dalle norme transitorie e finali. il primo comma di quella sezione è cambiato rispetto alla stesura precedente.

    in sostanza fino al 2013 (compreso) si va con le nuove regole per posti ti. un po' di respiro per i precari, ammesso che le università bandiscano

    RispondiElimina
  5. segnalo inoltre che le norme transitorie e finali stabiliscono che quando il testo sarà finalmente licenziato dal parlamento, si bloccheranno in attesa dei decreti/regolamenti attuativi i concorsi per: associato, ordinario, ric. TD, assegnista. INVECE RESTERANNO OPERATIVI I SOLI CONCORSI RIC TI CHE CONTINUERANNO A SVOLGERSI CON LE REGOLE ATTUALI E FINO ALLA LORO SCADENZA (già prevista) NEL 2013.

    RispondiElimina
  6. Sai che ridicolaggine mantenere ancora i concorsi per RU a TI con le "vecchie regole" per la formazione delle commissioni...

    RispondiElimina
  7. euroscience ma tu non credi che rinnoveranno le regole attuali sulla composizione delle commissioni?

    io non posso credere che la gelmini accetterà di far svolgere concorsi con le regole che lei stessa ha denunciato come anti-meritocratiche, ergo le nuove regole saranno rinnovate. per ottenere questo faremo tutto il casino necessario

    RispondiElimina
  8. Sto dicendo questo: le nuove regole "per le commissioni" saranno definite dall'Art. 9 comma 2, ma li' c'e' scritto solo per PO, PA e in nuovi RU[TD].
    Non so se mi sono spiegato...
    (ovviamente il nuovo testo all'art. 15 e' stato messo da qualche manina dei meccanici che hanno lavorato al Ministero ieri e l'altro ieri senza coordinare le idee con il resto, che era gia' tarato sulla chiusura degli TU tradizionali "da subito")

    RispondiElimina
  9. la questione è questa. ora e fino al 2013 - A PRESCINDERE DAL DDL - si potranno fare posti da ric. ti.

    fino a fine anno sono in vigore le nuove regole sulla composizione delle commissioni (sorteggio tra ordinari).
    auspico che il MIUR proroghi la validità di quella norma, consentendo così di svolgere in maniera relativamente pulita i concorsi da ric. TI da qui fino a fine 2013 quando il ruolo sparirà.

    RispondiElimina
  10. Auspichiamo, fratres.
    A me invece salta all'occhio che ora max 10 anni di assegni e/o TD. Questo e' un deciso miglioramento: significa che entro i 38-39 anni sai di che morte morirai. MI sembra invece un gran pasticcio la questione concorsi interni vs concorsi interni (non ho voglia di trovare gli articoli, l'ho letto in treno mi sembra fatta veramente coi pie').

    RispondiElimina
  11. hai ragione su entrambi i punti france.
    però CHISSENEFREGA??

    la verità è che questa riforma, ammesso che giunga in porto, non arriverà alla meta prima di tre anni. il problema è l'oggi non un futuro remoto e incerto.

    seguiremo il dibattito parlamentare, ma le priorità sono altre.
    1. posti mussi 09
    2. rinnovo regole composizione commissioni
    3. aumento quota turnover
    4. prepensionamento baronazzi vegliardi

    RispondiElimina
  12. Sposo le 4 proposte di Insorgere
    più rinnovo posti mussi per anni successivi

    RispondiElimina
  13. Ma i baronazzi vegliardi non sono toccati per nulla... l'unica norma che li riguarda e' l'Art. 13, che subordina il +2 alla "sussistenza di adeguate risorse finanziarie nel bilancio di ateneo"... sai che norma stringente...

    Ma dei 65 anni non cale piu' a nessuno al Ministero...

    RispondiElimina
  14. [UnRicercatore]

    Non c'è bisogno di essere un genio per capire che la riduzione dell'età pensionabile degli ordinari sotto i 70 anni non avverrà *mai*. Speriamo anzi che l'abolizione del fuori ruolo si mantenga! vi ricordo che i 72 anni non sono stati aboliti, solo resi discrezionali: se non mancassero i soldi ci sarebbe ancora il + 2 per tutti.
    Aggiungo che con l'aria che tira saremo noi ad essere costretti a lavorare fino a 70 anni, non loro a 65.

    RispondiElimina
  15. il commento di france è stato cancellato perché offensivo.
    un po' netetiquette, per favore! ;)

    RispondiElimina
  16. @ un ricercatore
    per ora è così, e temo che alla fine su questo punto avrai ragione tu.
    è un gran peccato perché è inutile cambiare il sistema senza sostituire chi è al timone.

    RispondiElimina
  17. Francamente, sarà che dato solo una scorsa di gran fretta, sarà che sono molto stanco, sarà che domani devo discutere e mi sono dimenticato la toga a studio (mannaccia alla pupetta!), ma io non ci ho capito davvero una mazzafionda!

    Chiarisco meglio: le intenzioni mi sembrano più che buone, ma il testo, materialmente, chi lo ha scritto? L'Enigmista!..intendo proprio il super-cattivo, con il costume con i punti interrogativi..
    ..ma che è sta roba, una variante cirillica del doppio cruciverba uncinato?

    Tom
    ORA PENSIAMO A UN D.L. SBLOCCA FONDI MUSSI, ALTRO CHE 'STE MENATE!
    Bombadillo

    RispondiElimina
  18. ALT!!!!!!
    La mia interpretazione delle proroga del tempo indeterminato era corretta, MA ... MA pochi minuti fa ho saputo che la bozza che abbiamo (fonte CGIL) NON E' la versione definitiva. In particolare, proprio la parte sulla proroga del tempo indeterminato non c'è.
    Qualche dettaglio in più l'ho scritto sul forum dell'APRI, per chi è iscritto.

    RispondiElimina
  19. L'avevo detto io che qualche manina voleva farla in barba alla Mary Star... ma non ci e' riuscito

    RispondiElimina
  20. Renzino l'Europeo28 ottobre 2009 21:20

    Altra novita' importante:

    "6. L’importo dell’assegno è determinato dall’ateneo, ai sensi dell’articolo 51, comma 6, nono periodo, della legge 449 del 1997."

    --> cioe' il solito, caro, vecchio

    "Per la determinazione degli importi e per le modalità di conferimento degli assegni si provvede con decreti del Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica."

    e non la versione di venerdi' scorso

    "6. L’importo dell’assegno è determinato dall’ateneo in misura non inferiore al settantacinque per cento del trattamento economico complessivo iniziale spettante ai ricercatori di ruolo confermati."

    ... e furono ricchi per un solo week-end ...

    RR

    RispondiElimina
  21. E' vero, Renzino, e però nel comunicato stampa Miur è scritto che "sono stati aumentati gli importi degli assegni di ricerca".

    RispondiElimina
  22. Renzino l'Europeo28 ottobre 2009 21:38

    Non mi pare ... Finche' non vedo il decreto non ci credo...

    RispondiElimina
  23. domani dovremmo avere il testo definitivo (quello vero)

    RispondiElimina
  24. Allora buonanotte....

    RispondiElimina
  25. A me le versioni vecchia e nuova di questo testo paiono identiche. Entrambe affermano che i concorsi da ord., ass., td e assegno vanno effettuati con le nuove regole e non più con le vecchie. In nessuna versione si afferma che i TI non possono più essere effettuati. Per quelli resta in vigore la Moratti.

    A dimostrazione di ciò, Valditara mica è un cretino che chiede di sbloccare i Mussi 2009 proprio mentre il governo vuole abolire i ricercatori TI.

    RispondiElimina
  26. dingo non hai letto bene le due versioni diverse del primo comma delle norme transitorie e finali.

    qualunque sia la versione finale del testo ti resteranno operativi finche il ddl non avrà passato l'esame delle camere.

    RispondiElimina
  27. Le ho lette bene. Cambia la posizione dell'"esclusivamente", ma il senso resta lo stesso. La seconda versione evita il fraintendimento in cui tutti eravate incappati.

    RispondiElimina
  28. Per Dingo: e' chiaro che i due testi dicono due cose diverse; sembrano uguali ma non lo sono affatto.

    Per il resto: la contentezza che sembra trasparire da alcuni interventi per l'ultima formulazione del testo, che manderebbe in soffitta i concorsi per ricercatore a TI appena questa legge fosse approvata anziche' nel 2013, proprio non la capisco.
    Cui prodest? A chi giova?

    RispondiElimina
  29. meritocrazia e avversione alle pastette locali imporrebbero l'istituzione di un concorso nazionale o lmeno di una idoneità nazionale abche per i ricercatori... almeno era così sia nelle intenzioni di Mussi che dei Suggeritori della gelmini.
    Invece si conferma il concorso locale, fonte di troppe iniquità, e nemmeno si scrive che il titolo di dottorato è indispensabile.
    Ma a voi questo non scandalizza?

    RispondiElimina
  30. Concordo pienamente con Osvaldo. Si dovrebbe chiarire una volta per tutte la questione dottorato: o costituisce titolo d'accesso esclusivo alla carriere o lo eliminiamo una volta per tutte.

    RispondiElimina
  31. Concordo con Osvaldo sul dottorato e mi chiedo.. sto facendo un dottorato senza borsa e ho un assegno di ricerca ma:

    Articolo 10 comma 3 " La titolarità
    del contratto non è compatibile con la partecipazione a corsi di laurea, laurea
    specialistica o magistrale, dottorato di ricerca"

    quindi l'assegno di riceca sarà incompatibile con il dottorato senza borsa?

    RispondiElimina
  32. Evidentemente sì, viene sancita l'incompatibilità tra assegno e dottorato. Aggiungo che magari sarebbe il caso anche di abolire i dottorati senza borsa.
    Comunque non credo dobbiate preoccuparvi perchè non credo che il DDL possa avere effetto retro-attivo, no?

    RispondiElimina
  33. ovviamente il decreto non avrà affetto retroattivo ma il mio assegno non verrà rinnovato a maggio e dovrò rinunciare al dottorato anche se lo sto facendo senza borsa. è assurdo visto che il dottorato non vieta altro tipo di lavoro.

    RispondiElimina
  34. perchè dovrai rinunciare al dottorato?

    RispondiElimina
  35. Non saprei come mantenermi visto che non ho la borsa di dottorato e dal decreto sembra che o assegno di ricerca o dottorato! allo stato attuale l'assegno ( il mio è annuale e dovrebbe essere rinnovato a maggio) è perfettamente compatibile con un dottorato senza borsa mentre l'articolo 10 sancisce l'incompatibilità e quindi l'impossibilità del rinnovo.. Magari ho capito male e si parla solo dell'impossibilità di accumulare più borse ( già attualmente la legge vieta l'accumulo di borse)..

    RispondiElimina