mercoledì 21 ottobre 2009

FIRB - Futuro in Ricerca: inondiamoli di firme!


L'APRI, Associazione dei Precari della Ricerca Italiani, ha lanciato ieri una raccolta di firme per protestare contro gli enormi ritardi delle procedure di valutazione nel bando FIRB - Futuro in Ricerca.
La petizione si pone l'obiettivo di denunciare quanto sta accadendo, sollecitare il Ministero a completare al più presto la valutazione dei progetti di ricerca e al tempo stesso stimolare un dibattito tra i giovani ricercatori, specie precari.
Firmate e fate firmare. Inondiamoli di firme!

21 commenti:

  1. Mettete un post su quel coglione di tremonti e berlusconi che sono ancora a parlare di posto fisso...

    RispondiElimina
  2. Al di là delle idee politiche di ciascuno, ma che credibilità ha un ministero che mette un bando con delle deadline e liu in primis non le rispetta?
    siamo al ridicolo

    RispondiElimina
  3. C'è poco da meravigliarsi, visto che secondo la Gelmini per le commissioni dei concorsi 2008 le votazioni si sarebbero tenute entro gennaio 2009...
    A proposito di ritardi, non si sa più niente del DDL di riforma che dovevano presentare, prima a ottobre e poi a novembre? Un ordinario ben informato parla già di dicembre.
    E le bozze, non ne circolano più di bozze del DDL? Fra l'altro allo stesso ordinario risultano divergenze sul numero di idonei che la commissione nazionale potrebbe fare: ossia, lista aperta o chiusa?

    RispondiElimina
  4. Un paese moderno ha bisogno di destra e sinistra... che diavolo di destra è una che parla di posto fisso?

    RispondiElimina
  5. Lezione di politca berlusconiana: quando c'e' qualcosa di importante (e losco) da fare, si sparano un po' di cazzate a fare da cortina fumogena. Cosa bolle in pentola? Questione giustizia?

    RispondiElimina
  6. La flessibilità italiana è stata un oggettivo fallimento.
    Tracollo della fiducia e dei consumi, denatalità... Non è che quello che funziona bene negli USA debba funzionare per forza anche qui'.

    RispondiElimina
  7. Breaking news: 300 firme in un giorno!

    RispondiElimina
  8. Quelli non li vogliamo!

    RispondiElimina
  9. Albert, tutte le firme valgono. Evitiamo i settarismi infantili

    RispondiElimina
  10. Fortuna che siete già una manica di vecchi... e il vostro pensiero conta ben poco:

    http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/economia/occupazione/indagine-axa/indagine-axa.html

    RispondiElimina
  11. Si sentiva l'esigenza del troll confindustriale. O dell'associato nostalgico dell'epoca delle promozioni facili. Vai a trolleggiare tra i tuoi simili sul sito del PdL.

    RispondiElimina
  12. il Fatto vi ha preceduti
    http://rassegnastampa.crui.it/minirass/esr_visualizza.asp?chkIm=9
    su segnalazione "individuale"

    RispondiElimina
  13. Qualcuno ha informazioni circa le norme attuali che regolano il "rientro dei cervelli"? (normative d'addona?).
    Nel decreto 23 sett 09 (FF) 2009) l'articolo 6 e' sulle chiamate di italiani impegnati all'estero.... ma non trovo i relativi decreti (se esistenti).
    Grazie

    RispondiElimina
  14. raggiunta quota 398. forza, che se ci impegnamo per mezzanotte siamo a 400!

    RispondiElimina
  15. superata quota 450

    avanti così! date fondo a tutti i vostri contatti!

    RispondiElimina
  16. Superata anche quota 550 se è per quello. In realtà però ci sarebbe una certa quantità di "anonimi" da scremare (le firme anonime non contano).

    RispondiElimina
  17. che bravi... le firmettine raccogliete...
    dai che se arrivate a 1000 c'è un biscottino...

    Poveri italiani fuori dal mondo.

    RispondiElimina
  18. Renzino l'Europeo25 ottobre 2009 01:38

    Question Time 20/09

    5-01870 Ghizzoni: Insediamento della Commissione esaminatrice delle richieste di accesso ai fondi del bando FIRB «Futuro in ricerca».

    TESTO DELLA RISPOSTA

    Con riferimento alla interrogazione illustrata dalla Onorevole interrogante, [...]

    In considerazione di quanto sopra, e preso atto dei ritardi operativi, connessi anche con il processo di riorganizzazione del Ministero, che ha avuto inizio nel marzo 2009 e si è concluso nello scorso mese di luglio, si sta provvedendo a porre in essere tutte le possibili iniziative che consentiranno di accelerare al massimo l'iter procedurale, e di giungere alla nomina degli esperti cui affidare la valutazione scientifica entro il corrente mese di ottobre, allo scopo di chiudere tale processo entro il prossimo mese di dicembre.

    ELEMENTI DIR. GEN. RICERCA 15 OTTOBRE 2009

    In riferimento alla nota 1592/4.5.1/UR/09 con cui è stata trasmessa l'interrogazione dell'on. Ghizzoni si rappresenta quanto segue.
    [...]
    il MIUR sta mettendo in essere tutte le possibili iniziative che consentiranno di accelerare al massimo l'iter procedurale, e di giungere alla nomina degli esperti cui affidare la valutazione scientifica entro il corrente mese di ottobre, allo scopo di chiudere tale processo entro il mese di dicembre.


    Manuela GHIZZONI (PD), replicando, si dichiara profondamente insoddisfatta perché non si può affermare che sia data alcuna risposta alla sua interrogazione. È rammaricata di doverlo dire con tanta franchezza e durezza al sottosegretario Pizza, del quale ben conosce l'attenzione alla questione in oggetto, ma non ritiene più rispettoso del ruolo dei parlamentari continuare a ricevere da parte del Governo delle non risposte. Stigmatizza quindi il fatto che il ritardo di nove mesi nella composizione della Commissione esaminatrice delle richieste di accesso ai fondi del bando FIRB non è giustificabile con una risposta che parla di «ritardi operativi». Ricorda, infatti, che la Commissione non è stata composta entro i 180 giorni prescritti e sono scaduti i termini entro i quali la medesima doveva operare; è inaccettabile che il mancato funzionamento di un organismo così importante, non venga adeguatamente sottolineato dal Governo con provvedimenti disciplinari ad hoc. Aggiunge che la mancata attivazione della commissione esaminatrice ha messo in imbarazzo gli esperti della Commissione FIRB e che i progetti presentati da giovani italiani che contavano su queste risorse da esaminare sono 3700. Si tratta dei migliori talenti e intelligenze italiani che auspicavano un intervento statale e che sono rimaste disattese. Ritiene quindi che la mancata costituzione della commissione in oggetto, significhi una precisa disattesa di indirizzi politici e governativi, riguardanti non solo il precedente Governo ma anche l'attuale, che ha ottemperato alle previsioni delle legge finanziaria 2007.

    Il sottosegretario Giuseppe PIZZA condivide quanto espresso dall'onorevole Ghizzoni e ritiene che non si possa giustificare tali responsabilità con la lunghezza dei tempi burocratici. Ricorda che il progetto FIRB era un fiore all'occhiello del Ministero per quello che concerne la ricerca futura; disattenderlo sarebbe andare contro le migliori energie del Paese.

    RispondiElimina