lunedì 5 ottobre 2009


FIRB "FUTURO IN RICERCA" ... DI UN LAVORO

A distanza di 10 mesi dal bando FIRB - Futuro in Ricerca, nonostante il termine entro il quale la graduatoria dei progetti dovesse essere stilata sia abbondantemente trascorso, a tutt'oggi risulta che la commissione non si sia ancora insediata.

Segnaliamo questo articolo pubblicato oggi nelle prime pagine de Il Sole 24 Ore, sperando che possa contribuire a smuovere le acque.

E' bene anche sottolineare come fin dall'inizio la vicenda sia stata trattata in maniea inadeguata. I 50ml di euro del bando "Futuro in Ricerca" erano stati stanziati dal Governo Prodi, grazie ad un emendamento di Ignazio Marino. Ma questo emendamento prevedeva delle modalità molto innovative di valutazione dei progetti:

A decorrere dall'anno 2008, una quota, non inferiore al 10 per cento, dello stanziamento complessivo del Fondo per gli investimenti nella ricerca scientifica e tecnologica (FIRST) di cui all'articolo 1, comma 870, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, è destinata ai progetti di ricerca di base presentati da ricercatori di età inferiore ai quaranta anni operanti a qualunque titolo in attività di ricerca e previamente valutati, secondo il metodo della valutazione tra pari, da un comitato. Detto comitato è composto da ricercatori, di nazionalità italiana o straniera, di età inferiore ai quaranta anni e riconosciuti di livello eccellente sulla base di indici bibliometrici, quali l'impact factor ed il citation index, e operanti presso istituzioni ed enti di ricerca, almeno per la metà non italiani, che svolgono attività nei settori disciplinari relativi alla ricerca scientifica e tecnologica.

Invece il bando prevede che si venga giudicati da una commissione nominata dal Ministero anche mediante delle "apposite audizioni" a Roma ...

42 commenti:

  1. Renzino l'Europeo5 ottobre 2009 17:20

    Il Bando FIRB-Futuro in Ricerca non e' opera di Ignazio Marino, ma della stessa Ministra. Marino aveva promosso (con maggioranza Olivista) un bando per progetti di ricerca "fiovani" sotto l'ombrello del Ministero della Salute - infatti come e' noto ogni parrocchia mantiene la propria supervisione su canali di finanziamento e relative modalità di erogazione.

    Mi azzardo a dire, comunque (senza sbagliare troppo, scommetto) che il freno al FIRB sia piu' opera del Baronato che di Tremonti. Cioe' i burocrati ministeriali hanno alzato le loro orecchie di asino in direzione delle lamentele (sotterraneee, ovviamente) di chi si vede scavalcato/sottomesso alla priorita' giovanilista (...)

    RispondiElimina
  2. Renzino, credo che ti stai riferendo ad un bando, sempre voluto da Marino, di un anno prima, cioè del 2007. Quello era rivolto solo a progetti in Medicina e fu gestito molto meglio del Firb, tanto riguardo alle modalità quanto ai tempi, visto che ciascun progetto fu revisionato in peer-review da 2 referee stranieri e da 1 italiano, tutti under 40 anni. (Giusto una parentesi: alla ricercatrice che arrivò al primo posto in quel bando fu poi gentilmente chiesto di non presentarsi ad un concorso da ricercatore ...).

    Successivamente, alla Finanziaria successiva, Marino presentò l'emendamento linkato sopra.
    Così come avvenuto con i posti Mussi, i frutti li ha goduti la Gelmini. Riporto anche questa agenzia battuta all'indomani della pubblicazione del bando Firb:

    http://www.asca.it/news-RICERCA__MARINO__GELMINI_PER_GIOVANI_RICERCATORI_BANDO_SENZA_TRASPARENZA-799377-ORA-.html

    RispondiElimina
  3. Renzino l'Europeo5 ottobre 2009 17:48

    Appunto, cosa ho detto io - sono due bandi differenti. Quello di cui si parla adesso e' di responsabilista del MIUR. Pero' Marino, essendo un talebano dell'Impact factor, muove delle critiche che non sono raccoglibili di per se' (come tali). I progetti di ricerca si valutano nel merito tenedo conto di una serie di criteri che comprendono la qualità scientifica del proponente, la potenzialita' del progetto, ecc.
    NO ai Talebani dell'Impact Factor.

    RispondiElimina
  4. Da quello che sapevo io il bando 2007 riguardava solo Medicina.
    Ma poi c'è stato un bando 2008, sempre dovuto a Marino, diviso in due: 50ml di euro al MIUR e 10ml di euro al Ministero della Salute. Ovviamente le cose sono state gestite, a livello tecnico, dai due sopravvenuti Ministri (il Governo Prodi infatti dopo pochi mesi cadde). Devo anche dire che il bando del Ministero della Salute (Sacconi) è molto meno burocratico di quello fatto dal MIUR.

    RispondiElimina
  5. Renzino l'Europeo5 ottobre 2009 18:09

    E del bando del Ministero Salute, allora, avete notizia?
    http://ricerca.cbim.it/pub/bandi/2008/gr/BandoRicercatori_2008.pdf
    Dell'esito, dico...
    O bisogna bastonare anche li'?

    RispondiElimina
  6. La Ghizzoni ha fatto una interrogazione parlamentare, sui FIRB. Per quel che vale, of course... Ma almeno l'ha fatta.

    RispondiElimina
  7. Off topic, ma importante. Sul sito RNRP è apparsa la seguente "notizia": Sembra che i soldi FIRB siano andati tra i fondi per la ricostruzione del terremoto. Inoltre sembra anche che i soldi ex Mussi per il relutamento straordinario negli EPR verranno dirottati su spese straordinarie per terremoto ed altro. CONFERME? SMENTITE?

    RispondiElimina
  8. ..dai non facciamo prendere dal panico. Le voci incontrollate non meritano neppure smentite.
    Tom

    RispondiElimina
  9. Vi state facendo troppi problemi.
    Secondo me, (anche) la ricostruzione del terremoto è senza copertura finanziaria. Va tutto in debito pubblico ... per il prossimo governo.

    RispondiElimina
  10. Sono nauseato... e noi si continua pure a discutere, di aria fritta ovviamente!

    RispondiElimina
  11. @ Spartacus
    Denunciare questi incredibili ritardi su uno dei più autorevoli quotidiani italiani non mi sembra che sia "continuare a discutere di aria fritta".
    Poi, per la verità una manifestazione la si era pure organizzata. Tu l'adesione l'avevi data?

    RispondiElimina
  12. ragazzi, è evidentemente una bufala messa in giro dagli ex-rnrp... per inciso, il reclutamento straordinario riguarda l'università non gli EPR, lì si trattava di "stabilizzazioni"

    RispondiElimina
  13. Io però cercherei di evitare questa guerra fratricida contro gli ex-rnrp. Cosa c'entrano loro con un commento postato da qualcuno in calce al loro post? Se io ora scrivessi una qualunque corbelleria nel prossimo commento, nessuno potrebbe spacciarla per una posizione di apri.

    Un po' di serietà, che già siamo bastonati dalla Gelmini, non riempiamoci di botte anche fra noi.

    RispondiElimina
  14. Concordo assolutamente con Albert. Nemici e avversari sono DECISAMENTE altri, non i nostri simili. Unita', prima di tutto.

    P.S. Sulla G.U. di oggi solo 1 posto. Qua e' tornata la magra, a quanto pare.

    RispondiElimina
  15. @ Untenured

    Desolato, ma non è come dici tu. Il CNR per esempio conta di avvalersi dei fondi Mussi per reclutare. Vedi la pagina 4 del documento:
    http://www.uilpa-ur.org/enti/cnr/2009/2009_07_07_CNR_programma_assunzioni_relazione_generale.pdf

    RispondiElimina
  16. Ma avete visto la notizia postata sull'altro blog? E' assurdo.

    In un'altra nazione il ministro si sarebbe dimesso per una cosa del genere!

    RispondiElimina
  17. Dingo. Sono ben altre le cose per cui dovrebbe dimettersi. Non certo l'aver assegnato una percentuale irrisoria dei fondi in base a una discutibile classifica.

    E' molto più grave il fatto di aver sbandierato l'assunzione di 4000 ricercatori, quando invece non solo non sono stati finanziati nuovi concorsi ma sono persino stati bloccati quelli già messi in conto dal precedente governo.

    E' molto più grave che continui a dire di voler "premiare i giovani meritevoli", e però di quei quattro soldi del FIRB giovani non si sa più nulla. Neanche uno straccio di comunicato ufficiale. Neanche dopo due articoli sul Sole 24 Ore e sul Messaggero, numerose email al Miur ed una interrogazione parlamentare. Neanche il buon gusto di rilasciare una intervista per imbastire qualche scusa.

    RispondiElimina
  18. A parte che la classifica, pubblicata in periodo di iscrizioni, e' stato la classica testa mozza di cavallo per dire "occhio ragazzi che vi teniamo per le palle", e quindi continuare a battere su quel tasto e' come dare credito alle parole di, che so, Toto' Riina... Ma poi siamo sicuri che le dimissioni di financo tutto il Governo possano cambiare qualcosa? Lo so che personificare il nemico (Hitler, Saddam, Bin Laden, Moggi, Anacleto Mitraglia) aiuta a sfogare la rabbia, ma a meno di pianificare un genocidio su vasta scala mi sa che la rimozione di singole personalita' non possa spostare di un millimetro il trend negativo. Anzi, semmai puo' solo contribuire a rallentare ancora e ancora questa esasperante corsa lumache contro chiocciole...
    Si badi bene, detto da uno che se avesse la Gelmini in cvlo la andrebbe a caa' a Rapa Nui...

    RispondiElimina
  19. Mi sembra improbabile un ritorno di Mussi, purtroppo.

    Peccato, con quei baffetti aveva portato una ventata di simpatia al Ministero.

    Magari un governo tecnico con qualche parlamentare/barone come Ministro ...

    RispondiElimina
  20. ecco, siamo a posto.
    anche qui a teorizzare nuovi equilibri politico-governativi.
    cavolo non sapevo che facevamo anche noi parte del complotto.
    in cambio cosa ci danno? gli avanzi del cane?

    RispondiElimina
  21. Le dimissioni sarebbero conseguenza di un macroscopico errore di carattere tecnico. Le questioni che elncate hanno valenza politica e rientrano nell'amito di scelte politiche discutibile. Ma sbagliare i conti su una distribuzione di milioni di euro è una dimostrazione di incompetenza ed inadeguatezza grande come una casa. Le dimissioni sono un atto di rispetto dovuto agli italiani.

    RispondiElimina
  22. Io non ho mica capito dove sta l'errore di carattere tecnico.

    RispondiElimina
  23. Provo a spiegartelo.

    C'è un fondo di 1000 euro, del quale tu prendi 800 e io 200. Da questo fondo levano il 7% (70 euro) e distribuiscono il resto secondo il vecchio rapporto 8:2. Tu prendi 744 e io 184. Quindi tu hai perso 56 e io 14.
    Ora calcolano i nostri meriti e trovano che il tuo fattore di merito vale 3 e il mio 2, cosi' distribuiscono i 70 euro messi da parte secondo questi rapporti: 42 a te e 28 a me.
    Calcolano chi ci ha perso e chi ci ha guadagnato: tu hai perso 14 euro (42-56) e io ne ho guadagnati 14 (28-14).
    Ora vanno dai giornali e dicono che io sono più bravo di te perché io ho preso 14 euro in più e tu 14 in meno.
    Ma in realtà nella graduatoria fatta da loro stessi tu avevi preso 3 punti e io 2 e quindi eri più bravo tu.

    E' molto semplice. Errore marchiano da scuola elementare.

    RispondiElimina
  24. Errata corrige: il 184 nella terza riga è in realtà un 186.

    RispondiElimina
  25. http://www.lavoce.info/articoli/-licenza_poetica/pagina1001320.html

    RispondiElimina
  26. Italia società inerme:

    TUTTI DA AZIENDE - Tutti e tre Nobel della Fisica hanno condotto in aziende private le ricerche grazie alle quali hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento.

    http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/09_ottobre_06/fibre-ottica-nobel-fisica_18342cba-b28a-11de-9355-00144f02aabc.shtml

    RispondiElimina
  27. Ok ma in Italia le aziende private in campo tecnologico non le abbiamo. Che dobbiamo fare? Aprirle con finanziamenti pubblici? O ti aspetti che a finanziare la ricerca siano caseifici e boutique?

    RispondiElimina
  28. Letto l'articolo su La Voce. Incredibile!

    Ma il Ministro che aspetta a dimettersi?

    RispondiElimina
  29. Sul FIRB:

    http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2009/10/07SI63047.PDF

    http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2009/10/07SI63048.PDF

    RispondiElimina
  30. Che e' successo??????
    E' sparito il post sulla circolare MIUR!

    RispondiElimina
  31. Si è verificato un problema tecnico ... il prima possibile cercherò di ripristinare il post (temo che i 2 commenti andranno persi).

    Nel frattempo la trovate dentro il forum dell'APRI (www.ricercatoriprecari.it).

    RispondiElimina
  32. che dite, una lettera a topo gigio?

    RispondiElimina
  33. Chi, Weltroni? No, poi si monta la testa...

    RispondiElimina
  34. ma cosa volete che si dimetta il ministro Gelmini per un errore di conto...

    l'elettore medio non è in grado di distinguere un'addizione da una moltiplicazione, figurarsi se ha voglia di stare a ragionare su quanti soldi vanno alla sapienza, quanti a tor vergata...una notizia del genere non se la cagherebbe nessuno, oggi se non vai almeno a fare orge con 20 troie non fai notizia...

    e poi cosa volete che gliene freghi all'opinione pubblica dei finanziamenti all'università?
    scommetto che l' 80% degli italiani sarebbe d'accordo a usare le università e quelli che ci stanno dentro come concime per i campi.

    RispondiElimina
  35. L'APRI ha scritto la letterina al rettore di Brescia? A maggior ragione vista la comunicazione del ministro.

    Sarebbe anche il caso di spendere due paroline sulla procedura per accedere al bando:
    clicca qui, clicca la, fai un salto, fanne un altro...

    RispondiElimina
  36. D'accordissimo con anonimo. Ma che stiamo a farci le s...ghe sui conti sballati... Certo, e' vergognoso (e comunque immagino che le cose, guardando meglio, non sono proprio cosi'.. ma non ho tempo per indagare piu' a fondo), ma a far casino non ci cagherebbe nessuno.

    RispondiElimina
  37. sono pronto a scommettere che dopo la letterina di mary star i bandi verranno corretti alla velocità della luce

    RispondiElimina
  38. @ insorgere

    di quale lettera parli?

    RispondiElimina
  39. della lettera a topo gigio? no, non veltroni, topo gigio quello vero, quello che da ieri sta a palazzo chigi (su tutti i TG di ieri e di oggi) per curare la suina...
    un topo!
    che cattivo gusto...

    RispondiElimina
  40. De', e se era una topa curava le maiale (di Priapo)?
    Comunque io non ricevo la TV italiana da orami 3 anni e sto DIMORTO bene!

    RispondiElimina
  41. Ok ma in Italia le aziende private in campo tecnologico non le abbiamo. Che dobbiamo fare? Aprirle con finanziamenti pubblici? O ti aspetti che a finanziare la ricerca siano caseifici e boutique?

    LIBERALIZZARE...

    RispondiElimina