mercoledì 26 maggio 2010

Ministero dell'Economia: "Nulla cambia per l'Università" sul turn-over ... No, come non detto.

E' giallo sull'eliminazione del documento sul sito del Ministero dell'Economia

In un incredibile ricorrersi di voci, che vanno dal blocco totale a quello parziale per l'Università, alimentate dall'assenza del testo approvato ieri in Consiglio dei Ministri (su cui verosimilmente si sta ancora lavorando), l'unico documento che poteva avere qualcosa di "ufficiale" avrebbe era quello presente sul sito del Ministero dell'Economia all'indirizzo
e ben evidenziato nella home-page.

In particolare segnaliamo questi passaggi del suddetto documento:

Trattamento economico pubblici dipendenti.
[...] "Per il personale non contrattualizzato (magistrati, militari e forze dell’ordine, diplomatici, prefetti, professori universitari) sono congelati per il triennio 2011-13 gli automatismi retributivi e le progressioni automatiche di carriera, con deroghe per l’università". [e qui si spera che si abbia in mente, per esempio, la situazione dei ricercatori non-confermati piuttosto che quella dei professori ordinari ...]

Turn over
L’attuale regime di turn over limitato del personale viene prorogato per due anni. Nulla cambia per l’università.

Nessuna deroga, purtroppo per gli enti di ricerca, almeno stando al documento ministeriale (segnaliamo, a tal proposito, questa lettera di protesta al Governo dei Presidenti degli enti di ricerca).
Sarebbe invece confermato, sia per università che per enti di ricerca (e per tutta la pubblica amministrazione) il taglio del 50% (rispetto a quanto speso nel 2009) su contratti a tempo determinato e co.co.co.

D'altronde la decisione, che auspichiamo, di escludere l'università dal blocco del tunr-over avrebbe una sua "logica", dato che molte università non riusciranno a soddisfare il requisito di manternere il rapporto AF/FFO al di sotto del 90% e quindi non potranno comunque procedere ad assunzioni. Questo a causa dei tagli sul Fondo di Finanziamento Ordinario e dell'aumento delle spese per il personale con l'aumentare dell'età media dei docenti in servizio (anche per questo sarebbe il caso di prendere in considerazione la proposta del PD di pernsionamento a 65 anni dei professori universitari).

Ma, circa un'ora dopo della pubblicazione su questo blog del documento del Ministero dell'Economia, alle 23.30 circa il MEF ha cancellato il file dal suo sito internet.
Se ne deve dedurre che tutto è di nuovo in discussione?
Ma in quale Paese con un minimo di serietà si approva in Consiglio dei Ministri una bozza in continuo cambiamento?
Per quale motivo inizialmente il Ministero dell'Economia aveva posto ben in evidenza sul suo sito il documento con le misure (per grandi linee, mica nel dettaglio!) contenute del decreto-legge, e poi dopo la pubblicazione della notizia su questo blog ha cancellato il documento?

Ad ogni modo, grazie alla prontezza degli utenti di questo blog, siamo riusciti a recuperare questi documenti, che si possono trovare ai seguenti link:

332 commenti:

  1. Ancora non canterei "vittoria" con certezza, ma certo che salvarsi in questo massacro sociale generalizzato meriterebbe una gita collettiva a Lourdes, Santiago de Compostela e Loreto (su cui non ci sono dubbi provinciali essendo ben + a nord di Ascoli e Fermo).

    RispondiElimina
  2. Spero sia vero.

    La mia solidarieta' va ai colleghi precari degli Enti di Ricerca. Il continuo blocco e sblocco (piu' sblocco che blocco) del turnover che si registra negli epr da 10 anni ad ora e' emblematico del caos e della poca lungimiranza dei politici italiani

    RispondiElimina
  3. Non ci bloccano il turnover solo perché dal 1 gennaio 2011 si blocca da solo per via dei tagli, come è scritto benissimo nel post.
    Non avrebbe senso uccidere un morto.

    RispondiElimina
  4. Mmhhh... il link
    http://www.mef.gov.it/doc_manovra/Pacchetto_Tagli.pdf

    non funziona piu' ... hanno rimosso il doc o lo hanno solo spostato?

    RispondiElimina
  5. Incredibile colpo di scena!

    e quando lo hanno tolto il documento, a mezzanotte!

    qualcuno lo ha salvato?

    ... brutto sengno ...

    RispondiElimina
  6. http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/campania/media/fissi/pdf/manovra_finanziaria.pdf

    sarà lei?

    notte

    RispondiElimina
  7. Se e' lei sso' kazzi ...

    20% fino al 2013, 50% nel 2014 e 100% nel 2015 ...

    RispondiElimina
  8. Gianluca, ti riferisci a quanto scritto a pag 39? Perché lì parla di "enti di ricerca"...

    RispondiElimina
  9. Per quello che si legge dal bozzone del Corriere del Mezzogiorno, peraltro aggiornato alle 18:41 di martedi', non vi sono significative novita' per l'Universita' rispetto a quello gia' ventilato nei giorni scorsi, in particolare dalla bozza del Corriere.

    Quindi c'e' ad es. un turnover limitato al 20% per gli anni 2011-2013, al 50% nel 2014, per tornare al 100% nel 2015. Meglio un turnover limitato che il blocco, comunque, perche' cosi' si potra' cercare di agire per un pensionamento massiccio spintaneo al fine di liberare piu' risorse da usare subito...

    Adeguamenti salariali fermi per il triennio 2011-2013 (in questo caso i Nostri sono riusciti a sfuggire al blocco anche per 2010... che e' un lauto 3.09%...). Unica novita': le progressioni di carriera, comunque disposte nel triennio, mantengono un "valore giuridico"...

    RispondiElimina
  10. @ Popeye

    Alle pagine 38 e 39 ci sono gli emendamenti agli artt. 66 comma 7(PP.AA.), comma 13 (universita') ed 14 (enti) della 133/2008

    @ euro

    Si' il blocco e' queelo della prima bozza: rispetto alle ultime notizie (documento MEF) e' peggiorativo, ovviamente resta da vedere quale e' l'ultimo documento o comunque quello giusto.

    Comunque nel 2015 ci sarebbe ancora un blocco: 100% della spesa del 2014 ... MA entra lo stesso numero di persone che esce, cioe' per 1 PO in pensione entra un RT?...

    RispondiElimina
  11. Comunque nel 2015 ci sarebbe ancora un blocco: 100% della spesa del 2015 ... MA ...

    RispondiElimina
  12. ...mmmh... era giusto il primo commento ...

    RispondiElimina
  13. QUINDI I PROSSIMI VINCITORI DEI CONCORSI RICERCATORE II sESSIONE 2008 PRENDERANNO SERVIZIO E POIBLOCCO PER 3 ANNI DEI CONCORSI?

    RispondiElimina
  14. Incredibile!!!!!
    Hanno rimosso il documento!
    Cialtroni! Li hanno tenuti per 2 ore.
    comunque c'e' il comunicato ufficiale della loro esistenza:
    http://www.mef.gov.it/ufficio-stampa/comunicati/?idc=24463

    Ma questo e' un brutto segno....

    Andrebbe comunicato alla stampa, in modo che lo pubblichino e costringano a fare le modifiche, che sicuramente stanno facendo, in maniera da attenersi a quelle indicazioni.

    RispondiElimina
  15. Si tratta della bozza di martedì pomeriggio, uguale a quella di giorni fa; se la norma dell'università è stata cambiata non si sa, sicuramente lo è quella della tracciabilità dei contanti (riporta ancora 7000 invece dei 5000 annunciati). Questo solo per dire che sicuramente non è la versione definitiva, unica certezza al momento.

    RispondiElimina
  16. I documenti che erano stati inseriti li ho messi qui:
    Pacchetto fiscale:
    http://dl.dropbox.com/u/678834/Pacchetto_fiscale.pdf

    Pacchetto Tagli:
    http://dl.dropbox.com/u/678834/Pacchetto_Tagli.pdf

    Pacchetto Sviluppo (il piu' striminzito, guarda un po'):
    http://dl.dropbox.com/u/678834/Pacchetto_Sviluppo.pdf

    Ai giornali!!!!

    RispondiElimina
  17. @ Carlo

    non e' quella di venerdi' scorso del Corriere in cui per esempio era previsto un reintegro del FFO di 400 e 350 ML per il 2011 e 2012

    RispondiElimina
  18. @ bartlindon

    Tra le proprieta del file Pacchetto_Tagli.pdf:

    Titolo: "Microsoft Word - taglietti2.doc"
    Data creazione: "26/05/2010 20:25:29"

    Chissa' se oggi vedremo "tagli3.doc" ...

    RispondiElimina
  19. no... la bozza è molto diversa dalla precedente che ho letto e che era di una quarantina di pagine circa. E' sicuramente quella che è stata presentata al consiglio dei ministri.

    Il punto è come ne è uscita. E come sta diventando in queste ore sui diversi punti.

    RispondiElimina
  20. Quindi per quanto rigurda noi che succede?

    RispondiElimina
  21. Volevo dire che la bozza era uguale nel turnover al 20%, a differenza del blocco totale o del "nulla cambi".

    RispondiElimina
  22. Su "La Stampa" i tre pacchetti ci sono:
    http://www.lastampa.it

    http://www.lastampa.it/_web/download/pdf/pacchetto_sviluppo.pdf

    etc....

    RispondiElimina
  23. Sul documento della gazzetta del mezzogiorno:

    sempre da fonti de "La Stampa" si dice che
    "L’ultima versione della manovra conta 54 articoli in 146 pagine."

    Quella della gazzetta ha 100 pagine e mi pare 22 articoli.

    Qui stanno rimestando alla grande....

    RispondiElimina
  24. Gli articoli in piu' sono per una parte di "competitivita'" che non e' mai interessata nei nostri discorsi e pure adesso non ci interessa.

    Il punto e' la parte di tagli e risparmi...

    Temo che se la stiano ancora giocando al telefono... comunque oggi come oggi darei molto probabile che la struttura di base del turnover sia quella gia' discussa:
    20% per 2011-2012-2013, 50% 2014, 100% 2015.

    RispondiElimina
  25. Sono veramente scandalosi ...

    RispondiElimina
  26. Tra le altre cose, va detto che - poiche' nonostante tutto non siamo ancora arrivati allo stadio di Giunta Militare - questo decreto, comunque sara' scritto, dovra' essere approvato in Parlamento entro 60 giorni. Lo stesso Berlusca ha messo le mani avanti dicendo che sono possibili modifiche a parita' di saldo.
    C'e' da pensare che le intelligenze dei Parlamentari saranno applicate ed esercitate abbondantemente e in ogni direzione (anche perche' forse vorranno giustificare lo stipendio che ricevono).

    RispondiElimina
  27. Quindi euoroscience fino al 2013 il turn over sara' solo dl 20 % ,poi il 50% el 2014 e il 100 % nel 2015 . Corretto? Ma cosa vuol dire che il turnover sara' del 20 % ?

    RispondiElimina
  28. Attila, come hai visto da giorni ci stiamo esercitando sui numeri che escono, ma i concetti di base sono chiari. Anche sulla scorta del testo pubblicato dal Corriere del Mezzogiorni, sarebbe valido il seguente disposto:

    "Per il biennio 2009-2010, le università statali, fermi restando i limiti di cui all'articolo 1, comma 105, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, possono procedere, per ciascun anno, ad assunzioni di personale nel limite di un contingente corrispondente ad una spesa pari al cinquanta per cento di quella relativa al personale a tempo indeterminato complessivamente cessato dal servizio nell'anno precedente. La predetta facoltà assunzionale è fissata nella misuta del 20% per il triennio 2011-2013, del 50% per l'anno 2014 e del 100% dall'anno 2015. Ciascuna università destina tale somma per una quota non inferiore al 60 per cento all'assunzione di ricercatori a tempo indeterminato, nonche' di contrattisti ai sensi dell'articolo 1 comma 14, della legge 4 novembre 2005, n. 230, e per una quota non superiore al 10 per cento all'assunzione di professori ordinari. Sono fatte salve le assunzioni dei ricercatori per i concorsi di cui all'articolo 1, comma 648, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, nei limiti delle risorse residue previste dal predetto articolo 1, comma 650.
    Nei limiti previsti dal presente comma e' compreso, per l'anno 2009, anche il personale oggetto di procedure di stabilizzazione in possesso degli specifici requisiti previsti dalla normativa vigente. Le limitazioni di cui al presente comma non si applicano alle assunzioni di personale appartenente alle categorie protette."

    con il caveat che con l'adozione del testo finale del ddl "lavori usuranti" rimandato alle Camere da Napolitano ci sara' pure l'emendamento "Ghizzoni Santa Subito" che esclude i contrattisti ex lege Moratti dal computo del 60% di cui al testo sopra.

    Insomma e' chiaro il discorso, in questa o altra forma simile: non c'e' trippa pe' gatti, e per ogni anno N da qui al 2015 le Universita' vengono obbligate ad usare per nuovi reclutamenti un X% dell'ammontare complessivamente liberatosi dalle cessazioni dell'anno precedente N-1, chiaro no?

    Globalmente: da piangere.
    In pratica: il mantenimento di un seppur minimo turnover legato alla cessazione dell'anno precedente fa si' che piu' gente uscira' spintaneamente, piu' risorse potranno essere impegnate.
    Quindi quell'X% potra' manifestarsi come foriero di qualche speranza agli occhi della plebe precaria in tanto quanto si riuscira' - e l'APRI potra' e dovra' mettersi alla testa di siffatta politica - pensionare tanti babbioni... belli o brutti non ci interessa piu' a questo punto, basta che respirino tanto quanto basta a firmare una bella letterina di richiesta di pensionamento anche prima dei 70...

    RispondiElimina
  29. se rimescolano qualcosa.... non è piu probabile che sia per la storia delle abolizioni delle provincie?

    RispondiElimina
  30. A proposito di Provincie, dimenticavamo di ricordare che probabilmente una sola Universita' avra' il cuuolo al sicuro da quasi tutto questo bailamme: quella di Trento.
    A Trento non sono scemi, e sanno fare i conti. Avevano ovviamente annusato la puzza di quello che si stava cucinando gia' da tempo, e, con l'aiuto dei Rotelloni della Provincia e del Porcello Calderoli, si sono secessionati gia' da quest'anno. Insomma hanno fatto marameo a tutti quanti...

    Beati loro, e kudos al grande Davide Bassi, Magnifico Rettore al cospetto del cielo...

    RispondiElimina
  31. Se andiamo a guardare sull'ABC della manovra pubblicato sul sole 24 ore di tagli all'università non si parla propio; per il turn over c'è un riferimento all'intera pubblica amministrazione in cui si dice che viene estesa per altri due anni la limitazione del turn over attuale. Uno specifico vincolo a non aumentare il personale c'è solo per gli insegnanti di sostegno. Probabile che tutto il casotto sia stato davvero per l'abolizione di numerose province, che andava contro l'immagine politica del partito di Bossi.

    RispondiElimina
  32. MeNeVadoAllEstero27 maggio 2010 11:30

    L'ANSA dice di avere una copia del testo finale ma ancora non si trova online.

    RispondiElimina
  33. L'ABC del Sole non e' proprio un ABC...Z, e poi e' sicuramente vecchio, perche' costruito con fonti di 2 giorni fa. Basti vedere su "Costi della politica, riduzione rimborsi ai partiti" dove c'e' scritto che se lo erano ridotto da 1 Euro a 50 cent per voto, mentre sembra che non sara' proprio cosi'...

    RispondiElimina
  34. Si, viva Bassi, ma allora poi alla fine viva Bossi, ognuno si fa i cazzi suoi e ritorniamo tutti nei borghi medievali cinti da alte mura...
    Io pero' onorevoli colleghi la smetterei di fare questa telecronaca del decreto che cambia ogni minuto. Mi sembra di riessere al tempo in cui doveva uscire il DDL della Gelmini. Possiamo aspettare quello che trasmetteranno al Senato (si comincia sempre da li' per le cose rognose, chissa'perche'...)?
    NEl contempo, lo facciamo un comunicato con altre sigle che ci stanno per il pensionamento a 65 anni?

    RispondiElimina
  35. Bassi o Bossi i soldi a Trento arrivano sempre da Roma, tant'e' che noi Veneti li chiamiamo amichevolmente "i terroni del Nord"...
    Sono le peculiari condizioni politiche che consentono a Trento questa condizione.

    Comunque sono d'accordo sul commentare un testo "ufficiale", basta pere mentali...

    RispondiElimina
  36. Concordo su entrambi i punti di france:

    - aspettiamo il testo
    - comunicato sui 65 anni delle associazioni di precari

    Mi sembra che l'idea cominci a far breccia anche dove era considerato un tabu' o magari inutile.

    Inoltre tante idee di compromesso o incentivi possono essere pensati per far accettare l'idea anche ai barontocratici parlamentari:
    * scaglioni per rendere la cosa più graduale;
    * copertura delle perdite economiche che i poveri prof. subirebbero....
    * contratti di insegnamento post-pensionamento.

    Basta che si levino di torno (senza per questo perdere le loro competenze e esperienza decennale)

    RispondiElimina
  37. Passatevi una mano sulla coscienza:
    se qualcuno vi facesse vincere un concorso per posto a tempo indeterminato passando davanti a qualcuno che lo merita più di voi ... quanti di voi sarebbero pronti a NON accettare?
    Non affannatevi a rispondere ...
    allora il problema non è quello di volere il merito, il problema è l'invidia verso chi, oggettivamente, sta meglio.
    Il problema non è mandare in pensione la gente a 65 anni perchè così si liberano risorse ... il problema è che lo stato non da risorse all'Università. Ma siete troppo chiusi nel vostro livore per vederlo.
    Cominciate ad allenarvi a dormire sui cartoni, vi conviene!
    (AM - CNRU)

    RispondiElimina
  38. Il gioco non funziona cosi', caro AM-CNRU, cioe' non ci si puo' basare sulle mere volonta' personali.

    Qui si parla di sistemi, di istituzioni, e quindi di decisioni/politiche/regole sistemiche e/o decisioni/politiche/regole istituzionali.

    Qui si contribuisce alla definizione di (o si propongono idee per) QUELLE decisioni/politiche/regole. Sui comportamenti e sulle circostanze personali non possiamo intervenire allo stesso modo ed anzi e' proprio conoscendo come si comporta la gente che ti vengono le idee per delle norme di altra natura, da riferire a far rispettare ad una comunita', una istituzione, una pluralita' di persone fisiche o giuridiche...

    RispondiElimina
  39. Che si debba attendere il testo definitivo della manovra mi pare ovvio, considerati i precedenti con il decreto Gelmini dello scorso novembre. Comunque, visto che il Governo intende fare cassa, senza però voler apparire come un nemico dell'Università ( sono abili nel "vendere" il loro "prodotto") l'ipotesi più probabile è che il turn over all'Università sia ancora quello imposto dalla legge Gelmini. Così potranno sempre dire di non aver "messo le mani sull'Università". Quanto al prepensionamento, eviterei le polemiche sulle invidie ed altro, che sono sterili. Bisogna guardare in faccia la realtà. Piaccia o no, si va verso un innalzamento dell'età pensionabile per tutti ( lo conferma anche la manovra in atto) e quindi sarebbe irragionevole pretendere un trend diverso per l'Università. Bisogna sparare al bersaglio giusto, cioé la mancanza di fondi, e chiedere un controllo costante della produttività scientifica di chi sta all'Università. Perché insistiamo tanto sui 65 anni e non insistiamo invece sulla riduzione dello stipendio a chi, come nel mio settore(giurisprudenza), è a tempo determinato e svolge una lucrosa professione? Basterebbe introdurre una regola semplicissima. Il docente universitario è a tempo pieno. Senza deroghe. Chi sceglie di svolgere la professione dovrà abbandonare l'Università e usufruire solo di contratti rinnovabili, come avviene per i lettori di lingue. Altro che il prepensionamento a 65 anni.
    Un cordiale saluto a tutti.

    RispondiElimina
  40. @Anonimo

    Ecco, abbiamo l'altro che ci viene ad insegnare come stanno le cose.

    Non solo se avessi seguito il dibattito nel post precedente, ma anche guardando tutti i post pubblicati, e' chiaro che il problema sono i fondi per le universita'! il nostro misero 1.1% PIL; il misero 3.3 ricercatori/mille abitanti (europa 6.6) etc etc etc.

    Il problema e' che i fondi NON ci sono e il governo non sembra intenzionato a darli.

    Sarei il primo a controfirmare una riforma per lo sviluppo in cui si investissero finalmente in innovazione (compresi magari fondi per incentivare la ricerca con le pur piccole aziende (consorzi?))? Vogliamo fare delle proposte? Bene facciamole.

    Ma intanto i fondi NON CI SONO!
    E siamo in EMERGENZA! Soprattutto per i precari che da anni vanno avanti con assegni e cococo e non hanno alcuna prospettiva! E non si parla di prospettive di carriera, ma di vita (professionale e a volte non solo quella)!

    Infine e' dimostrato che la maggiorparte (2/3) degli ultra65 SONO IMPRODUTTIVI!

    Tutto questo punta a dire: pensioniamo gli ultra65, liberiamo risorse. Diamo, a chi lo vuole e ha le capacita', di continuare a fornire la propria esperienza ma come pensionato.
    E finalmente sblocchiamo questa situazione incancrenita.

    RispondiElimina
  41. Nel documento pubblicato sul sito del Corsera ancora resiste la frase (sta li, da ieri notte):
    "Turn over
    L’attuale regime di turn over limitato del personale viene prorogato per due anni. Nulla cambia per l’università".

    RispondiElimina
  42. @bartlindon
    Ti riferivi all'anomimo? O al sottoscritto? Mi sembra di essere intervenuto in maniera elegante, facendo una proposta, come quella di ridurre gli stipendi a chi fa contemporaneamente la professione, investendo i ricavi in nuovi posti. Perché queste reazioni contro chi propone soluzioni diverse dalle vostre o dalle tue? Quando dici: è dimostrato che la maggior parte degli ultra 65 sono improduttivi devi fornire dati. Che peraltro variano da settore a settore. Ad esempio, come puoi paragonare un saggio di un giurista 65 enne alle pubblicazioni di un fisico o di un matematico 65 enne?. Sono settori diversi.
    Prima si individuano dei criteri minimi di produttività per ogni settore e poi, si agisce prepensionando chi non possiede certi requisiti. Punto e basta. Non c'è bisogno di scrivere " ecco l'altro che ci viene ad insegnare come stanno le cose".
    Ribadisco il saluto a tutti, con cordialità.

    RispondiElimina
  43. Il documento di cui sopra e' stato tolto dalla homepage, ma rimane nella pagine economiche

    RispondiElimina
  44. segnalo che il link ha un errore di ortografia...è "paccetto" quando dovrebbe essere "pacchetto"

    RispondiElimina
  45. Ci sono cose sulle quali non si puo'glissare, mi spiace.
    Caro AM-CNRU, VAI A FARE IN CULO!
    Molti di quelli che scrivono qui sopra non hanno vinto concorsi PROPRIO perche'hanno rifiutato il principio del "si passa solo con la spintarella" e hanno cercato di essere semplicemente i migliori. E si sono visti passare avanti, invece, quelli che dici te, ai quali probabilmente appartieni, che invece hanno capito come gira il mondo (insomma, diciamo l'Italia, vai...) ed hanno fatto ricorso a babbino, a CL o a remuneratissimi pompini.
    Vediamo come l'hai vinto te il concorso, per esempio? Dai, fuori nome e cognome!

    RispondiElimina
  46. Scusate,
    qual'è ad oggi il budget complessivo che è necessario mettere sul piatto ogni anno per un posto di RTD?
    un conto è dire il 120% del ricercatore confermato, un altro è il barcamenarsi tra tutte le imposte, tasse e stronzate simili

    RispondiElimina
  47. Mi riferivo comunque a AM-CNRU.

    Per quanto riguarda i dati sulla produttivita' degli ultra65 e' una conseguenza indiretta.

    Nel sistema USA dove non c'e' un limite di eta' per la pensione, ma si lavora solo fino a quando si fa didattica (e la facolta' la ritiene utile) e/o si portano avanti progetti (ovvero si trovano i fondi), solo il 4% del corpo docente ha >65 anni.
    In Italia, dove questo vincolo sulla produttivita' non c'e', sono il 22%.

    Questo indica (a meno che non si dimostri che le capacita' del corpo docente universitario italiano migliorano con l'eta' rispetto ai colleghi USA....) che circa l'80% dei docenti >65 italiani non porta avanti la didattica in maniera utile o non riesce a portare avanti progetti e attrarre fondi.

    Questo vale in media, in generale.
    Poi e' chiaro che in determinati settori la situazione e' meno peggio etc.
    Ma comunque l'idea e': IN PENSIONE!
    Poi, se vogliono contribuire ancora, i mezzi e modi si trovano.

    RispondiElimina
  48. P.S.
    Prima di sentirmi stupidi controesempi su quanto sono bravi i nostri baroni (e sicuramente ce ne sono di capaci):
    essere a capo di un PRIN, che di fatto e' realizzato, scritto da altri, non significa, in Italia, che tu sia produttivo.... significa che la logica, in Italia, con cui si mette a capo di un PRIN un prof invece di un altro e' diversa....
    Se mi parlate di ERC grants o progetti europei allora gia' cambia (ma buona parte dei nostri PO >65 non sanno neanche compilarli).

    E poi l'esempio singolo virtuoso non fa statistica.

    RispondiElimina
  49. AH AH AH AH AH AH AH AH AH, esattamente come pensavo ... preparate il cartone massa di ipocriti.
    (AM - CNRU)

    RispondiElimina
  50. @Andrea
    BArt si riferiva all'anonimo che si firma AM-CNRU.
    Una risposta alla tua domanda l'hanno data Zapperi e Sylos Labini, e lábbiamo gia'ripresentata: in USA dove non si va in pensione obbligatoriamente a 65 anni dal 1994, i prof over65 sono il 4-5%, meno della meta'che in Italia. In USA restano solo quelli meritevoli e motivati (cosi' almeno si dice), in Italia solo quelli motivati (da cosa, immaginatelo tu). Quindi nella massa noi abbiamo un sacco di prof che probabilmente non sono produttivi (a meno che non assumiamo che i prof anziani italiani siano tutti piu'bravi dei prof anziani USA, e allora se vuoi ci mettiamo a fare la conta dei premi Nobel e delle medaglie Fields, ti va?).
    La proposta adottata dal PD e': tutti in pensione a 65 anni, chi vuol continuare a far didattica o ricerca rimane con un contratto a termine di collaborazione,valutato dagli Atenei, Facolta', Dipartimenti o quel che vuoi.
    Insomma, caso per caso, ci si tiene quelli produttivi, gli improduttivi a casa. Sai qual e' il vero problema? E' che a quelli che preme rimanere non e'fare didattica o ricerca che sta a cuore, e' di fare o eleggere le cariche, fare i commissari ai concorsi, insomma rompere i coglioni perche' il loro piccolo stupido mondo continui a girare come dicono loro, anche se ormai non sono piu'capaci di fare nulla di nulla e non capiscono niente del mondo di oggi. Il resto, línnalzamento dell'eta'pensionabile, il costo per il sistema pensionistico, la perdita di illustri cervelli sono tutte cazzate che una prof over65 ONESTO sa benissimo che non rappresentano un ostacolo. Questi vogliono andare a fondo abbracciati al loro forziere come il Pirata Barbanera...

    RispondiElimina
  51. OT a Marco

    Il costo di un ricercatore TD Moratti/Gelmini dovrebbe essere, per l'universita' (al lordo quindi), circa 55.000 euro all'anno.
    Un ricercatore non confermato costa circa 35000.
    Un assegnista 18000-24000

    RispondiElimina
  52. @bartlindon
    GRazie. Ora è chiaro. Il tuo ragionamento è in linea generale valido. Però non si può paragonare un fisico ad un giurista ( il mio campo). Io sono un precario con pubblicazioni che , oggettivamente, sarebbero di gran lunga sufficienti per un posto da associato. Ma non mi sognerei di buttare al macero fior di giuristi 65 enni di mia conoscenza, che scrivono saggi di grande spessore. Mentre invece ci sono 40 enni e 50 enni, ricercatori , asociati o ordinari a tempo determinato che esercitano la professione e non scrivono una mazza. E quando prendono la penna sono dolori. Io ritengo che il reperimendo dei fondi per i giovani debba avvenire con una operazione trasversale, che non guardi tanto all'anagrafe ma alla concreta produttività di ciascuno: a prescindere dall'età.
    Saluti a tutti e speriamo bene quanto agli esiti della manovra.

    RispondiElimina
  53. Comunque se davvero AN-CNRU appartiene al CNRU, si rinforza l'ipotesi che nel CNRU ci siano fior di fancazzisti che cercano di sfruttare l'onda nera, come fecero, loro e altri, gia' nel 1980.

    E' un peccato che i ricercatori TI, alcuni di essi, sfruttino questa occasione storica quando hanno l'opportunita' di battere i pugni sul tavolo, per ottenere miseri vantaggi personali.
    Capisco quando lo fa il singolo; ma come categoria e' un po' meschino.

    Va detto anche che non tutti i ricercatori sono o appoggiano il CNRU.

    RispondiElimina
  54. @Andrea

    Capisco, ma, in questo momento e frangente, non e' possibile fare distinzioni.
    I parametri 'trasversali' di produttivita' si trovano; ma prima in pensione.

    RispondiElimina
  55. l'ultima legge-quadro per la riorganizzazione del sistema universitario, la 382 del 1980, fissò a 65anni l'età di pensionamento, una decisione tradita da provvedimenti successivi.

    ora con la nuova legge-quadro, quella del DDL Gelmini, si tratta solo di ripristinare quella decisione, in linea con quanto accade negli altri paesi europei.

    se non ora quando?

    RispondiElimina
  56. @FRance
    Un'ultima notazione a proposito di quello che sostieni. Certo, mi rendo conto che i baroni vogliono restare in servizio solo per esercitare il potere, come giustamente dici tu. Ma allora stiamo implicitamente dando ragione alla Gelmini. Infatti, nella riforma c'è già il rimedio per questo problema. Chi non produce non va nelle commissioni di concorso e perde gli scatti stipendiali (forse una delle poche cose da salvare in quel provvedimento) Come vedi, ci sono soluzioni che evitano di sparare nel mucchio e colpiscono indistintamente sulla base della sola età anagrafica. Ribadisco. Sono un precario, ma sono contrario ai conflitti generazionali. Rispetto le idee degli altri ma rimango nelle mie posizioni. Invece di mandare in pensione tutti gli over 65, cominciamo a colpire chi ha guadagni extrauniversitari ( consulenze, libera professione, ecc.), e vedrai quanto denaro per i giovani si riesce a racimolare.
    Un cordiale saluto a tutti.

    RispondiElimina
  57. Se davvero AM appartiene al CNRU, sono anch'io molto meravigliato che il CNRU non appoggi la proposta del PD del pensionamento a 65 anni.

    Infatti da un lato tale proposta pone fine ad una fastidiosa diseguaglianza: quella secondo cui, attualmente, i ricercatori vanno in pensione a 65 anni mentre gli associati/ordinari a 70-72 (e mette la parola fine sul prepensionamento Brunetta che si applica, incredibilmente, SOLO ai ricercatori).

    Ma soprattutto, il pensionamento a 65 anni, libererebbe molte posizioni da associato, facilitando così (anche) la progressione di carriera degli attuali ricercatori a tempo indeterminato.
    Lo so che mi si verrà a dire: "ma il Governo deve mettere nuovere risorse". C'è chi dice "nuove risorse per le stabilizzazioni di 30.000 precari", chi (come la CRUI) "nuove risorse per un programma di assunzioni di associati" ... ma il dato oggettivo, purtroppo, è che è difficile sperare che questo Governo possa mettere a disposizione risorse per le università. Purtroppo è così ed è colpa di chi l'ha votato (tra cui non certo io). E' già molto se verranno messe a dispozione risorse per ripianare i tagli del FFO.
    Quindi, mi aspetterei che un ricercatore a tempo indeterminato, e ancor di più un'associazione di categoria, sostenga la proposta del PD, anzichè criticarla.

    RispondiElimina
  58. Quindi il Budget per un Ricercatore a Tempo Determinato 3+3 sarebbe di 300.000 euro per l'Unversita'

    RispondiElimina
  59. @Andrea
    E', come diceva Bart, una questione di 'priorita'. L'Universita' serve salvarla ora, dico domattina, senno' nel tempo che tutti quei bei meccanismi di check and balance che intravedi nel DDL saranno entrati in funzione, ci saranno rimasti solo mucchi di macerie. Nel dibattito nato sul sito dei Mille (imille.org) ho anche detto che se uno vuole PUO' scrivere nell'emendamento sui 65 anni che la norma dovra'essere rivista fra 10 anni (io dico 10 perche' secondo me quello e' il numero minimo di anni perche' le valutazioni, le ANVUR etc comincino a fare qualche effetto).
    Ma la situazione di emergenza in cui sta franando il sitema e' qui ed ora, e ci vogliono delle soluzioni praticabili, che limitino l'impatto sociale ma che rendano disponibili foni da subito. Il criteruio anagrafico non sara' l'ideale, ma un criterio di merito alla cazzo di cane e' molto peggio.

    RispondiElimina
  60. @Andrea:

    c'è un punto, nella proposta sui 65 anni, che viene ignorato da tutti. Da te senz'altro in buona fede, da altri probabilmente in maniera strumentale. La proposta non butterebbe a mare nessuno: chi va in pensione può stipulare contratti annuali per proseguire l'attività accademica. La norma penalizzerebbe solo i fancazzisti acclarati, che non dovrebbero essere più trattenuti, ma questo non riesco a considerarlo un male.

    RispondiElimina
  61. Per dire, a Bari hanno deciso di dotarsi di "criteri di eccellenza" per decidere se concedere o no la proroga di 2 anni quando si compiono 70 anni.
    Quali sono questi criteri? I criteri minimi del CUN ... e abbiamo detto tutto.

    Infatti l'anno scorso la proroga è stata data a tutti coloro che l'avevano richiesta.

    RispondiElimina
  62. scusate l'off-topic:

    qualcuno sa dirmi se sono uscite le date per la I votazione suppletiva della II 2008?
    qui si vocifera 23 giugno, ma non trovo conferma sul sito Miur

    RispondiElimina
  63. ok, trovate, cercavo sulla pagina sbagliata

    RispondiElimina
  64. Beh, se quanto dice mino vuol dire che ha paura che poi i contratti li daranno a tutti, la cosa non mi preoccupa troppo: se sono già in pensione, come dice Albert, possono pure dargli tutti i contratti che vogliono considerando che:
    1. i contratti pesano molto meno dello stipendio pieno
    2. in un contratto c'è scritto che un minimo lo devi fare (un corso, un progetto di ricerca).

    E infine non si può sempre e ad ogni costo trovare le eccezioni poco virtuose e su quello smontare l'impianto. Le eccezioni ci saranno sempre, ma intanto i fondi si sono liberati.

    RispondiElimina
  65. MeNeVadoAllEstero27 maggio 2010 16:12

    @Limitedifruibilita'
    Scusa dove hai trovato le date per la I votazione suppletiva della II 2008?
    Sul sito del Miur io non le vedo!

    RispondiElimina
  66. Limitedifruibilita'27 maggio 2010 16:15

    @ MeNeVado

    http://attiministeriali.miur.it/anno-2010/maggio/nota-27052010-n-2128.aspx

    RispondiElimina
  67. no, io non mi riferivo ai contratti, bensì rispondevo a qualche intervento precedente secondo cui il criterio anagrafico non andava bene e bisognava esaminare caso per caso: purtroppo laddove si è esaminato "caso per caso", abbiamo visto che risultano tutti bravi e produttivi.

    RispondiElimina
  68. [partitaiva]

    Io non eliminerei il tempo parziale ma, più semplicemente ed in modo - credo - più efficace, vieterei di avere la partita iva ai professori universitari. Stop.

    RispondiElimina
  69. Mi scuso anch'io dell'off topic, ma proprio non se ne può più.
    Gli interventi dei soi-disant ricercatori confermati (o CNRU che dir si voglia) sono semplicemente ridicoli: pare di leggere i vaneggiamenti dei berlusconiani sui blog del Corriere nei loro momenti di protervia più sfrenata. Il che dimostra che illudersi, come mi ero illuso per anni, che in questa metà del cielo (quella che sa leggere e scrivere) non si assista a questa manifestazioni di imbecillità è mera utopia. Va bene, mi sbagliavo (a mia discolpa, pongo l'interrogativo: ma quanti membri del CNRU hanno dovuto dimostrare di saper leggere e scrivere per avere un posto? due? tre?). Ora che ce ne siamo accorti, e poiché qui non abbiamo tempo da perdere (a differenza dei ricercatori confermati noi dobbiamo lavorare davvero per vivere), France o chi per lui,ci faresti il favore di mandarli a fare in culo al di fuori dello spazio virtuale del nostro blog? Il mio fegato te ne sarebbe riconoscente. Certo, per il bene della nazione sarebbe meglio se andassero a fare in culo nello spazio siderale, ma siamo solo esseri umani...
    MM.

    RispondiElimina
  70. errata corrige: era "queste manifestazioni" non "questa", naturalmente. chiedo venia.

    RispondiElimina
  71. La CRUI si esprime sul ddl Gelmini
    http://www.crui.it/HomePage.aspx?ref=1900

    RispondiElimina
  72. Un colpo al cerchio e uno alla botte.
    Chiamata dei ric TI ad associati:

    "vengano ulteriormente ampliate,[...] in particolare nei primi sei anni di applicazione, le quote destinabili alle promozioni interne e alle procedure di selezione rispetto ai posti da destinare ad esterni, ciò in linea con la richiesta già fatta di un piano straordinario che consenta ogni anno la promozione di un congruo numero (almeno 2000) di ricercatori a tempo indeterminato che abbiano ottenuto l’abilitazione scientifica nazionale a professore associato;"

    E per i ric TD:
    "vengano meglio garantite le posizioni di tenure track, rendendo vincolante l’avvio delle procedure di chiamata nel caso di superamento dell’abilitazione scientifica nazionale;"

    RispondiElimina
  73. @ euroscience e bartlindon

    la crui NON è veramente interessata a questa riforma del reclutamento. ora come ora vuole solo prender tempo. la strategia è di ottenere riforma governance ora e rinviare sine die riforma reclutamento.

    devo dire che tutto sommato, visto il casino fatto in commissione al senato, mi sta pure bene.

    RispondiElimina
  74. [non sono lo stesso Andrea che ha commentato qui sopra]

    Tra l'altro, per chi dice che mentre aumenta in generale l'età pensionabile, sarebbe ingiusto pensionare a 65 anni i docenti: la quota 65 è quella attualmente in vigore per il pubblico impiego. Se quest'ultima aumenta, naturalmente aumenterebbe anche quella dei docenti.

    RispondiElimina
  75. FAte una prece in memoria dei seguenti enti di ricerca:
    INRIM
    INDAM
    INAF
    OGS
    Istituto Studi Giuridici Internazionali
    Stazione Zoologica "A. Dohrn"
    nonche':
    IAS
    ISAE
    EIM

    Sono tutti morti.

    RispondiElimina
  76. molti erano da tempo morti-viventi

    RispondiElimina
  77. @euroscience
    Discorso interessante, mi associo alla prece (ho collaborato con il brillante Presidente dell'INDAM e ho avuto vari amici che ne hanno tratto assegni e finanziamenti), pero' se dovessi dire che COME ENTE fosse veramente indispensabile per la ricerca matematica, non sarei d'accordo.
    La ricerca nasce essenzialmente nei Dipartimenti, e l'INDAM era piu' che altro un raccoglitore di fondi per iniziative di vario tipo (borse, missioni, convegni).
    Il lavoro dell'INDAM in fondo lo poteva fare un consorzio di Dipartimenti o qualcos'altro del genere. Il problema principale e' che con la scomparsa dell'INDAM, scompariranno i fondi (non molti, a mio parere, in realta') che vi arrivavano. Per gli altri Enti immagino che le cose fossero simili.

    RispondiElimina
  78. Se e' per quello anche il Parlamento Italiano e' fatto da schiacciabottoni a pagamento.

    Il punto e': come organizziamo la nostra ricerca? Perche la organizziamo cosi', e come la giudichiamo? Per riscaldare casa tua metti un termosifone per stanza o uno piu' grande nell'ingresso? Come fai queste scelte?

    RispondiElimina
  79. @ euroscience
    tu vuoi razionalità, ma questo è il paese dei balocchi

    RispondiElimina
  80. Ma possibile che tutti i giornali citano il numero di articoli, le pagine, i commi e nessuno metta il pdf online?

    RispondiElimina
  81. http://attiministeriali.miur.it/anno-2010/maggio/nota-27052010-n-2128.aspx


    Ma avete notato le date "sbagliate" nelle varie sessioni supplettive, in cui prima sorteggiano e poi votano?

    RispondiElimina
  82. @ Gianni

    Te lo dico io perchè: perchè Berlusconi continua a dire che le Provincie non vengono toccate, e invece nel decreto c'e' scritto il contrario.

    Lo vedo con i miei occhi! Cioe' c'e' proprio scritto che abolisce quelle con meno di 220.000 abitanti, tranne quelle delle Regioni a Statuto speciale e quelle confinanti con altri Stati (sic!)

    Il che ti dice che bell'accordo ci sia fra il divo Giulio e il Berlusca... e in particolare i metodi del Berlusca.

    RispondiElimina
  83. @euroscience

    Dici "lo vedo con i miei occhi". Si', ma dove? Hai qualche versione? E' ancora quella di circa 100 pagine, che si e' appurato essere quella ENTRATA in CdM?

    RispondiElimina
  84. @ Gianni

    Le pagine sono 146, inclusi gli allegati. Comunque e' una versione di oggi, vistata con penna all'una del pomeriggio.

    RispondiElimina
  85. Ma quindi tu ce l'hai? e che ci sta scritto sull'università? perchè non la pubblichiamo?

    RispondiElimina
  86. @ mino

    Mah, per me si puo' anche "pubblicare", anche se non so se potrebbero esserci "problemi" nel farlo. Comunque scrivi al tuo presidente e al tuo ex presidente. Sono gia' informati.

    RispondiElimina
  87. Almeno postaci gli articoli su Universita' ed EPR...

    RispondiElimina
  88. @ Gianni

    E' piu' complicata la lettura perche' c'e' piu' casino con i rimandi agli altri decreti, avete capito, no?

    Comunque se devo riassumere, direi che potete andare a letto "un po'" piu' tranquilli. Io vado a mangiare qualcosa, e poi quando torno mi dite cosa ne dicono all'APRI.

    P.S. E' poi e' uno scan, non posso fare cut and paste...

    RispondiElimina
  89. ...soprattutto quelli sul turn-over. Confermato che all'Universita' rimane com'e' e negli EPR viene ridotto al 20%?

    RispondiElimina
  90. turn-over: Universita' uguale
    EPR 20% fino 2013, ecc.

    E' cosi'?

    RispondiElimina
  91. una bozza......

    http://precaridellaricerca.files.wordpress.com/2010/05/bozza-testo-manovra-correttiva-27-maggio-ore-13-00.pdf

    leggendola fa solo riferimento al DL 112 del giugno 2008, convertito poi come legge 133, quello che stabiliva il turn-over nella misura del 20%.

    quanto disposto dalla legge è però stato modificato dalla legge 1 del 2009 (quella della Gelmini).....

    quindi, che vorrà dire? si torna al 20% (attenzione, per unità, non per budget!!!), o rimane valido il 50% (per budget)?

    ed in questo secondo caso, fino a quando dura? 2012? 2014?

    chissà......

    RispondiElimina
  92. Buon appetito Euroscience, e grazie della tranquillizzazione. E' un cardiopalma continuo.
    Comunque non c'e' niente da dire: qua tutto si fa tranne che annoiarsi...

    RispondiElimina
  93. Da una prima occhiata, la legge 133 viene modificata, inasprendola (turn-over al 20%), per gli enti di ricerca.
    Per l'Università invece, incredibilmente, non cambia nulla.

    Non riesco a trovare, però, le "alcune deroghe per l'università" riguardo la sospensione degli aumenti stipendiali (penso ai ricercatori non-confermati, per esempio), che erano invece previste nel famoso documento presente sul sito del MEF.

    RispondiElimina
  94. Insomma se è troppo difficile per i profani datela in pasto ai giuristi come Bombadillo e lui ci dirà! Però fatela girareeeeeeeee

    RispondiElimina
  95. comunicato crui sul DDL:

    http://www.crui.it/HomePage.aspx?ref=1900

    condivisibile su ricercatori TI (2000 posti l'anno per gli abilitati) e i TD (chiamata automatica per gli abilitati)

    RispondiElimina
  96. @ mino

    Certo, vi sono elementi di inquietudine, ancora. Per dirne uno, mancano i commi 13 e 14 dell'Art. 9 (vai a pag. 40 e te ne accorgi...)...

    Insomma, non ci annoieremo neanche nei prossimi giorni, e settimane...

    RispondiElimina
  97. Segnalo questo Comunicato Stampa della CRUI sulla manovra Tremonti (di contenuto "generico", ma in qualche passo interessante)
    http://www.rettore.unifg.it/dwn/Comunicato%20stampa%20-%20definitivo.pdf

    Neanche loro, comunque, avevano un testo "definitivo"...

    RispondiElimina
  98. Bertolaso Due La Vendetta28 maggio 2010 01:29

    tremonti non ci ha commissariato

    http://bracconi.blogautore.repubblica.it/2010/05/27/io-fare-manovra-tu-pagare-mignotte/

    RispondiElimina
  99. Per i numerosi fan dell'ANVUR su questo blog (tra i quali mi ci metto anch'io, seppur con sano scetticismo circa la reale acquisizione di una proficua cultura della valutazione, nelle discussioni tenutesi finora) annuncio:

    HABEMEUS ANVURIM

    Il Regolamento di funzionamento, gia' firmato dal Presidente della Repubblica il'1 Febbraio, e' stato alfine pubblicato nella G.U. di ieri, e andra' pertanto in vigore fra 15 giorni, l'11 giugno.
    Possono quindi essere avviate formalmente le procedure per la nomina del Consiglio Direttivo e le altre operazioni organizzative che conducano alla confluenza di CNVSU e CIVR nella sua struttura.

    Il testo della G.U. e' consultabile anche e.g. qui
    http://www3.unifi.it/uspur/upload/sub/D_P_R_%201_02_10_%20n_%2076_ANVUR.pdf

    RispondiElimina
  100. novità sul testo?
    sulla stampa c'e' ma sarà quello buono?
    (speriamo di si)

    http://www.lastampa.it/_web/download/pdf/pacchetto_tagli.pdf

    RispondiElimina
  101. riflettendoci...che tristezza sperare che sia quello buono......

    RispondiElimina
  102. eurodisney, quelle schede le avevamo gia' viste (stanno anche all'inizio di questo post), e sono state tolte dopo un'ora dal sito del MEF proprio perche' c'era ad es. ancora la diatriba sulle provincie.

    Dal che si deduce che di ballerino ci puo' essere dell'altro. Ad esempio dicono sia ballerino anche l'elenco degli enti da sopprimere, che starebbe avendo una vita "a fisarmonica" - da ciccio a magro a ciccio a magro...

    In tutto questo bailamme da Tramonto dell'Impero Romano, colpisce che nel testo - all'Art. 9 - manchino i commi 13 e 14. Presumibilmente parlavano di Università e stavano li' in qualche versione precedente, ma non sappiamo se sono stati tolti in toto (e non ha fatto in tempo a rinumerare i commi, perche' voleva stampare quella versione in fretta) oppure li ha "accantonati" per riscrivere il testo ad es. per definire quelle primesse eccezioni sugli stipendi, sperabilmente per i ricercatori non confermati. Ma potrebbe esserci ancora un testo sul turnover non del tutto cassato, o forse in parte, chi lo sa?

    Tanto ormai la deadline non e' piu' il CdM, e' la firma autorizzatoria di Napolitano alla presentazione in Parlamento...

    RispondiElimina
  103. Faccio notare che sono peraltro spariti anche i 400 milioni per 2011 e i 350 per il 2012 come rabbocco all'FFO che si leggevano nelle bozze di decreto dei giorni scorsi. Questi soldi "traslavano" in avanti il guadagno di 400 milioni ottenuto con l'ultima Finanziaria. Ovvio che li si puo' rimettere dentro a settembre con la prossima Finanziaria, ma per il momento il divo Giulio ce li ha fatti vedere per un po' ma poi li ha di nuovo nascosti, come Silvan.

    O forse come il Mago di Segrate.

    Segnalo infine l'Art. 44 - Incentivi per il rientro in Italia di ricercatori residenti all'estero, di cui peraltro esisteva una versione gia' in circolazione...

    RispondiElimina
  104. Segnalo la presenza di un testo della manovra sul sito www.cipur.it. All'art. 9 comma 22, in riferimento al blocco delle progressioni stipendiali, risulta che lo stesso parte dal 2011, e non risultano "deroghe". Nel testo non ho trovato riferimenti al turn over università.
    Saluti.

    RispondiElimina
  105. Andrea, e' il comma 21 che interessa il personale accademico, cosi' come tutto il personale non contrattualizzato.

    La sola novita' rispetto alle bozze dei giorni scorsi e' che
    "[...] Per il predetto personale le progressioni di carriera comunque denominate eventualmente disposte negli anni 2011, 2012 e 2013 hanno effetto, per i predetti anni, ai fini esclusivamente giuridici."

    Il che vuol dire che il passaggio di classe rimarra', anche senza la corresponsione del relativo aumento, chiaro?
    Sul turnover abbiamo gia' notato come per l'Universita' non siano piu' presenti i commi specifici ad essa relativi (presumibilmente corrispondenti ai "buchi" dei commi 13 e 14).
    Ma al momento non possiamo dire niente se non vediamo un testo veramente "definitivo".

    RispondiElimina
  106. Quando qualcuno di voi cosiddetti "precari" vuole sputare sentenze sui ricercatori e sulle loro legittime aspirazioni di carriera dovrebbe prima documentarsi un pò.
    Guardatevi questo:
    http://www.ilbelconcorso.it/
    poi ragionate (vorreste essere dei "ricercatori", quindi dovreste essere in grado di farlo) ... se ci sono da risolvere queste situazioni ...

    RispondiElimina
  107. Anonimo
    Te guardati questo
    http://www.eco.unibs.it/~palermo/

    RispondiElimina
  108. Ah, ovviamente, anonimo, per te fino al disvelamento dell'identita vale la definizione "cosiddetto ricercatore". E forse anche dopo.

    RispondiElimina
  109. http://rettorevirtuoso.blogspot.com/2010/05/il-pensionamento-65-un-semplice-ritorno.html

    dati e ragionamenti fondati

    RispondiElimina
  110. Cari Tutti,
    vi chiedo una gentilezza. Da giorni sto cercando sul web un'informazione sui ricercatori TD.
    Terminato il secondo triennio (dopo 6 anni, quindi)i ric. TD acquisiscono l'idoneità da associato. Vi chiedo: vi è un vincolo di assunzione di tali figure da parte dell'ateneo di appartenenza (naturalmente come associati)? Mi spiego meglio, un giurista del mio ateneo sostiene che il 50% degli upgrade da associato debbano essere destinati obbligatoriamente (per legge) all'upgrade dei ricercatori TD (naturalmente in rettorato si sta battendo per disincentivare l'assunzione di ricercatori TD....giusto per bloccare anche questo canale di entrata). Vi risulta? Se sì, mi indichereste l'eventuale documento cui si accenna a tale vincolo? Grazie a chi vorrà/saprà darmi una mano.

    RispondiElimina
  111. Non vorrei creare il panico (personalmente ritengo che alla fine una cosa simile non passera' in parlamento), ma ho sentito dire che a breve ci sara' un ddl che, in conseguenza del limite del 50% alla spesa per precari vari posto nel decreto legge, rechera' una norma per cui tutti i contratti atipici e TD a scadenza non potranno essere rinnovati. Lo stesso soggetto potra' avere un nuovo contratto (atipico o TD) soltanto dopo 3 anni (che e' come dire: cercati un altro lavoro).
    Ripeto: la cosa mi sembra incredibile e schifosa, credo che in Parlamento non passerebbe (ammesso che non la mettano gia' nel decreto legge e non vi pongano la fiducia), ma e' una voce raccolta da ambienti assolutamente affidabili, segno che qualcuno ci sta pensando.

    RispondiElimina
  112. @SRL
    penso che si riferisca alla norma secondo la quale il dipartimento è obbligato a chiamare il 50% degli associati fra il personale non strutturato nello stesso ateneo, ora, se si considera il ricercatore TD un non-strutturato in quell'ateneo (perchè tanto scordatevi che chiamino a Roma tizio che viene da Milano e viceversa...) ecco che in qualche modo se io dip. voglio chiamare un mio ric.TI interno o chiamo anche tizio da Milano o chiamo un allievo interno ric.TD che figura come "forestiero". Come diceva QUELO: l 2° che hai detto!!!!

    RispondiElimina
  113. @ srl
    rispondo per punti
    1. è tutto in forse, dipende se passa il ddl e come viene modificata la parte sui td
    2. allo stato prima di esser chiamato il td deve prendere idoneità da associato nel secondo triennio
    3. poi - dopo aver preso idoneità - può essere chiamato. ma tutto dipende da fondi, da scelte politiche dentor il dipartimento ecc.
    4. la quota del 50% si rifersice agli esterni all'ateneo, non ai td. non è da escludersi che vi siano politiche di scambio: pisa prende i fiorentini e firenze i pisani. in tal modo passerebbero di grado gli RTI e verrebbero sistematicamente fottuti i td.

    in conclusione è tutto in forse e ci vorrà comunque dle tempo perché queste norme vengano applicate. prima deve esser convertito in legge il ddl, poi ci vorranno i decreti attuativi del ministero. ammesso e non concesso che tutto ciò accada davvero e che il progetto di riforma non si impantani. in conclusione non mi fascerei la testa ora...

    RispondiElimina
  114. Ma il Presidente della Repubblica dov'e'? Perche' consente che un CdM si sia riunito, abbia sfornato un verbale di una riunione, e questo verbale sia sostanzialmente falso, visto che dovrebbe esserci scritto che hanno approvato qualcosa che non e' ancora "consolidata"?
    E' un paesuncolo dei balocchi!

    RispondiElimina
  115. In Europa c'e' la Greffa, che sarebbe un Ufficio di Giuristi Rottweiler che stanno col fiato sul coppino all'organo competente nell'adozione degli atti.
    Voi siete italiani, non le volete queste cose perche' volete fare quel cazzo che volete.

    RispondiElimina
  116. MeNeVadoAllEstero28 maggio 2010 17:35

    Sul sito del sole 24 ore è presente una bozza della manovra che porta come data di crezione 28 maggio ore 11:18. Gli ho dato una rapida occhiata e non mi pare di aver colto differenze con quella che avete indicato ieri sera.
    Per chi volesse dargli un'occhiata ecco il link:

    http://www.ilsole24ore.com/pdf2010/SoleOnLine5/_Oggetti_Correlati/Documenti/Norme%20e%20Tributi/2010/05/bozza-dl-manovra.pdf?uuid=67cc6232-6a41-11df-a960-101bdc026dc2

    RispondiElimina
  117. @ MeNeVadoAllEstero

    Finchè non vedremo nero su bianco i commi 13 e 14 dell'Art. 9 staremo sempre a farci le pippe da mane a sera.

    RispondiElimina
  118. Grazie Insorgere!
    Hai confermato i risultati della mia indagine.
    Grazie anche a Mar!

    RispondiElimina
  119. Bertolaso Tre Il Ritorno28 maggio 2010 18:16

    Tranquilli, Berlusconi ha gia' telefonato a tutti gli Enti per dire che non spariranno, e in particolare quelli che stanno a Roma perchè confinano con uno Stato straniero.

    RispondiElimina
  120. un po' di baronazzi firmano i moduli per la pensione per evitare la stretta di tremorti. OLE'

    RispondiElimina
  121. anche io ho questa info

    RispondiElimina
  122. Giulio Tremondi28 maggio 2010 21:10

    Allora e' a questo che serve il ritardo nel decreto, a pensionarsi prima della firma del Berlusca?

    RispondiElimina
  123. bello il curriculum di quel tal palermo ... guardate che è normalissimo (medio direi ... forse mediocre)

    RispondiElimina
  124. Segnalo una riflessione sul pensionamento da parte del cartello sindacale CNU
    http://cnu.cineca.it/notizie06/2010-5_pd_e_pensione_a_65_anni.pdf

    RispondiElimina
  125. @ Giulio Tremondi

    ... o a farli pensionare ...

    RispondiElimina
  126. Magari aspetta a scrivere i commi 13 e 14 dell'Art. 9, sull'Universita', in base a quanta gente ha smammato in questi giorni.

    RispondiElimina
  127. @ euroscience
    dubito che fosse questo l'intento. anche perché se troppi escono per il sistema previdenziale è un problema (mi riferisco alle uscite dalla PA in generale, non solo da università).

    cmq per noi se qualche vegliardo si fa due conti e ne deduce che non gli conviene più occupare la poltrona, tanto meglio. e meglio anche per il sistema

    RispondiElimina
  128. il sistema è morto...

    RispondiElimina
  129. Giulio Tramando29 maggio 2010 00:52

    Qui ogni giorno ne porta una nuova.

    RispondiElimina
  130. Segnalo quello che dichiara Rotella in una intervista al Corriere di oggi
    http://www.alleanzaperlitalia.it/index.php?option=com_content&view=article&id=745%3Amanovra-rutelli-misure&catid=3%3Apolitici&Itemid=46

    "[...] l'opposizione deve avere il coraggio di votare la riforma dell'università del ministro Gelmini. Io lo farò se accoglierà tre proposte innovative, che presenteremo in Senato."

    RispondiElimina
  131. Il Corriere pubblica una bozza lievemente posteriore ripetto a quella che era nota finora
    http://www.corriere.it/Media/pdf/DECRETO-LEGGE_26_maggio_ore_14_20.pdf
    (e' del 28/5 alle 18:22)

    Nonostante ci debbano essere delle minime differenze (si puo' verificare sui contenuti delle pagine finali), ritengo che in effetti non sia sostanzialmente diversa, e in particolare non vedo nessuna differenza sui commi che ci interessano.

    RispondiElimina
  132. Giulio Tremendo29 maggio 2010 02:12

    Siamo a livello di mefistofele

    RispondiElimina
  133. @ insorgere

    Forse questo non e' l'intento di Tremonti, ma di qualcun altro certamente si' ...

    RispondiElimina
  134. Latest version della manovraccia (per gran parte dell'Italia, se non per noi) sul Corriere:

    http://www.corriere.it/Media/pdf/DECRETO-LEGGE_26_maggio_ore_14_20.pdf

    Mi pare di aver capito che sull'Universita' sia tutto come previsto, no?

    RispondiElimina
  135. ChiedereAmministrazioneEuropea29 maggio 2010 08:52

    Il sistema Italia e' definitivamente morto.
    Tutti gli italiani a cui e' rimasto un po' di cervello dovrebbero battersi per una amministrazione controllata del paese da parte di uno stato occidentale per almeno 10 o 20 anni.

    RispondiElimina
  136. http://www.repubblica.it/scuola/2010/05/28/news/studenti_dalla_protesta_alle_proposte-4403175/?ref=HREC2-6

    ah ah
    ahahhahahha
    AHHAHAHHAAHHAHA!
    AAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHRRRRRRRGH!

    RispondiElimina
  137. http://www.repubblica.it/politica/2010/05/29/news/quirinale-decreto-4418741/?ref=HREA-1

    ah ah
    ahahhahahha
    AHHAHAHHAAHHAHA!
    AAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHRRRRRRRGH!

    RispondiElimina
  138. Siamo un paese senza speranza ...

    RispondiElimina
  139. Sono una dottoranda (senza borsa).
    Il prof con il quale lavoro (per carità bravissimo) all'inizio dell'anno scorso mi ha rassicurato dicendomi che c'erano i soldi per coprire il mio lavoro, e che quindi mi avrebbero fatto avere un assegno di ricerca in sostituzione della borsa. Quindi avrei dovuto continuare a lavorare all'uni a tempo pieno.
    Gli ho creduto. Adesso sono passati 6 mesi e dell'assegno non si vede l'ombra, e proprio ieri mi ha detto che forse ci vorrà un pò di tempo, perchè la situazione è difficile e anche a lui hanno ridotto lo stipendio.
    Possibile che non si riesca a capire la differenza fra uno che comunque viene pagato e uno che non vede un euro?
    Penso che sia giusto tagliare gli stipendi ai prof, ma solo se questi soldi vengono utilizzati poi sempre per l'università, per fare borse di studio etc

    RispondiElimina
  140. @ RoseL

    Esistono gli Obiettivi Generali e gli Obiettivi Specifici.
    Fare una manovra che adegui il bilancio dello Stato alla diversa situazione economica odierna e' un Obiettivo Generale di cui non possiamo seriamente evitare di farci carico.

    Altro discorso riguarda gli Obiettivi Specifici. Un Paese che non fosse una burletta avrebbe una Politica, e delle politiche specifiche, di settore, che forgia e cura come si innaffia e si taglia l'erba di un giardino. Analizzerebbe le situazioni con dati chiari e valutazioni esperte. Favorirebbe discussioni su scopi e modalita' dell'azione pubblica. Nel caso di un'economia avanzata, riconoscerebbe l'importanza di istruzione e ricerca. E via discorrendo.

    Ma in Italia la gente non ha mai riconosciuto l'importanza di avere un Paese serio.

    RispondiElimina
  141. @RoseL
    Anche da noi ci sono prof associati che si sono presi la briga di mandare a tutta la facoltà precari compresi, una mail di lamentele perchè non gli venivano accreditati gli scatti stipendiali. Lo so non hanno ritegno, ma basta rispondergli che almeno loro sanno cos'è uno stipendio.

    RispondiElimina
  142. @ Mar

    Loro sanno cos'e' uno stipendio, infatti se lo coltivano per bene
    http://archiviostorico.corriere.it/2010/maggio/27/Scelte_Utili_per_Accelerare_sulla_co_9_100527083.shtml

    Sono gli altri cittadini che non sono capaciti di modificare questa situaizone, e una delle reazioni tipiche e' l'antistatalismo, l'antipolitica, il rigetto "in toto" dell'azione pubblica ecc. che invece negli Stati ben amministrati non esiste, in tale forma.

    RispondiElimina
  143. @ RoseL

    "Possibile che non si riesca a capire la differenza fra uno che comunque viene pagato e uno che non vede un euro?"

    Io penso che oggi sia esattamente questo il punto. La difesa ad oltranza dei privilegi acquisiti e la richiesta di progressione di carriera automatica (e sottolineo automatica) rappresentano un dogma non più sostenibile.

    L'altro giorno parlando con un associato della situazione mia di precario con curriculum da associato, mi sono sentito rispondere:
    "Che vuoi farci, vedi anche io ho problemi a diventare ordinario"
    "Si vabbè.... buona giornata professore !"

    RispondiElimina
  144. @Monticchio
    Stessa mia situazione. Assegnista (da ormai 5 anni), CV da associato e allieva di un ordinario (giovanissimo). L'amico associato del mio capo (altrettanto giovane) si lamenta perché forse non diventerà ordinario.....io (poco più giovane del mio capo) non so se diventerò ricercatrice....la mia aspirazione (non volontaria) sarà diventare ricercatore TD.....a mio avviso un altro modo per chiamare gli assegni: nessuno mi farà cambiare idea su questo.

    La mia fortuna è che il mio capo (con tutti i pregi e i difetti che ha) si è sempre mosso per trovarmi assegni/borse.....non sono mai stata scoperta e so di essere una privilegiata....

    Cara RoseL spero la tua situazione migliori significativamente il prima possibile, per la tua indipendenza, per la tua soddisfazione personale e soprattutto perché STAI LAVORANDO (indipendentemente da quello che si pensa....alla fine il dottorato è un lavoro) e ne hai diritto.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  145. @RoseL
    Vai via. Trovati un posto pagato, possibilmente fuori da questo paese. E' l'unica soluzione, per chi puo'.
    Non farti prendere per il culo oltre

    RispondiElimina
  146. il dottorato gratis in questo paese è una truffa. non serve a nulla. se non sono in grado di coprirti ora non lo saranno nemmeno in futuro, perché più si va avanti più il gioco si fa duro.

    segui il consiglio di france

    RispondiElimina
  147. @RoseL (e pure a SRL)

    ma vi rendete conto che le cose che state dicendo sono REATI?

    RoseL dice "e che quindi mi avrebbero fatto avere un assegno di ricerca in sostituzione della borsa.". Ma lo sai come si fa ad avere un assegno di ricerca? Ci vuole un concorso pubblico.
    Quindi lui ti ha detto "ti farò vincere un concorso pubblico".
    Fino a quando ci sarà gente disposta a dare credito a questi cialtroni, che trattano la "cosa pubblica" come "cosa loro", il problema dei precari nn si risolverà.

    RoseL, se davvero vuoi fare ricerca, valla a fare in un altro posto

    RispondiElimina
  148. Bene, Anonimouse, lucidare i concetti - ormai contorti e corrotti in questo povero Paese - e' cosa saggia ed encomiabile.
    Anche se sei Anonimo, il tuo intervento e' sommamente apprezzato.

    RispondiElimina
  149. Si da' pero' il caso che all'estero quelli che noi chiamiamo "concorsi" per un assegno di ricerca non esistano, che non esistano quelli che noi chiamiamo "assegni di ricerca" ma solo contratti post-doc pagati il doppio o il triplo dei nostri assegni, che all'estero ecc.ecc.

    RispondiElimina
  150. Mo viene da chiedere a tutti: quanti concorsi per assegno di ricerca avete visto con più di un candidato?
    Io nessuno, e lavoravo in uno dei dipartimenti più grossi e produttivi non solo d'Italia ma d'Europa.
    Va anche detto che erano tutti (il 95% almeno) assegni su fondi provenienti da contratti di ricerca con enti europei vinti dai singoli professori o gruppi che poi si sentivano (per me anche con qualche ragione) in diritto di darli a chi volevano, comunque "ti faccio avere un assegno di ricerca" era una frase assolutamente di prassi (anche perchè nella commissione giudicatrice c'erano quelli che avevano i fondi, per cui...).

    Ex-researcher

    RispondiElimina
  151. Ricordo che dal portale EURAXESS
    http://ec.europa.eu/euraxess/index.cfm
    si accede alla sezione "Jobs"
    http://ec.europa.eu/euraxess/index.cfm/jobs/index
    dove la pubblicazione di bandi (oltre che la consultazione) e' gratuita.
    Ditelo ai Vs. responsabili d'ateneo, se non si fossero ancora avvalsi di questa opportunità, peraltro raccomandata nella Carta Europea dei Ricercatori & Codice di Condotta per la loro assunzione.

    RispondiElimina
  152. euroscience il tuo sense of humor è insuperabile

    RispondiElimina
  153. boh io non volevo certamente fare umorismo, ma informazione

    RispondiElimina
  154. Segnalo anche questo Modulo per diffusione bandi, gestito dalla CRUI
    http://concorsiateneo.wufoo.com/forms/modulo-informativo-sui-bandi-delle-universita/
    che ha attivato un proprio servizio consultabile alla pagina
    http://www.crui.it/HomePage.aspx?ref=1824

    In questo caso i responsabili d'ateneo dovrebbero essere piu' informati, visto che e' la stessa CRUI che promuove il servizio. Senza umorismo ne' parte loro, ne' da parte mia nel segnalare questo e ricordare quell'altro, Europeo.

    RispondiElimina
  155. @anonimo (ex researcher)
    In generale la prassi e' spesso stata cosi', ma negli ultimi anni ne ho visti parecchi "aperti", o comunque con molti candidati, a volte vari della stessa sede (o con lo stesso referente) per un unico assegno, nell'area matematico-economica e' sempre + spesso cosi'. A Bologna e nel mio Dipartimento, sono praticamente quasi tutti aperti.

    @euroscience
    Thx per le dritte sui siti, sono sempre + utili ormai.

    RispondiElimina
  156. euroscience, come sai (ma ogni tanto mi viene il dubbio che tu finga di non sapere) quelli non sono "bandi", nel senso itagliano del termine. Si tratta ne' piu' ne' meno di dare pubblicita', il piu' ampia possibile, alle esigenze di reclutamento di un gruppo, dipartimento, universita', cosa che mi trova assolutamente d'accordo. Ma nulla impedisce, in quel caso (in cui non vige l'ipocrisia italica), che un responsabile del gruppo/dip/uni dica PRIMA "ti faccio avere quel contratto". Lo dico per esperienza personale (in UK, non in itaglia!).
    ps. In realta' forse all'estero non si userebbe la frase "ti faccio avere quel contratto", ma piuttosto "abbiamo una posizione, vuoi venire a lavorare con noi?"

    RispondiElimina
  157. @ Lorenzo

    E che cazzo me ne frega se in UK ci sono pure delle trattative private? Per me non ci dovrebbero essere capito? Da esperti nazionali UK mi si dice che e' sempre piu' necessaria una procedura Dipartimentale piuttosto che gestita dal singolo, con il rischio che non si faccia un concorso aperto.

    Questa e' la politica concordata con il settore, nella sua stesura attuale
    http://www.researchconcordat.ac.uk/
    (leggere in particolare pag. 8 di
    http://www.researchconcordat.ac.uk/documents/concordat.pdf)

    RispondiElimina
  158. e mo basta euroscience non devi scassare a chi vive nella realtà e non può fare niente per cambiarla salvo rimetterci il culo

    RispondiElimina
  159. Bertolaso Due La Vendetta29 maggio 2010 20:14

    Lo sapevo che ciavevo qualche ammiratore anche in UK

    RispondiElimina
  160. Letto tutto, caro euroscience (non solo la pagina 8).

    Condivido tutto, caro euroscience.

    Tutto si e' svolto according to the concordat, caro euroscience.

    Ancora una volta, mi sembra tu faccia di tutto per mescolare le carte, caro euroscience.

    RispondiElimina
  161. Nessuno tocchi euroscience!
    L'Italia ha la innegabile capacita' di svuotare il significato delle parole, stravolgere concetti base della civilta' occidentale. Pensiamo alla violenza che hanno subito le parole concorso, selezione comparativa, meritocrazia, merito...
    Continuo a sostendere che dobbiamo trovare parole nuove per questi antichi concetti stuprati da una dirigenza inetta e ipocrita.

    RispondiElimina
  162. Concordo su tutto (salvo sul non toccare euroscience)

    RispondiElimina
  163. euroscience ha il merito di ricordarci come le cose dovrebbero essere.

    d'altra parte chi deve campare deve tener conto - soprattutto - di come le cose sono in realtà.

    @ france
    mica puoi cambiare mezzo vocabolario italiano...e poi stravolgerebbero anche i tuoi neologismi. non sono le parole da cambiare, sono le persone e il sistema. se si cambia la rotta ma non il timoniere non cambia nulla.

    RispondiElimina
  164. con gli attuali gruppi dirigenti ogni riforma è inutile. per far funzionare una riforma, una buona riforma, bisogna anche decapitare la vecchia classe dirigente. la thatcher fece così e funzionò.

    per questo il prepensionamento a 65 anni è una delle premesse necessarie all'ammodernamento del sistema (oltre che al salvataggio di una generazione)

    RispondiElimina
  165. altrocheinsorgere29 maggio 2010 22:14

    ma vi rendete conto che qui è alla firma del presidente della repubblica un testo che non è noto e che è cambiato almeno dieci volte?
    e qui stiamo a farci queste seghe?
    la classe dirigente è questa perché ce la meritiamo...

    RispondiElimina
  166. Bertolaso Tre Il Ritorno29 maggio 2010 22:47

    ascensori comunisti
    http://www.unita.it/news/italia/99334/bertolaso_chiuso_in_ascensore_liberato_dalla_polizia

    RispondiElimina
  167. Cazzata per cazzata:

    http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=104163&sez=HOME_PERSONE

    RispondiElimina
  168. http://www.unita.it/news/scienza_politica/99328/lultima_di_tremonti_chiudere_gli_enti_di_ricerca

    RispondiElimina
  169. Sulla situazione degli Enti si puo' leggere qua e la' di questa fine poco gloriosa della ricerca. Mi limito a segnalare qualcosa per comprendere la situazione dell'INAF dal "Foglietto" dell'USI-RdB (vds. pag. 2), scritto evidentemente poco prima delle ultimissime notizie

    http://www.usirdbricerca.info/images/stories/pdf/foglietto/2010/Foglietto_Usi_2010_19.pdf

    RispondiElimina
  170. @euro
    Nella stessa pagina si ventila Pistella presidente dell'ANVUR, ovvero strangoliamo l'ANVUR nella culla...

    RispondiElimina
  171. Comunque basterebbe istallare pannelli solari sopra l'INAF e tutto sarebbe risolto, io proprio non capisco....

    RispondiElimina
  172. è possibile sapere, magari dalle persone stesse che ci lavorano, a che nuomero ammontano i ricercatori TI degli enti che dovrebbero essere soppressi dalla finanziaria e se gli hanno già detto che fine faranno?

    RispondiElimina
  173. Sull'ANVUR
    Ricordo che il Consiglio Direttivo deve essere indicato dal Ministro da una lista di nomi selezionata da un Comitato di 5 "saggi", e il Presidente verra' eletto dal Consiglio Direttivo, quindi e' assai prematuro e fuorviante ragionare in termini tradizionali di "voci" pre il Presidente.

    Se Pistella e' interessato all'ANVUR, deve candidarsi, intanto, e si valutera' il Curriculum, assieme a quello di tutti gli altri candidati.
    Non abbiamo informazioni finora, ma comunque perlomeno dall'11 giugno potranno essere compiuti gli atti formali. La Gelmini stessa ha parlato di 2-3 mesi per l'avvio, il che e' verosimile.

    Certamente mi interessa sapere chi si vuole cnadidare, perche' da questo discende la "cultura" della valutazione che porta. Pistella non ha una competenza specifica di valutazione, seppure e' ovvio che chi ha fatto il Presidente di Enti ha un profilo che puo' essere utile.

    RispondiElimina
  174. http://www.corriere.it/economia/10_maggio_30/scuola-magistrati-manovra-mario-sensini_0126e178-6bbe-11df-bd8b-00144f02aabe.shtml

    RispondiElimina
  175. Dice che la manovra si "sdoppia": per decreto solo provvedimenti ad impatto immediato, ma tutte le norme "ordinamentali" finiranno in piu' disegni di legge ordinari.

    RispondiElimina
  176. Vorrei segnalare che negli EPR, a causa del blocco del turnover al 20% e al contestuale allungamento di 9 mesi dell'età di pensionamento a partire da quando si maturano i requisiti, nei prossimi 3 anni ci sarà un sostanziale blocco dei concorsi. Se questo è guardare lontano...

    RispondiElimina
  177. Attenzione, che stanno cominciando i mal di pancia della maggioranza. Qualche ministro critica, qulcun altro vuole "ricalibrare i tagli", non vorrei che per trovare i soldi per salvare il Vittoriale e l'onesta Fondazione Craxi si dovesse cercarli da qualche altra parte...facile capire dove.

    RispondiElimina
  178. Certo, che spettacolo desolante vedere che persino il "poeta" Bondi riesce ad articolare parola sui tagli ai "suoi" settori mentre la Gelmini tace sul blocco del turn-over negli EPR! Si giustificherà ancora dicendo "dovevo lavorare", come ai tempi del fortunato concorso per avvocato a Reggio Calabria?

    RispondiElimina
  179. Beh comunque il Vittoriale e l'onesta Fondazione Craxi non meritavano questo trattamento. I finanziamenti ad Enti culturali non sono quelli il male dell'Italia - casomai e' il modo del finanziamento che deve cambiare.

    Anche in questo caso siamo di fronte al peggio del peggio delle discussioni su "Enti inutili" o "perimetro della mano pubblica".

    E direi che ha ragione Bondi lamentarsi di essere stato esautorato, dopo i pomodori se li becca lui. Anche la Gelmini, a dire il vero, lo e' stata, ma Lei ormai ci e' abituata, anzi e' cosi' "per contratto".

    RispondiElimina
  180. Mauro della VIA30 maggio 2010 15:58

    Euroscience ha ragione riguardo all'ANVUR: i giochi sono agli inizi e poi, con l'aria che tira, magari risparmieranno anche nella composizione del consiglio direttivo.

    RispondiElimina
  181. GrandiItaliani30 maggio 2010 17:39

    Peccato che la Commissione europea sia stata formata da poco. Per il posto di commissario alla ricerca la forza e l'autorevolezza della Gelmini sarevbero state l'ideale

    RispondiElimina
  182. Il capogruppo del Pd in Commissione Istruzione al Senato, Rusconi, ha detto " la riforma dell'università, pur essendo uscita prima dalla Commissione istruzione del Senato, si è fatta battere nel calendario d'Aula dal ddl intercettazioni e dalla riforma degli Enti lirici, tanto per dimostrare che il bavaglio ai giornali e alle inchieste della magistratura, nonché i tagli di risorse ai nostri teatri più importanti sono, per il governo Berlusconi, molto più importanti e urgenti della riforma dell'università'".

    io sinceramente non soffro per questo ritardo. a questo punto non è realistico che la riforma approdi alla camera prima della pausa estiva. forse riusciremo ad avere almeno una - forse 2 - tornate di concorsi per ricercatori.

    RispondiElimina
  183. Non l'abbiamo mai vista la Gelmini in Europa. Ce manna er Pizza, che parla un pessimo Francese.

    RispondiElimina
  184. Non doveva approdare l'8 giugno, comunque?

    Se passa in giugno e' comunque un risultato.

    RispondiElimina
  185. Batto cassa
    http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Esteri/Gran-Bretagna-Regina-batte-cassa/30-05-2010/1-A_000108350.shtml

    RispondiElimina
  186. http://www.ilpost.it/ivanscalfarotto/2010/05/30/perche-ci-serve-uno-shock-generazionale/

    sul pensionamento a 65 anni bisogna insistere, è il grimaldello che può consentirci di rompere i vecchi schemi e di entrar e- finalmente - nella modernità

    RispondiElimina
  187. Bertolaso Tre Il Ritorno31 maggio 2010 02:40

    Comunque lo sapete come si fa per avere il posto
    http://www.unita.it/news/economia/99368/la_protezione_civile_assume_la_crisi_non_tocca_parentopoli

    RispondiElimina
  188. E anche il sole 24 ore spara nel mucchio:

    http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp?comeFrom=rassegna&currentArticle=RYK2B

    RispondiElimina
  189. Sparerà anche nel mucchio, ma la notizia di un turn over al 50% invece che al paventato 20% mi sembra, data la situazione, relativamente buona. E' anche vero che pare siano spariti i 400 milioni extra previsti inizialmente. Come dire: potete assumere ma non vi diamo i soldi per farlo.
    Però mi spiegate una cosa? Il turnover si calcola sulle risorse "assorbite" da ogni dipendente o sulle unità impiegate? Mi sembrava di ricordare che ci fosse un computo in base al quale gli ordinari valevano 1 punto, gli associati 0,75, i ricercatori 0,5 ecc. Ad esempio, se vanno in pensione 10 ordinari si liberano 10 punti organico e x-mila euro di risorse provenienti dai loro stipendi. Il calcolo del turn over su che dato lo faccio? Sui punti organico? (nell'esempio, se il turn over è al 50% potrei assumere per 5 punti, quindi, nella migliore delle ipotesi, 10 ricercatori). Sul numero di posti? (ho 10 posti vacanti, posso assumere 5 nuove unità di personale, ergo max. 5 ricercatori) O sulle risorse a disposizione (bisognerebbe sapere quanti sono gli x-mila Euro risparmiati e si può assumere gente che guadagni, in tutto, il 50% di x-mila).
    Grazie a chi vorrà/saprà rispondermi.

    RispondiElimina
  190. @ peppe
    sui punti organico.

    @ tutti
    è finalmente nota la lista degli atenei "non virtuosi", quelli sopra il 90%, che quindi non potranno assumere personale: Siena, Bari, Cassino, Reggio Calabria, L'Aquila, Napoli Orientale

    RispondiElimina
  191. @mino
    Dove l'hai scoperta questa lista? Hai un link?
    Ci sono soltanto i "non virtuosi" o anche le percentuali precise per ogni Ateneo (anche per vedere come potrebbero essere messe l'anno prossimo)?

    RispondiElimina
  192. Il Sole 24 Ore (Rassegna Stampa CRUI)

    RispondiElimina
  193. Forse noi utenti di questo blog dovremmo iscriverci a questo "Il Post" e commentare gli articoli di Carrozza e Scalfarotto. Altrimenti scrivono solo i contrari e si crea l'impressione che la proposta non sia condivisa.

    RispondiElimina
  194. Grazie, Mino, metto il link:

    http://rassegnastampa.crui.it/minirass/esr_visualizza.asp?chkIm=1

    Quello che non mi e' chiaro e': tutte queste (c'e' anche Urbino) non potranno assumere per tutto il 2010 ma anche per il 2011? Oppure magari a settembre 2011 potranno? Perche', a quello che so Perugia e' tuttora bloccata salvo recenti sviluppi di cui non sono a conoscenza. Ma, stando cosi' le cose, forse a settembre potra' assumere.
    Altra cosa: gli autori dell'articolo parlano anche di blocco dei concorsi stessi. Questo pero' mi sembra strano.

    RispondiElimina
  195. @ Arsen
    Non potranno assumere entro il 31/12/2010. Se alla fine del 2010 saranno rientrati sotto il 90% potranno assumere nel 2011.

    Sui posti Mussi, invece, potrebbe anche essere che possano ugualmente assumere. Un emendamento di Valditara al decreto-legge 180 lo consente, però "senza ulteriori aggravi per la finanza pubblica", formula che non mi è per niente chiara in questo caso.

    Mi stupisce molto l'assenza di Palermo nelle università "non virtuose", dato che la stessa Gelmini in Senato aveva parlato di "situazione drammatica".

    RispondiElimina
  196. @mino
    A me stupiscono molto le assenze di Firenze (per cui pero' sono molto contento se tornera' a galla) e soprattutto di Trieste.
    Pero' credo che i concorsi si faranno lo stesso, poi al solito bloccheranno. Sarebbe interessante capire qualcosa in piu' sui tempi di assunzione dopo essere rientrati nella soglia.
    Chiaro che, se non ci sono corsi specifici da assegnare al neoricercatore nel secondo semestre, anche se un'Universita' puo' assumere dall'1 gennaio 2011, e' piu' conveniente assumere a settembre, a inizio del nuovo anno accademico.

    RispondiElimina
  197. A Macerata addirittura ritardano le assunzioni anche di due anni, e intanto assegnano al ricercatore "vincitore" dei contratti pagati pochissimo...

    RispondiElimina
  198. E' rimasto il taglio del 50% di TD e cococo, che mi sembra una bella randellata sia sui contratti attuali sia sugli RTD previsti dal DDL ... poi dall'anno prossimo, senza i reintegri inizialmente inseriti, i tagli del FFO saranno pesanti ... c'e' comunque poco da gioire ...

    RispondiElimina