mercoledì 8 settembre 2010

APPUNTAMENTI



Settembre, si riparte.

VENERDI’ 17 SETTEMBRE 2010, ORE 12
presso l’aula La Ginestra (I piano del vecchio edificio di Chimica nella citta’ universitaria)
Assemblea Rete 29 Aprile

VENERDI’ 24 SETTEMBRE 2010, ORE 12
presso l’aula La Ginestra (I piano del vecchio edificio di Chimica nella citta’ universitaria)
Assemblea CNRU

Da decidere (forse il 29 settembre per festeggiare adeguatamente il 74mo compleanno di Berlusconi) Assemblea dei Precari.

Il DDL alla Camera non e'ancora calendarizzato e la Commissione Cultura non risulta convocata fino all'11 settembre.

Pare, infine, che non si parlera'di FFO fino al 23 settembre.

52 commenti:

  1. nell'elenco degli impegni manca solo la sagra della patatina, guest star Rocco....

    andiamo ragà, la partita è chiusa. cade il governo, si dissolve la maggioranza. di riforma se ne parlerà un'altra volta, con un altro ministro e ricominciando tutto dall'inizio.

    dubito sia un bene per il paese, che di riforme serie avrebbe bisogno. d'altra parte questi semianalfabeti riforme dignitose non le sanno fare

    RispondiElimina
  2. c'e' sempre la possibilita' che il prossimo Ministro sia Gelmini...

    RispondiElimina
  3. FFO quale? quello di quest'anno o quello dell'anno prossimo?

    RispondiElimina
  4. Il prossimo ministro sara' MaryStar.

    RispondiElimina
  5. A proposito di appuntamenti, ma l'inizio dei COLLOQUI dei concorsi con le nuove regole (II tornata 2008) ?
    A Pisa si svolgeranno verso la fine di settembre: sono (credo) i primi banchi di prova per vedere i comportamenti dei commissari. Che io sappia (e come tutti immaginano) i colloqui saranno oggetto di giudizio per titoli e pubblicazioni. In arrivo una valanga di ricorsi ?

    RispondiElimina
  6. Aggiornato il post. Il DDL non e'ufficialmente calendarizzato per Settembre. Dovrebbe significare che sono gia'sicuri che la commissione se la prendera'comoda. La VII non si riunisce questa settimana, tanto per cominciare...

    RispondiElimina
  7. @siuski

    di quale settore parli?

    RispondiElimina
  8. se il governo cade e il ddl non va avanti come verranno espletati i concorsi PA e PO prossimi venturi? mi spiego: nella I sess 2010 non ne sono stati banditi, ma è perchè allo stato attuale non c'è una legge che li governi o cosa? si continueranno a fare concorsi locali o è passato il listone nazionale? l'unica cosa che forse ho capito è che non ci saranno più 2 idoneità ma solo il vincitore. è corretto?
    P.S.
    non è per me ma, a domino, m'interessa...

    RispondiElimina
  9. @ anonimo
    il link del bando, all'interno i settori. http://www.unipi.it/ateneo/bandi/val-comp/tornate/2008/iitornata/bando/index.htm

    RispondiElimina
  10. I concorsi PA e PO possono essere svolti. Senza Governo e'difficile che il MIUR apra le sessioni, ma il DDL non céntra nulla

    RispondiElimina
  11. Precario distrutto9 settembre 2010 00:08

    Forza Fini! Tutti a casa e ddl Gelmini nel cesso. La salvezza per i precari!

    RispondiElimina
  12. Se si vota si vota in primavera. Giusto il tempo di fare la "riforma" dell'Università, che, com'è noto, è forse l'unica cosa sulla quale sono tutti d'accordo, governo (il finiano Valditara ne è stato il relatore, come si sa, e mr. B ha una gran voglia di fregiarsi di "riforme epocali", soprattutto in vista di un possibile voto) ma anche opposizione.

    Perciò l'ottimismo, ahimé, non pare condivisibile.

    Un saluto, e al 17 (Assemblea R29A, http://www.rete29aprile.it/comunicati-stampa/comunicato-stampa-assemblea-nazionale-dei-ricercatori-il-17-settembre-a-roma.html) per chi ha voglia e può!

    massimiliano tabusi

    RispondiElimina
  13. Comunque mi aspetto che la VII della Camera incominci a lavorare sul ddl, senno' cosa fanno questi? MI aspetto che la Commissione venga convocata la settimana prossima e, in congruenza con altre incombenze che pero' a naso non dovrebbero essere eccessive, calendarizzi un po' di lavoro, magari incominciando con nuove audizioni visto che il testo e' cambiato e va fatto un lavoro politico equipollente a quello del Senato.

    Dopodiche' i tempi dipenderanno anche dalla sessione di bilancio, ma intanto che cominciassero a lavorare, perche' opinioni, audizioni, idee e proposte possono mettersi in movimento se si lavora.

    RispondiElimina
  14. @siuski
    sarebbe bene che le commissioni capissero che l'illustrazione e discussione è solo sui TITOLI.
    la legge mi sembra chiara su questo si tratta di due righe.
    il fatto vero è che il barone non ci sta a perdere un'arma per bocciare gli "scocciatori".

    RispondiElimina
  15. @siuski
    comunque tienici informati su come si comportano le commissioni a Pisa

    RispondiElimina
  16. @ eurodisney

    Ti accodi al solito cupio dissolvi: siccome gli esami sono camuffabili, allora aboliamo gli esami.
    Non si fa cosi'.

    RispondiElimina
  17. mi spiegate bene per favore questa storia dell'illustrazione dei titoli?... siccome sono già pronta a fare ricorso... essendo una di quegli "scocciatori" ....

    sara

    RispondiElimina
  18. Per Sara:

    riporto parte di una nota esplicativa della Scuola Normale che riguarda questo punto.

    "L’illustrazione e discussione dei titoli, pur costituendo una fase necessaria della procedura, non rappresenta una prova d’esame oggetto di autonoma e separata valutazione da parte della Commissione ai fini della formulazione dei giudizi sui candidati e, previa valutazione comparativa, dell’indicazione del vincitore."

    Ovvero, sul verbale con i giudizi (valutazione) la commissione non potra MAI scrivere, per es. "il candidato hamostrato sicurezza nella discussione dei titoli..." opp. "l'esposizione e' risultata sufficiente..." etc. NON CI DEVE ESSERE ALCUNA VALUTAZIONE CHE DIPENDA DAL COLLOQUIO!
    Se questo traspare nel verbale, il concorso puo' andare a monte.

    RispondiElimina
  19. Visto in un'altra prospettiva questo si tratuce in una minore arbitrarieta' della commissione, che di fronte a due candidati con notevole disparita' di titoli e pubblicazione (valutazione differente), non potra' "bilanciare" il giudizio affermando che nel colloquio uno si e' comportato meglio dell'altro (come avveniva con le regole concorsuali precedenti, sia negli scritti che orali).

    QUINDI, se nel verbale dei giudizi il vincitore ha, in maniera evidente (e SECONDO I CRITERI STABILITI DALLA COMMISSIONE!!! attenzione...), *meno titoli* di altri concorrenti, la possibilita' di successo nel ricorso e' alta.

    RispondiElimina
  20. @Sara e agli altri
    La questione illustrazioone titoli e(mah?) pubblicazioni e' ANNOSA. A breve pubblicheremo un post specifico su alcuni casi esemplari e sulle possibili strategie "difensive". Siccome vogliamo scendere nello specifico stiamo crecando di metterlo giu' in modo da non farci arrivare la Digos in casa (anche se con me devono fare parecchia strada, eh eh).
    Euroscience, qui non si tratta di cupio dissolvi. C'e' una legge e ci si aspetta che venga applicata su tutto il territorio nazionale nello stesso modo.

    RispondiElimina
  21. @ sara
    Il bando dice che la valutazione verrà fatta sulla base dei "titoli, illustrati e discussi davanti alla commissione e delle pubblicazioni". Ora è chiaro che il mettere le pubblicazioni successivamente nella frase, implica che le pubblicazioni non dovrebbero essere oggetto di discussione.
    E' facile però che il colloquio verta anche sulle pubblicazioni, anche perchè dalle mie parti danno indicazioni (verbali e ufficiose, ma vengono dal membro interno) di studiarsi il proprio percorso "di ricerca".
    Il problema è un altro: come spiegato in una circolare ministeriale del 6/10/2009 che improvvisamente è scomparsa dal sito del MIUR, i colloqui non dovrebbero essere oggetto di valutazione.
    Altro problema è che nei criteri di valutazione, recentemente pubblicati per ogni SSD del concorso, i commissari hanno aggiunto delle soggettive interpretazioni dei criteri indicati dal ministero, che potrebbero favorire i candidati interni.
    http://www.unipi.it/ateneo/bandi/val-comp/tornate/2008/iitornata/criteri/ricercator/index.htm

    RispondiElimina
  22. grazie, Antonio

    ancora una domanda...

    é vero che in fase di colloquio non possono entrare nel merito delle varie pubblicazioni e della tesi di dottorato? Bisogna solo descrivere la propria attività e il contributo personale nei lavori?
    Sara

    RispondiElimina
  23. Ultima nota di chiarimento:
    la commissione stabilisce i criteri di valutazione, ma ATTENENDOSI ALLE REGOLE GIA' STABILITE PER LEGGE (dell’art. 2 del D.M. n. 89 del 28.7.2009 e art. 3 per le pubblicazioni), in genere riportate sul bando.
    http://attiministeriali.miur.it/anno-2009/luglio/dm-28072009-n-89.aspx

    RispondiElimina
  24. @siuski

    E' vero, la nota ministeriale del 6 ottobre 2009 non si trova piu' nel sito del ministero...

    Ma noi del gruppo assegnisti e ric.TD di Siena siamo stati previdenti!
    La nota si puo' leggere qui:
    http://groups.google.it/group/assegnisti-siena/web/ComunicazioneMIUR_6ott2009-Concorsi-Ric.pdf

    RispondiElimina
  25. Perdirindina...9 settembre 2010 11:11

    Comunque sarà interessante ora vedere quanti accetteranno i contratti gratuiti che tante facoltà bandiranno. E qui si capirà anche che vento tira tra i precari. Se si accettano contratti pagati niente da eccepire, ma se un precario va ora a sotituire gratuitamente un ricercatore che "sciopera", è chiaro che siamo alla frutta...

    RispondiElimina
  26. @ antonio
    Grazie, era irrintracciabile.

    @Eurodisney
    Il primo "colloquio" per il settore di neurologia (MED/26)dovrebbe essere stato espletato ai primi di settembre. Esito non trovato su Internet, mi informerò....

    RispondiElimina
  27. @Perdirindina

    In linea di massima hai ragione; lavorare gratis non si fa mai. Ma quanto al rispetto dello sciopero dei RTI, in linea con le pressioni psicologiche che si stanno esercitando anche qui a Uni-NordEst, bhe...diciamo che, per usare un eufemismo, fanno di molto girare 'oglioni. La protesta dei ricercatori ha come unico obiettivo quello di dirottare risorse agli avanzamenti di carriera (oggi sui giornali quelli di Verona l'hanno persino dichiarato!) evitando il pericolo di entrare in concorrenza con i (molto più qualificati mediamente) futuri RTD. Tutto qui. Devo dire che non nutro molto rispetto per questo sciopero tutto pro domo sua. Come del resto non ne nutro quasi mai per i vecchi rottami ope legis ora sindacalizzati...

    Marcmond

    RispondiElimina
  28. Perdirindina...9 settembre 2010 13:35

    intendi credo questo

    http://corrieredelveneto.corriere.it/verona/notizie/cronaca/2010/8-settembre-2010/universita-lezioni-rischio-cento-ricercatori-sciopero-1703720780740.shtml

    http://www.larena.it/stories/Home/181456_i_ricercatori_non_mollano_lezioni_a_rischio_in_4_facolt/

    RispondiElimina
  29. Io credo che non si possa far altro che porre un'unica condizione ai RTI: non li sostituiremo se da parte loro arriverà una netta dichiarazione in difesa del 60:30:10.
    Perché APRI non avanza ufficialmente questa proposta?

    RispondiElimina
  30. Improbo difendere il 60:30:10 in un momento in cui l'anno accademico non riesce a partire.
    Le Università sono fatte per insegnare.

    RispondiElimina
  31. Il Ricercatore a Vita e' uno dei guasti del sistema che ci tiriamo dietro dal 1980.

    RispondiElimina
  32. L'associato e l'ordinario a vita no, invece?

    RispondiElimina
  33. @ albert e tutti quanti

    lasciamo perdere tutto. è inutile preoccuparsi di quel che faranno gli RTI. la loro protesta cadrà nel vuoto, sono pronto a scomettere che nella stragrande maggioranza dei casi torneranno all'ovile col capo chino.

    peraltro viene a cadere anche il motivo della loro protesta perché il DDL salterà sicuramente.

    il vero fronte, ora, è l'FFO. dobbiamo ESIGERE più fondi subito

    RispondiElimina
  34. Si e no. Come diceva oggi una ragazza nella lista nazionale, la difesa del 60:30:10 è la nostra linea del Piave. Se cede siamo tutti morti.

    RispondiElimina
  35. @ Albert

    infatti si puo' fare qualcosa anche per loro:
    1) contrattualizzare il rapporto di lavoro
    2) abolire l'Articolo 18

    Cosi' si puo' mandarli via piu' facilmente, come faranno ad es. in UK con i tagli che si ritrovano, anziche' bloccare il turnover.

    Invece noi, a capo chino a difedere gli insiders.

    RispondiElimina
  36. "Infatti" proprio no.
    Se si aboliscono tutte le posizioni a vita, possiamo anche cominciare a ragionare. Ma se si mette a scadenza solo chi è in basso, allora si precarizza e si va a peggiorare perché le mafie accademiche non potranno che essere rafforzate dal potere di vita o di morte su chi è più in basso.
    Purtroppo quest'ultima cosa è quella che fa la Gelmini e prendendosela solo contro il "ricercatore a vita" anziché contro i "professori e i ricercatori a vita" fai inconsapevolmente il gioco delle mafie, non della definizione di un sistema migliore.

    RispondiElimina
  37. Nota Bene che non me la sto prendendo con i Ricercatori in quanto persone fisiche, e poi senz'altro i Professori sono piu' responsabili dell'andamento della gestione accademica.
    Dico che _il ruolo_ di sola ricerca, a tempo indeterminato, quale è quello configurato dal 1980, è una situazione insostenibile e irrazionale.

    Spero sia chiaro.

    RispondiElimina
  38. @ Albert
    puoi mettere le quote e le proporzioni migliori del mondo, ma senza FFO non ci sarà nessun turnover.
    tieni presente che i neo-idonei associati e ordinari possono aspettare fino a 5 anni la chiamata...loro non hanno fretta.

    RispondiElimina
  39. chiarisco: volevo dire senza FFO DECENTE.
    Ci vuole circa un miliardo e mezzo per raggiungere la decenza....

    RispondiElimina
  40. @ insorgere

    Allora puoi gia' apparacchiare la cena per l'indecenza...

    RispondiElimina
  41. @euroscience
    il tuo commento non mi è piaciuto.
    non era quello che intendevo.
    comunque....

    @sara
    @tutti
    la valutazione deve essere fatta ANALITICAMENTE.
    e questo è scritto... ma cosi vuol dire?
    secondo me, avendo seguito l'iter della legge, nel verbale deve risultare il giudizio dei canddati su ogni punto a)-j) ed a)-c) per i titoli preferenziali.
    poi la commissione decide comparativamente chi vince.
    questo perche si è voluto levare il giudizio generale e dare la possibilità al candidato di confrontare proprio giudizio rispetto agli altri su tutti i punti, cosi se su qualche punto i conti non gli tornano puo farsi sentire.
    con il giudizio generico non si sapeva dove andare a parare.
    io la vedo cosi

    RispondiElimina
  42. Mi riferisco piu' che altro al concetto generale, non tanto alla tua posizione/richiesta.

    Valutazione analitica vuol dire "elemento per elemento, con riferimento esplicito a criteri". Si oppone a "sintetica" che e' il tipo di valutazione in vigore ad es. nei concorsi per ordinari e associati.

    RispondiElimina
  43. R29 Aprile = venduti

    RispondiElimina
  44. Gli r29a si sono svegliati solo adesso che vedono minacciata la "fila", ma espongono (finalmente) un problema reale: la schiavizzazione al di la' dei doveri formali del ruolo (e il fatto che il sistema lo consideri ovvio e doveroso).

    RispondiElimina
  45. @euroscience
    @sara
    concordo sull'analiticamente.
    nei verbali quindi si DEVE poter leggere il giudizio del candidato su ogni punto.
    e se non fanno?
    diciamo che un ricorso li obbliga a rimettere mano ai verbali e tirare vuori il giudizio analitico.
    e da questo si deve capire perche il vicitore ha vinto.

    RispondiElimina
  46. Cosa vuol dire "Titolo prefereziale " ? Secondo la legge se uno hail titolodi Dottore di Ricerca ma ha molte meno pubblicazioni e partecipazioni a congressi come relatore di un altro candidato,la commissione come si comportera'?

    RispondiElimina
  47. Un 'ltro quesito riguardo i Concorsi.Sto effettuandoun Concorso vecchia legislatura e ioe' con scritti ed orali .La commissione si e' riunita e ha deciso i criteri di massima per valutazione titoli edesami stravolgendo il bando: 8 punti per "attivita' accademica",5 punti per Dottorato,1 per laurea con lode,1 per specialia' ed il culmine e' stato la valutazione delle pubblicazioni; pur non essendoci un limite al numero di pubblicazioni da presentare haassegnato un massimo di 20 punti attribuibili e dicendo attribuito 1 punto per ogni pubblicazione non indexata e 3 per ogni pubblicazione Idexata; quindi chi ha 130 pubblicazionie' equivalente come punteggio a chi ne ha 20. Secondo voi e'perseguibile di ricorso?

    RispondiElimina
  48. Secondo me qui parecchi presupposti sono sbagliati: lavoro anch'io in un'università del Nord-Est, gli RTI che protestano sono quelli più giovani, quelli ope-legis (e non è certo un caso) non protestano. Tra i precari ne vedo di tanti molto più scarsi e leccaculo degli RTI "giovani" (nel senso di entrati da poco), che stanno in un'altra fila e sgomitano anche molto più degli RTI. Se non si cambia l'accesso agli assegni e, soprattutto, ai contratti, qui non se ne esce.

    Fanno invece la parte loro i ricercatori che giustamente protestano. Per i precari che stanno zitti in fondo cazzi loro, qui si voleva fare qualcosa mi pareva...

    RispondiElimina
  49. @Peririndina

    bella la tua università; mi piacerebbe lavorarci. Forse viviamo in due Nordest differenti. Salvo la notazione generazionale: non è che qui i giovani RTI non protestano per avere la carega da associato senza muoversi, lo fanno ANCHE loro; sono solo un po' meno viscidi dei vecchi - e forse se lo meritano anche di più. Fermo restando il concetto che non ho mai visto un RTI avere il posto perché se lo meritava. A volte se lo meritava anche, ma era una condizione non necessaria e certo non sufficiente.

    Marcmond

    RispondiElimina
  50. Dipenderà da facoltà diverse, non so. Da noi vincono regolarmente persone di fuori. E io qui intorno questi precari meritevoli e meno viscidi dei RTI proprio non li vedo...

    RispondiElimina
  51. [UnRicercatore]

    @marcmond, peririndina

    Bravo peririndina, ricordiamoci SEMPRE che dottorandi e assegnisti sono COOPTATI esattamente come RTI e compagnia; che le borse, gli assegni e i contratti sono di fatto ASSEGNATI, non vinti, e che i sedicenti o effettivi genii precari che ne beneficiano lavorano entro GRUPPI di ricerca.
    Se parlaste del mondo reale sarebbe molto meglio

    RispondiElimina
  52. Allora il 17 tutti alla sapienza con uova e verdura marcia!

    RispondiElimina