martedì 22 settembre 2009

L'EUROPA RISPONDE



Giunge a distanza di due settimane la risposta del commissario europeo Potocnik.
In sostanza, ci sono nel cuore, ma ce la dobbiamo vedere con Governo italiano...

39 commenti:

  1. Bel riconoscimento questo, France!
    Forse vale la pena publicizzarlo sui giornali, chissà?


    P.S. Ho eseguito le dettagliate istruzioni di Bartilindon e ora la grafica dovrebbe essere migliorata.

    RispondiElimina
  2. Renzino l'Europeo22 settembre 2009 22:52

    La Commissione Europea risponde a tutti, caro il mio France. Non sono mica come quei buzzurri del Governo Italiano !!!!

    Comunque sei il benvenuto in Europa, come tutti i ricercatori precari, l'APRI, ecc. - di cui si tiene maggior considerazione a Bruxelles che nel microcosmo romano, come ho tentato di spiegarti piu' volte... :-))

    RispondiElimina
  3. la commissione ha rispoto quel che ci si poteva aspettare, ovvero che non sanno che farci se siamo governati da una manica di ......

    @ renzino
    l'apri non ha confini. però, anche alla luce di quanto ribadito in questa lettera, mi chiedo: che può fare concretamente, oggi, per noi l'Europa?
    i principi, le carte dei diritti sono belle e sacrosante. ma finche non saranno vincolanti e non ci saranno sanzioni per chi ci si pulisce le dorate chiappe...

    RispondiElimina
  4. @Renzino
    Che l'Europa ci possa far poco lo si sa. D'altra parte un paese che fa governare la Lega si merita di essere ignorato dall'Europa (qualunquismo delirante). Credo che dovremmo cercare di avere una audizione al Parlamento Europeo, e magari filmarla e metterla su Youtube come fa B.Grillo. NOn mancheremo anche di girare il botta e risposta ai media.
    O, ma che te eri diventato prof mica lo sapevamo: te lo sapevi?

    RispondiElimina
  5. Scusate, ma questo blog diventa sempre piu' il blog APRI e pubblicizza solo le iniziative apri.
    E anche nelle risposte mi sembra si stia perdendo la bussola di quello che viene fatto, si sta facendo, si potrebbe fare.

    RispondiElimina
  6. @ anonimo
    1. se magari ti scegli un nick è più facile interloquire, riconoscere le tue posizioni ecc.
    2. sei libero di fare proposte, critiche, elaborare strategie. dicci tutto quel che pensi.
    però non basta dire genericamente che "si è persa la bussola". dicci secondo te cosa va fatto, entriamo nel merito.

    RispondiElimina
  7. La stampa oggi e' uscita con molti articoli sul DDL.

    RispondiElimina
  8. Si, al solito tanti articoli sul nulla, sull'annuncio della riforma. Il Giornale (e vabbe') come se addirittura domani partissero i panzer all'attacco della Minerva... Mi chiedo come facciano a campare cosi' di NON-notizie...

    RispondiElimina
  9. 1. il ddl NON esiste
    2. è opportuno fare proposte, precise, puntuali, articolate ora - prima che il testo giunga a maturazione.

    scrivete cosa vorreste che ci fosse nel ddl, con riferimenti concreti. cosa vorreste per il reclutamento, cosa per la tenure-track, che tipo di articolazione tra le fascie ecc. ecc. ecc.

    se vogliamo farci sentire dobbiamo elaborare una piattaforma chiara per tempo. l'apri, per conto suo, ha avviato la riflessione. tuttavia sarebbe utile sentire il parere di tutti, ogni proposta può essere utile

    RispondiElimina
  10. si discute di un ddl che nessun conosce.
    qualcuno ha visto bozze recenti?

    RispondiElimina
  11. mi è stato fatto notare che una mia precedente presa di posizione contraria al ddl (perchè temo che porti a ulteriori blocchi e ritardi) rischiava di passare come "posizione apri".

    dunque chiarisco che parlavo a titolo personale.

    l'apri non è a prescindere ne favorevole ne contraria al ddl. dipende da come sarà il testo e da quali effetti produrrà.

    RispondiElimina
  12. ragazzi, a quanto pare siete dei gran bravi rompipalle....

    http://www.uniss.it/documenti/concorsiRicercatori/D.R_2017_-_rettifica_e_riapertura_termini.pdf

    RispondiElimina
  13. Insorgere propone un tema FONDAMENTALE: discutere del DDL su bozze recenti.

    E' vero, la scadenza dei posti Mussi, il DM sulle nuove regole per i ricercatori, la riapertura della I sessione 2008, tutto molto importante, ma il DDL è qui per rimanere!!! (perchè questi staranno al governo per i prossimi vent'anni! no, dico, avete sentito che franceschini, bersani e marino litigano per mettere o non mettere i manifesto? cosi' non si va da nessuna parte!)

    DDL, dunque. Io conoscevo una bozza di aprile 2009, qui: http://cnu.cineca.it/notizie06/ddl_bozza_2_aprileii.pdf

    e un confronto tra bozza Gelmini e proposta Pd qui, datata giugno 2009:
    http://cnu.cineca.it/nazionale06/2009-6_confronto_bozze_ddl_gelmini-pd-a_cura_cnu.pdf

    nulla di piu' recente?

    grazie

    RispondiElimina
  14. (il secondo documento CNU parla di una bozza DDL Gelmini di metà Giugno... Boh?!)

    RispondiElimina
  15. [UnRicercatore]

    La riga nera fatela un po' più sottile che ora sembra tanto dividere messaggi del tipo

    "Si è spento serenamente.."

    oppure

    "Munito dei conforti religiosi.."

    RispondiElimina
  16. Ah ah!!! E' vero, ha un che di "mortuario"...

    RispondiElimina
  17. Giusto UnRicercatore!
    Insorgere: metti il colore un po' piu' chiaro (es #666) e la linea a 2px

    Per il DDL, in un vecchio post sul forum RNRP si faceva riferimento ad una bozza di meta' maggio: http://ricercatoriprecari.wordpress.com/2009/05/18/nuova-bozza-decreto-di-legge-delega-governance-e-reclutamento/

    RispondiElimina
  18. @ orgogliosardo

    nel caso di sassari ci siamo andati giù pesante: parallelamente alla campagna di stampa nazionale contro i limiti alle pubblicazioni (in cui sassari è stata sputtanata con altri), gli abbiam mandato una educata letterina in cui - facendo riferimento alla legge che consenti di porre limiti solo nella misura in cui questo non inficia una seria valutazione - gli abbiamo ricordato che i loro limiti erano inferiori a quelli del CUN e abbiamo sommessamente minacciato azioni legali.
    dopo non molto, tracchete....hanno cambiato i bandi e - seppure non cancellato il limite - lo hanno cambiato da 3 a 8. ora sanno, loro ma anche tanti altri rettori a cui abbiamo mandato affettuose missive, che c'è qualcuno che vigila e prende provvedimenti. e che se faranno cazzate verrano sputtanati a mezzo stampa (o peggio).

    RispondiElimina
  19. @ orgogliosardo
    perchè non ti iscrivi ad apri?

    RispondiElimina
  20. @ insorgere

    Perché condivido ed ammiro ció che avete fatto finora, ma sono profondamente contro la chiamata responsabile. Non perché non sia un principio giusto, ma perché convinto che applicato alla poca eticitá del nostro popolo servirebbe solo a dare mano libera a baroni e servitori per fare i loro porci comodi e non doverne piú rispondere. E son certo che venderebbero un paio di publicazioni per una grande produzione scientifica se fosse necessario giustificare qualche cosa. Ed ancora perché son convinto che i figli di nessuno abbiano qualche possibilitá in piú con le attuali, nuove regole. Mi limiterei insomma a battermi per una buona applicazione, come peraltro state facendo alla grande.

    RispondiElimina
  21. Rispondo all'appello di insorgere.

    Qualche proposta per il DDL sul reclutamento dei ricercatori (e pregresso)

    - assegno di ricerca max 2 anni, incompatibile con dottorato e post-doc
    (finanziabile su progetti od altro, ma non FFO)
    - dottorato 4 anni (solo con borsa)
    - due anni di _solo_ studio - formazione III livello
    (no ricerca, no didattica)
    - due anni di sola ricerca (no didattica)
    - _unico_ tipo di contratto per posizione post-doc: RTD
    - max 6 anni
    - valutazione all'ingresso con commissione esterna (referee esteri)
    - eventuale "bonus" nella valutazione se PhD ottenuto in altro ateneo
    - stipendio 150-200% RTI (la precarieta' ed il rischio, _reale_, di non
    entrare stabilmente devono essere remunerati)
    - finanziabile su FFO, ma anche su fondi esterni
    (qui ci vorrebbe un sistema di pesi e contrappesi,
    per non danneggiare gli SSD che intrinsecamente non hanno
    capacita' di attrarre fondi esterni: non ho le idee chiare)
    => obbiettivo: sfruttare i finanziamenti esterni che per universita'
    tecniche sono dello stesso ordine di grandezza del FFO
    - per la ricerca/gestione fondi/presentazione progetti: equivalenza
    totale con RTI (in modo da garantire all'RTD ampia liberta')
    - tenure-track per l'ingresso come RTI (o come associato?)
    - esame tenure al 5 anno
    - commissione mista (interni alla facolta' in mumero minore,
    referee esteri in numero maggiore)
    - per i primi tre anni obbligo di assistenza ai corsi
    (con tetto massimo)
    - dal quarto cultore della materia e possibilita' di tenere corsi
    - il n. totale di posti RTD banditi ogni anno non dovrebbe superare un
    multiplo ragionevole (fissato per legge) del numero di RTI effettivamente
    disponibili: es. max 3 volte
    => obiettivo: garantire una reale possibilita' di entrare a chi e'
    sulla tenure track
    => questa e' una nota dolente perche' vorrebbe dire avere una pianificazione pluriennale seria dei posti...

    Obbiettivo di questo percorso: garantire una stabilita' nel tempo ma ridurre progressivamente la base con strettoie progressive (ovviamente relativamente a RTI, II e I fascia, sono per la piramide dritta a base larga).

    RispondiElimina
  22. Arghh ... molti punti elenco avevano indentazioni multiple ... cosi' e' molto poco leggibile: e' possibile postare con dei codici simil-HTML?

    RispondiElimina
  23. Articolo sui ricercatori a TD sulla Stampa.
    http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2009/09/24SI54013.PDF

    RispondiElimina
  24. Ottimo!
    (l'articolo ... pessimo il rapporto tra bandi TI/TD)

    RispondiElimina
  25. Ecco un'altra bella figura....

    http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/cronaca/denuncia-medico-usa/denuncia-medico-usa/denuncia-medico-usa.html

    RispondiElimina
  26. Mors tua vita mea24 settembre 2009 12:08

    riceviamo e volentieri pubblichiamo:

    ------------
    Cari colleghi, il Senato ha bocciato anche in aula tutti gli emendamenti
    presentati in favore dell'esclusione dei ricercatori universitari dalle
    norme sul prepensionamento coatto.
    A dire il vero sono stati presentati emendamenti sia dall'opposizione che
    dalla maggioranza. In quest'ultimo caso da parte del presidente della
    commissione istruzione Sen. Possa del PdL che è stato invitato dal governo
    a ritirare l'emendamento.
    L'operazione bipartizan in favore dei ricercatori non è riuscita per
    esclusiva responsabilità del governo e non della sua maggioranza
    parlamentare che in commissione aveva più volte ribadito la necessità di
    sanare questo problema che discrimina fortemente i ricercatori rispetto
    alle altre fasce. E' quindi il governo che continua la sua azione
    pervicace contro i ricercatori universitari, in palese contraddizione con
    le dichiarazioni ministeriali sull'importanza della ricerca e dei
    ricercatori stessi per lo sviluppo del Paese e in barba alle dichiarazioni
    di autorevoli esponenti della maggioranza, anche universitari, costretti a
    fare marcia indietro.
    Se ne deve concludere che è il Governo ad essere contro lo sviluppo del
    Paese, contro l'attività didattica e di ricerca di molti nostri colleghi
    che hanno lavorato nelle università e che, alla soglia dei sessant'anni,
    si vedranno recapitare il benservito. Più anti-italiano di così...

    Marco Merafina
    Coordinamento Nazionale Ricercatori Universitari

    RispondiElimina
  27. La posizione Apri sulla questione è che tale regola fosse ingiusta non perchè per la questione del (pre)pensionamento, ma perchè riguardava solo i ricercatori e non anche i professori associati e ordinari e avrebbe voluto non solo l'approvazione, ma una sua estensione in quell'ottica

    RispondiElimina
  28. Diciamolo chiaramente... la norma per i ricercatori va bene perchè sono sfigati che non sono riusciti a trovare in tanti anni il canale giusto per diventare associati o ordinari (dunque, secondo la prima legge non scritta della Repubblica Italiana Delle Banane, vanno puniti). I furbi che invece ci sono riusciti vanno tutelati... Il sillogismo non fa una piega!

    RispondiElimina
  29. http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/cronaca/denuncia-medico-usa/denuncia-medico-usa/denuncia-medico-usa.html

    RispondiElimina
  30. W il neo-liberalismo

    RispondiElimina
  31. W chi aspettava di vedere il proprio FIRB giudicato equamente e 'eticamente' dalla commissione (che ancora non esiste.)!
    Povero illuso...

    RispondiElimina
  32. A Gianluca,

    il dottorato 2+2 mi sembra una fesseria. Può andare nel sistema anglosassone, in cui si può accedere dopo il Bs, ma in Italia la laurea magistrale è sufficiente per cominciare a fare ricerca. La formazione e un po' di didattica si possono fare in parallelo con la ricerca.
    Con il 2+2:
    si ridurrebbe il tempo dedicato alla ricerca -> meno pubblicazioni;
    si finirebbe un anno più tardi, e già cominciamo l'univesità un anno dopo e impieghiamo mediamente più tempo a laurearci che all'estero.
    In questo modo i nostri PhD sarebbero meno competitivi.

    RispondiElimina
  33. Mozione del CUN su bandi ricercatore
    http://www.cun.it/media/103070/mo_2009_09_24.pdf

    RispondiElimina
  34. Caso Fiocchi:

    - post di Marco Cattaneo
    http://cattaneo-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2009/09/24/il-vizietto/

    - annuncio Gelmini su reazione
    http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/cronaca/denuncia-medico-usa/annuncio-gelmini/annuncio-gelmini.html

    RispondiElimina
  35. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  36. a me la denuncia del Prof. Fiocchi, di cui si parla oggi su Repubblica.it non è piaciuta. Vi spiego perchè http://occhichesannoguardare.myblog.it/archive/2009/09/24/la-dannosa-ed-inutile-denuncia-del-prof-fiocchi.html#more

    RispondiElimina
  37. Saro' buono e diro' la mia qui invece che sul mio blog, Corrente Mese.
    Secondo me tutto e' ancora piu' assurdo: qualche cazzone di funzionario del ministero NON SA cosa sia la peer review e a domanda :"A chi hanno mandato il mio progetto?" ha risposto:"Al Professor Fiocchi". Visto come vanno le cose al MIUR, non me ne stupirei affatto. E comunque sia, bisognerebbe trasferirli tutti alla Missione Italiana in Antartide dall'usciere al Direttore Generale...

    RispondiElimina