venerdì 19 marzo 2010

Parte il PRIN 2009 (sì, 2009, non c'è un errore di stampa) ... l'ultimo finanziato dal Governo Prodi

Sarebbe in fase di emanazione il Decreto Ministeriale relativo al "PRIN 2009", una delle pochi fonti per finanziare ricerche in Italia.
Il blog dell'APRI è in grado di fornire un'anteprima del testo del bando, reperibile a questo link (una delle novità è che anche i contrattisti legge Moratti  potranno essere coordinatori di progetti di ricerca).
No, non c'è alcun errore di stampa ... stiamo parlando proprio del PRIN 2009 ... anche se siamo ormai a 2010 inoltrato! nella situazione ormai drammatica in cui versa la ricerca italiana, diventano ancor più imperdonabili questi enormi ritardi nella semplice emanazione di decreti per finanziare soldi già stanziati.  
Anche questo bando, come il Prin 2008 e il Firb 2008, è totalmente finanziato con soldi stanziati dal Governo Prodi, come implicitamente conferma il Sottosegretario Pizza in una sua risposta ad un'interrogazione parlamentare degli On. Ghizzoni, Bachelet, Madia, De Pasquale. Si tratta del finanziamento per gli anni 2007-2008-2009, dei cosiddetti fondi FIRST (cui afferisce anche il Prin) previsto nell'ultima Finanziaria del Governo Prodi: 300ml di euro per gli anni 2007 e 2008, 360ml di euro per il 2009.
E' quindi lecito chiedersi ora cosa accadrà per l'anno in corso, il 2010, visto che i fondi FIRST risulterebbero quindi azzerati, dato che non ci risulta alcun rifinanziamento da parte dell'attuale Governo. Sorge anche il sospetto che i ritardi nell'emanazione del bando PRIN 2009 (per non parlare del FIRB 2009, che non si sa che fine abbia fatto) siano dovuti all'esigenza di "prendere tempo" per trovare nuovi soldi, visto che quelli stanziati dal precedente Governo si sono esauriti?
Ma ci chiediamo anche che fine abbiano fatto altri soldi già stanziati (sempre dal Governo Prodi): parliamo del "fondo da 10ml di euro per promuovere la ricerca di base" (comma 318, art. 2, legge finanziaria 2008) che doveva essere attivato "mediante decreto del Ministro dell'Università e della Ricerca, di concerto col Ministro dell'Economia e delle Finanze". Il Decreto ovviamente non è mai arrivato ... e i soldi probabilmente sono andati persi!

37 commenti:

  1. Quello che conta e' l'effetto-annuncio e le trombette giornalistiche, visto che siamo in tempi di politica mediatica.

    Immagino che ci sia un "package" che comprende anche il finanziamento dei FIRB-giovani (durata selezione: 1 anno) e il lancio del VQR del CIVR.

    Noto che e' stato riesumato il CEPR, e anzi chiederei aiuto nel trovare Devreti Ministeriali a riguardo, cosi' come quelli che riguardano il mandato del CIVR (citati nel bando VQR) visto che il sito CIVR non esiste piu' e il sito del MIUR non riporta piu' la normativa dopo il 2007 (e i decreti relativi a questi organismi non riesco a rintracciarli).

    RispondiElimina
  2. Bertolaso Due La Vendetta19 marzo 2010 17:09

    Curioso che dei 14 componenti della Commissione di Garanzia, il Ministro ne "scelga direttamente" 7, e li altri 7 li sceglie da una rosa di 42...

    Sto facendo scuola dappertutto. Quanto 'so bbravo.

    RispondiElimina
  3. Praticamente ci sono 3-4 settimane (inclusa Pasqua) per preparare i progetti. Vero che si puo' fare, se si vuole, ma se uno volesse fare seriamente, con degli incontri preparatori per la progettazione e per il management del Network, se lo dovrebbe scordare.

    RispondiElimina
  4. Renzino l'Europeo19 marzo 2010 17:48

    Ma quanto si puo' fare con al massimo 500.000 in 2 anni (per tutte le Unita')?? Tipicamente saranno 200-300.000, poi, per un Network di 5 Unita' in media... Ci metti i soliti 3-4 assegni e le conferenze...

    RispondiElimina
  5. Non parliamo poi di "overhead" per attuare il "famoso" incentivo per il tuo Dipartimento...
    tze'!
    E dire che in ambito Europeo si parla (e si fa sempre piu') di full-costing, cioe' compresa la quota parte del lavoro dei componenti del progetto...

    RispondiElimina
  6. a margine ricorderei che dei 400 mln di euro che dovevano andare all'università, quota scudo fiscale, 160 se li è pappati Mr. T. Ha cambiato idea, al MIUR ne darà solo 240, e il bello è che NESSUNO protesta. Non protesta il ministro, ma si sa è impegnata dalla gravidanza, ma non protesta nemmeno la CRUI.

    peraltro ancora non si è definito come e in che tempi questi 240 mln sarà distribuiti tra gli atenei, lo decideranno con moooolta calma.

    stiamo spendendo ancora i fondi del governo prodi perché questo governo ancora non ci ha messo un euro nel sistema università/ricerca.

    RispondiElimina
  7. quanto alla scadenza del prin, sono sicuro che prorogheranno. qui si proroga tutto...

    RispondiElimina
  8. Scommetto che firma martedi' - poi c'e la riunione del CUN e della CRUI e tutti devono dire: "Che beo, che beo, evviva l'Ateneo".
    Cosi' scatta una cedola del Prezzario Tremonti per la prossima Finanziaria.

    RispondiElimina
  9. maurodellavia19 marzo 2010 19:43

    @Insorgere
    Ha protestato l'On. Ghizzoni, che ha fatto l'annuncio l'altro giorno (vedi anche il Gelminometer-2). Ma nessun giornale sembra averla ripresa sta notiziuccola. Forse avranno usato i soldi per finanziare la rottamazione dei frigo? Ben altro importa ai media, chiaramente, in questa campagna elettorale da fine impero!

    RispondiElimina
  10. @ mauro
    so che la ghizzoni ha protestato e ho anche scritto per ringraziarla. però è stata l'unica, e le proteste dell'opposizione per definizione contan poco.
    quel che mi fa rabbia è il silenzio assordante della CRUI, è a loro che tolgono i soldi!

    RispondiElimina
  11. Valditara dice su Campus Pro che sul ddl voteranno in Commissione il 30, 31 marzo e l'1 aprile, per andare in Aula dopo Pasqua.
    Francamente non so come facciano - mi sembra che la settimana prossima il Parlamento sia in pausa elettorale, e devono ancora "illustrare" gli emendamenti di mezzo ddl.
    Il tutto, nell'ottica del Professore Finiano, per arrivare all'approvazione entro l'estate, che già sono in ritardo...

    Boh.

    RispondiElimina
  12. Mi sa che sono ciance pre-elettorali.

    RispondiElimina
  13. @ euroscience
    è tecnicamente impossibile che ce la facciano a votare tutti gli emendamenti entro il primo di aprile.

    a quanto mi risulta - ma sono voci - pare che il MIUR abbia dato al relatore un ultimatum: o chiudono in fretta oppure il governo provvederà con maxiemendamento e fiducia. staremo a vedere.

    RispondiElimina
  14. @ insorgere

    Infatti penso che l'intervista a Campus Pro sia ormai datata. E' chiaro che il 29 e il 30 marzo staranno ancora illustrando gli emendamenti.

    RispondiElimina
  15. MaurodellaVIA20 marzo 2010 10:35

    Ed intanto che ne e' dell'ANVUR? Non mi risulta che sia stato pubblicato il decreto relativo sulla G,U. ma non ho notizie recenti.

    RispondiElimina
  16. @ MaurodellaVIA

    Ancora non e' stato pubblicato in G.U., perche' mi pre di aver capito che la firma del Presidente della Repubblica (del 1/2) era precedente al controllo della Corte dei Conti.

    2 anni fa questo passaggio duro' dal 21/2 al 9/4, quindi facendo un conto approssimato "per analogia" dovremmo esserci ormai, a giorni.

    Intanto, a conferma che la Gelmini sente vicino il momento di presentare un bel "pacchetto" con vari decreti firmati, siamo informati da Caprara sul Corriere che il decreto per il VQR del CIVR e' stato firmato (e forse e' anch'esso alla Corte dei Conti). Ovviamente ci sono lodi sperticate, e gargarizzazione con la parola "valutazione" in tutto il trafiletto.

    RispondiElimina
  17. possono fare quello che vogliono tanto sanno che non facciamo mai un cazzo....blah blah blah e basta! Questo è ciò che ci differenzia dai nostri colleghi d'oltralpe o d'oltreoceano.

    RispondiElimina
  18. Renzino l'Europeo20 marzo 2010 21:19

    Ma per "fare" qualcosa bisogna sindacalizzarsi, e (1) intanto mancano le condizioni oggettive tradizionali ("contrattazione collettiva"), (2) tosto che si forma qualche pseudo-sindacato, questi vengono usati come strumento di Fascismo Reale (metterlo nel culo agli altri e al Sistema), (3) la situazione oggettiva e' la schiavizzazione al proprio DoktorVater, e molti sono impegnati a leccare.

    RispondiElimina
  19. renzino sei più distruttivo del solito.
    cmq l'analisi è perfetta

    RispondiElimina
  20. ovviamente poi c'è l'apri che è tutt'altra cosa rispetto a un sindacato e che è l'unica associazione nazionale che tuteli i diritti dei precari

    RispondiElimina
  21. Insorgere, ma sai nulla riguardo la riunione del senato accademico di qualche giorno fa? Alla fine hanno deciso qualcosa di importante per noi precari?

    RispondiElimina
  22. @ popey
    si.
    si è trovata una medizione tra la linea di chi voleva chiaramente vincolare i prepensionamenti al reclutamento e chi invece non voleva. per conoscere i dettagli e valutare bene bisognerebbe avere il testo approvato, cosa che ancora non è possibile.

    in sostanza si prolunga al 31 la finestra per il prepensionamento e sono stati incrementati gli incentivi. se ci fossero una cinquantina di pensionamenti potrebbero essere fatti concorsi per 67 RTI (più 17 posti mussi), e parallelamente verrebbero stabilizzati un'ottantina di di tecnici amministrativi.

    RispondiElimina
  23. Grazie per l'info! Spero solo che bandiscano qualcosa PRIMA dell'approvazione del ddl (almeno entro giugno per essere tranquilli), oppure diventeranno solo fondi per fare posti TD...con tutti i problemi connessi che ben conosciamo.

    RispondiElimina
  24. ormai tocca rassegnarsi al fatto che una metà della nostra popolazione è completamente rincoglionita e si esalta per slogan di piazza cui non è mai seguita da 15 anni alcuna iniziativa politica degna di un riformismo liberale di cui l'Italia ha bisogno.
    Non finirò mai di stupirmi di come esista ancora tanta gente così ingenua da fidarsi di quel piazzista truffatore che risponde al nome di silvio berlusconi.

    RispondiElimina
  25. La gente e' ingenua e non poco, ma sono sempre di meno...devono transennare le piazze per sembrare di piu'! Per quell'altro ci vollero 23 anni, arrivera' l'ora anche di questo...
    Comunque, qualcun* ha novita' sull'ipotetico blocco dei concorsi da prof. della I sessione 2008?
    Io sono rimasto un po' indietro, non ho piu' seguito. ???

    RispondiElimina
  26. @ Arsen

    Riguardo i concorsi da associato e ordinario, non ci sono molte novità.
    Il MIUR evidentemente non ha il coraggio, specie sotto elezioni, di prendere una decisione nè in un senso (annullamento/sospensione/eliminazione doppia idoneità) nè nell'altro (decreto "interpretativo"-"retroattivo").
    Nel frattempo molti concorsi si stanno svolgendo, con regole ... scadute al 31/12/09.

    La palla a questo punto passerà ai TAR. Basterà un singolo ricorso da parte di un candidato perdente in uno di questi 2000 concorsi a far traballare tutte le restanti 4000 idoneità.

    E' importante anche sottolineare come si vadano a innestare con gli emendamenti Valditara queste 4000 idoneità assegnate con "vecchie regole" (ho trovato bandi da prof ordinario con limiti a 3 pubblicazioni!!!) e che in molti casi non sarebbero state ottenute con un concorso nazionale.
    Purtroppo l'estensione della "chiamata diretta" anche ai ricercatori a tempo indeterminato e gli altri emendamenti presentati, unitamente al fatto che le idoneità conseguite col vecchio sistema siano equipollenti all'abilitazione nazionale, avrà come effetto micidiale quello che nei prossimi anni avremo quasi esclusivamente promozioni di carriera.

    RispondiElimina
  27. se questa protesta diventasse davvero nazionale forse qualcuno sarebbe costretto a dare qualche risposta..

    http://www.repubblica.it/scuola/2010/03/21/news/universit_cattedre_vuote_lo_sciopero_dei_ricercatori-2798883/

    RispondiElimina
  28. Lo "slittamento" all'uso dei ricercatori come docenti e' stato un fatto reso quasi inevitabile dalla scelta della 382/80 sul ruolo dei ricercatori. Se hai dei ricercatori a vita, cosa fai, te li tieni sempre senza poter dar loro carichi didattici oltre gli originari "compiti integrativi" (esercizi, seminari, laboratori)?

    L'asinata del ricercatore a vita ha comportato tra la fine degli anni '80 e gli anni '90 la mutazione genetica del ruolo, e la legge ha "preso atto" di questo consentendo via via le supplenze, gli affidamenti, ecc.
    Ovvio che questo si portasse dietro un "rivendicazionaismo" che peraltro oggi la categoria fara' pagare nel proprio esclusivo interesse in sede di ddl.

    Cosi' capite anche voi le conseguenze delle asinate.

    RispondiElimina
  29. Tornando al PRIN,
    a questo indirizzo trovate lo stesso documento,
    ma indiscrezioni diverse sulle presunte scadenze

    http://www.uniud.it/ricerca/avvisi/bando-prin-2009-prossima-apertura

    RispondiElimina
  30. @ euroscience

    voi chi?

    cmq quello che dici c'entra poco. i ricercatori vengono gravati di didattica dal giorno stesso che prendono servizio, non dopo x anni di permanenza in ruolo. succede perche' banalmente non c'e' abbastanza personale associato ed ordinario per coprire tutte le esigenze didattiche specie dal 3+2 in poi. ed ovviamente senza essere retribuiti perche' non ci sono abbastanza soldi per farlo. la protesta e' legittimissima e non puo' essere tacciata di "rivendicazionismo".

    in un paese normale non esiste al mondo che un docente universitario non sia pagato per le ore di aula e il contorno. ma che questo non e' un paese normale e' ben noto ormai.

    RispondiElimina
  31. @ Limite

    Ho appunto detto che _adesso_ c'e' un gravame didattico (volontario, cioe' spintaneo) che originariamente non c'era, a causa del fatto che le Universita', dovendo fare didattica (non sono EPR) devono "per forza" usare anche 'sto personale a vita che si ritrovano.

    La retribuzione di un Ric. con un decennio di anzianita' diventa comparabile e poi anche superiore a quella di un Lecturer inglese, al quale almeno un tetto superiore al numero di scatti ce lo mettono.

    E allora che famo?
    Stavo appunto dicendo di riflettere sugli errori, che poi si trascinano per millanta anni.

    RispondiElimina
  32. Sempre su UniUD, si trova anche il Decreto di nomina del CEPR (Comitato di Esperti in Politiche della Ricerca):

    http://www.uniud.it/ricerca/avvisi/decreto-cepr.pdf

    Conosco, di nome, solo Cabibbo e Settis. Gli altri non li conosco.

    RispondiElimina
  33. @ euroscience

    ma per forza non direi proprio. basterebbe che proporzionassero l'offerta didattica al personale docente che hanno a disposizione.

    ed ovviamente di "volontario e spontaneo" in un ricercatore neoassunto che si becca un paio di corsi l'anno da titolare non retribuiti non c'e' proprio nulla...

    continui a parlare di un ricercatore con un decennio di anzianita', ma un neoassunto che fa due corsi l'anno di didattica gratis, sempre 1.100 euro al mese prende, pari forse ad un terzo dello stipendio di un Lecturer UK neoassunto con lo stesso carico didattico.

    RispondiElimina
  34. Ecco io Cabibbo non lo conosco ma Settis....
    Tutto cambi affinchè tutto rimanga com'è.

    RispondiElimina
  35. Volevo avere delle delucidazioni se qualcuno mi puo' rispondere ... Si puo' ricorrere dopo la nomina in gazzetta della Commissione in un concorso se ci sono palesi manovre per avvantaggiare un candidato anche contro la nmina di un Presidente ?

    RispondiElimina
  36. Volevo avere da voi delle delucidazioni.E' possibile dopo la nomina della Comissione ricorrere contro il Presidente se esistono delle documentate situazioni di incompatibilita'in un Concorso da Ricercatore ?

    RispondiElimina
  37. Dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficilae occorre far pasare un mese prima della convocazione della Commissione per eventuali richieste di "ricusazione" da parte dei candidati (che ovviamente devono essere documentate).

    RispondiElimina