lunedì 15 marzo 2010

DDL Università, gli emendamenti del relatore (Sen. Valditara): di male in peggio...

Segnaliamo, dal blog del Coordinamento precari della FLC-CGIL, il testo degli emendamenti del Sen. Valditara, relatore del DDL di riforma dell'università.

Da una prima analisi sembra non ci sia nessun miglioramento del testo originario, dal punto di vista dei ricercatori non-strutturati. Non è stata recepita praticamente nessuna istanza da parte dei ricercatori precari. 
Anzi, c'è qualche peggioramento. Per esempio:

- viene introdotta la "prova didattica" nazionale per l'abilitazione da professore associato, con conseguente notevole allungamento dei tempi,
- estensione della chiamata diretta anche ai ricercatori a tempo indeterminato,
- viene abolita l'unica norma di controllo "ex-ante" prevista dal DDL per i concorsi da ricercatori a tempo determinato: l'attribuzione di un punteggio numerico per ciascun titolo e ciascuna pubblicazione dei candidati,
- nelle norme transitorie vengono prorogate soltanto le norme necessarie al perfezionamento delle assunzioni per i concorsi banditi in precedenza, non già delle norme necessarie ad emanare nuovi bandi,
- viene abolito il concorso nazionale per gli assegni di ricerca (che si affiancava a quello "locale"),
- viene tolta all'ANVUR la possibilità di valutare i docenti, possibilità che viene data esclusivamente alle università.

Inoltre, non vengono proposti emendamenti:

- per migliorare il testo del DDL relativamente alla "tenure-track" (che diventa una mera "possibilità" da parte dell'ateneo, per la quale non vi è l'obbligo esplicito di mettere da parte il relativo budget),
- per elimare una norma sugli assegni di ricerca che permette di conteggiare retroattivamente gli anni svolti da assegnista precedentemente all'entrata in vigore della legge.

Restano le "quote" da destinare agli esterni (anche se fatichiamo a dichiarare "esterno" un docente che non è stato nei ruoli dell'università banditrice nei precedenti 3 anni), ma queste quote vengono rimodulate.
Viene inoltre posto un limite all'uso della chiamata diretta (al massimo 50% delle assunzioni programmate) ... potrebbe sembrare una buona notizia, ma senza specificare a quale chiamata diretta si fa riferimento (quella per i ricercatori a tempo determinato o quella per i ricercatori a tempo indeterminato?) in realtà in questo modo si indebolisce solo la "tenure-track" ... un vero pasticcio.

137 commenti:

  1. MaurodellaVIA15 marzo 2010 18:04

    Quante, if any, delle proposte APRI che avete dato alla VII commissione ed il Sen. Valditara sono state in qualche modo recepite in questi emendamenti? Di converseo quanti di questi emendamenti sono chiaramente CONTRO le proposte APRI. Un po' di scienza quantitativa, please!

    RispondiElimina
  2. Direi che nessuna delle proposte dell'Apri è stata recepita da Valditara.

    Invece almeno il 60-70% degli emendamenti di Valditara è apertamente in contro le proposte dell'Apri.

    Dati empirici, comunque.

    RispondiElimina
  3. Il calcolo di mino è corretto, così come è corretta l'analisi complessiva. Le modifiche proposte dal relatore vanno tutte nel senso di garantire i già garantiti (strutturati) e di dare più libertà ai baroni nella selezione dei giovani (sia per ric. td. sia per chiamate di idonei).

    complessivamente si configura un disegno nefasto.

    RispondiElimina
  4. .... E se capisco bene senza neppure una valutazione ex post delle universita´ ... bleah !!! Speriamo che non passi una cosa del genere peggiora lúniversita´italiana .

    RispondiElimina
  5. MA vi rendete conto che Napolitano sta meditando di non firmare la legge sui lavori usuranti? Per ironia della sorte nella stessa legge si "aggira" l'articolo 18 e ci sono i due emendmenti sull'abolizione dei limiti alle pubblicazioni nei concorsi dell'emendameno Ghizzoni-santa subito.
    Voglio dire, ha firmato pezzi di carta igienica usata senza battere ciglio, e ora per salvare per l'ennesima volta l'articolo 18 manda a puttane tutto il resto. L'Italia precipiti pure nella dittatura, ma con l'articolo 18, mi raccomando....

    RispondiElimina
  6. Cé anche lábolizione dei limiti alle domande?

    RispondiElimina
  7. è che in Italia quando passa un tram legislativo che va piano ma sembra andar lontano, ci si mette sopra di tutto, cosa c'entra l'università con i lavori usuranti? forse è la vita dei precari che si usura tra fare ricerca e cercare un contratto!

    RispondiElimina
  8. @ spillo



    (ma li leggi i post?

    http://ricercatoriprecari.blogspot.com/2010/03/approvato-il-ddl-lavori-usuranti-cosa.html )

    RispondiElimina
  9. Li leggo i post non sempre voglio vedere subito le cose .. comunque pare che Napolitano abbia smentito qualunque posizione . Ci sono notizie ANSA .. e altre ressegne. Ecco un linK

    http://www.rassegna.it/articoli/2010/03/15/59716/art-18-quirinale-nessun-orientamento-napolitano

    RispondiElimina
  10. MaurodellaVIA15 marzo 2010 21:19

    Ragazzi, decisamente non e' un buon momento per il sistema universitario e la sua riforma. Pero' bisogna vedere le cose anche in prospettiva. IL fatto che il Sn. Valditara ha ignorato le proposte APRI, nonostante l'audizione, mentre ha proposto emendamenti che per 2/3 vanno nella direzione opposta alle proposte APRI e' importante - delinea chiaramente la strategia da NON seguire. La maggioranza, Finiani, PDellini puri o Leghisti, se ne frega delle proposte costruttive dell'APRI - e per estensione della Via-academy e delle altre associazioni-network in sintonia con voi. Piu' o meno come se ne frega del bene del paese e della maggioranza dei cittadini. Period.

    D'altra parte, quante ed in che misura gli emendamenti del PD hanno accolto proposte dell'APRI o ci sono andati contro? Un'analisi empirica va bene, come sopra.

    RispondiElimina
  11. e intanto l'universita' di Milano-Bicocca

    http://www.unimib.it/upload/pag/46002/1/ba/bandon.12postiricercatoriatempodeterminatocofinanziatidallaregionelombardia.pdf

    mette i seguenti titoli preferenziali per l'accesso ai concorsi da Ricercatore TD.
    compliementi!
    il dottorato equiparato all'aver tenuto un corso di insegnamento.
    immagino non stiano violando alcuna legge....

    -----------
    "il possesso del titolo di dottore di ricerca o del diploma di specializzazione ovvero l’espletamento di un insegnamento universitario, attinente al settore
    scientifico-disciplinare oggetto del bando, mediante contratto stipulato ai sensi delle
    disposizioni vigenti alla data di entrata in vigore della Legge 230/2005."

    RispondiElimina
  12. ... e tra láltro mi riferisco ai bandi bicocca con un profilo estremamente specifico .. perche´non mettono su nome e cognome? Fan Prima no?

    RispondiElimina
  13. @ limite
    la cosa che denunci è gravissima. ne è ho viste di tutti i colori ma questa fa davvero schifo. equiparare un contratto d'insegnamento, cosa attribuita di solito senza vere selezioni, a un titolo di PhD è davvero vergognoso.

    Su queste cose bisognerà protestare, mi farò carico personalmente di scrivere una letterina al rettore della Bicocca, e spero si muovano anche i colleghi dell'ADI.

    RispondiElimina
  14. cmq sta cosa della bicocca prefigura ciò che potranno fare coi posti td ex-ddl gelmini. se tutto rimane nelle mani dei baroni locali possiamo sognarci procedure di selezione in ingresso che siano meritocratiche e trasparenti.

    RispondiElimina
  15. @ mauro

    quanto agli emendamenti del pd, lì c'è tutto e il contrario di tutto. a me sembrano un gran casino. a parte la norma pensionavecchietti, non ci vedo un gran che di positivo

    RispondiElimina
  16. MaurodellaVIA15 marzo 2010 21:41

    @ Insorgere
    Un gran che vuol dire meno del 10% o piu' rispetto alle proposte APRI. Mino hai fatto un conto approssimativo? Capisco che il senso globale sia negativo, ma credo sia importante valutare quantitativamente le differenze, se ci sono, fra maggioranza ed opposizione rispetto alle proposte. Anche all'interno dell'emendamento sul prepensionamento, la ricezione delle parole APRI e/o Via e' stata di ca. 60% (tendendo come 100% il testo dell'emendamento PD, che e' chiaramente decurtato).

    RispondiElimina
  17. Tra l'altro nel bando della Bicocca c'e' ancora quella (a mio parere) vergognosa e ingiustificabile tassa di 25 euro e 82...senza prove scritte e senza commissione esterna: il pizzo, proprio.
    Per quanto riguarda il DDL, il quadro e' nefasto ma non e' mica detto che passi. Le acque nella maggioranza sono sempre piu' agitate e non mi stupirei se per qualche gioco di potere interno facessero qualche sabotaggio, ad esempio affondando questa legge.
    Tanto piu' che Valditara e' "finiano", credo...

    RispondiElimina
  18. @ Mauro,
    stiamo parlando di centinaia di emendamenti, pagine e pagine di diversi senatori sugli argomenti più diversi, molti dei quali in contrasto tra loro ... scusa, ho altro da fare.

    @ Spillo, insorgere
    Non vorrei deludere la vostra disillusione ... ma purtroppo è tutto perfettamente legale: la legge Moratti prevede proprio che l'espletamento di un corso da professore a contratto sia un "titolo preferenziale" alla pari del titolo di dottore di ricerca.

    RispondiElimina
  19. e ovviamente in questa lista di titoli preferenziali non c'e' traccia degli anni di assego o di postdoc che dir si voglia. potranno mai valere piu' di un corso espletato o neanche questo? mah..

    @ mino

    gli estremi della legge Moratti per andarla a rileggere attentamente? non mi ricordo piu' l'anno.

    RispondiElimina
  20. L. 230/2005

    http://www.camera.it/parlam/leggi/05230l.htm

    RispondiElimina
  21. ma la questione dei 2/3 esterni nel reclutamento degli associati che fine ha fatto?

    RispondiElimina
  22. qualcosa mi dice che il bando di Bicocca non e' a posto per niente, qui Venezia fa qualcosa di ben diverso. il corso espletato e ' fra "altri titoli" e non fra i preferenziali.

    http://www.unive.it/nqcontent.cfm?a_id=63558

    e la Sapienza fa un'altra cosa ancora, dando maggiore risalto alle pubblicazioni in analogia ai recenti bandi TI e mettendo tutto il resto tra "altri titoli", e citando tra questi assegni e anni di postdoc di altra natura.

    http://www.uniroma1.it/documenti/regolamenti/ricercatoriacontratto.pdf

    RispondiElimina
  23. grazie Gianluca. e si', e' esattamente come diceva Mino. vergognoso.

    RispondiElimina
  24. Scorreggione Civile16 marzo 2010 00:50

    PRRRRRRR

    RispondiElimina
  25. Bene la prova didattica nazionale: o si fa un'abilitazione o e' tutta una macchietta.
    Ci vuole anche la valutazione delle competenze relative alla gestione scientifica della ricerca, dei progetti. Bisogna valutare tutto, non come quei quattro economisti da operetta che vogliuono fare 2ue conti di impact fattor.

    L'abilitazione professionale e' l'abilitazione professionale. Una cosa seria.

    RispondiElimina
  26. Ma me lo spiegate che sarebbe 'sta "chiamata diretta" che Valditara vuole "estendere" ai ricercatori a tempo indeterminato??

    RispondiElimina
  27. @ euroscience

    in breve valditara propone che RTI con abilitazione e RTD con abilitazione e alla fine dei 6 anni di contratto possano essere chiamati in seguito a un consiglio di dipartimento che deve votare con maggioranza assoluta

    RispondiElimina
  28. @ insorgere

    Un momento: il ricercatore RTD che sta facendo il percorso dei 6 anni, e ottenga l'abilitazione a PA entro i 6 anni, e' gia' stato identificato e scelto con un concorso, quando venne assunto RTD, nevvero?
    Quindi il Dipartimento deve solo decidere un si'/no, cioe' se tenerlo per sempre (come PA) o cacciarlo via.

    Ma fra i Millanta RTI che otterranno l'abilitazione a PA, chi e' che "chiama" il Dipartimento? Gigino La Peste o Pasquale O' Zozzone? Oppure Dino il Cagnolino? Oppure...

    Insomma non ho ancora capito, mi dispiace...

    RispondiElimina
  29. Temo che l'emendamento sia stato "appiccicato" un po' cosi' ... oppure no e quindi viene demandato all'ateneo decidere (per via statutaria?) come suddividere il budget per le chiamate dirette RTI (ma anche RTD) tra i dipartimenti ...

    RispondiElimina
  30. Dear all, il tema di questo post ed i sentimenti suscitati sono ora riportati sul Gelminometer2

    RispondiElimina
  31. http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2010/03/16SIB2090.PDF

    idee per recuperare risorse

    RispondiElimina
  32. Le universita' toscane sono quindi ufficialmente aperte alla lottizzazione partitica. E via col do ut des...

    RispondiElimina
  33. @ euroscience

    se non sbaglio l'obbligo di "preparare" un posto PA c'e' solo all'inizio del secondo triennio.

    RispondiElimina
  34. A me interessa sapere chi e' che dovrebbe "chiamare" i RTI abili a PA, secondo Valditara. Il cugino di Bertolaso? Minzoliny?
    E costui, perche' chiamerebbe Gino anziche' Pasquale?

    Sui nuovi RTD abbiamo capito che il concorso si fa "all'inizio", ed essendo solo locale sara' ufficialmente simile a quello per gli assegni di ricerca di oggi. Dopo i 6 anni, se c'e' l'abilitazione, l'abilitato piangera' che tiene famiglia e il Dipartimento lo confermera'.

    Questo mi e' chiaro, e' per gli RTI che non mi e' chiaro.

    RispondiElimina
  35. Proprio in questi giorni la Regione Toscana ha emanato la graduatoria di finanziamento del Bando in materia di salute finanziando ai primi posti, con cifre di centinaia di migliaia di euro (cose mai viste ai PRIN) ricercatori non paraculati da nessuno e non finanziando per giunta con pessimo punteggio moltissimi papaveri=baroni universitari e medici. Io una cosa così pulita era un po' che non la rivedevo quindi FORZA REGIONE TOSCANA TUTTA LA VITA!!!

    RispondiElimina
  36. @ euroscience

    per gli rti andrà così: quasi tutti (90%) piglieranno idoneità nelle prime tornate. poi lottaranno per farsi chiamare dai loro dipartimenti. moltissimi ci riusciranno e li dipenderà dalle amicizie, scambi di favori incrociati ecc ecc.
    insomma, il solito schifo mafioso

    è chiaro ora?

    RispondiElimina
  37. @ mar

    una cosa sono i finanziamenti ai progetti regionali, che sono abbastanza puliti ma non troppo. A seconda dei settori comanda ora il baroname fiorentino, ora quello pisano, ora quello senese. E' una logica di spartizione...

    altra cosa è l'ingresso in pianta stabile dei rappresentanti delle regioni nei cda. Le cose che a loro premono sono : 1. piazzare i trombati politici affidandogli incarichi di prestigio 2. creare consenso moltiplicando i posti di lavoro (vedi tecnici-amministrativi)

    tutto questo può fare solo male all'università. d'altra parte il casino sense viene da quel tipo di rapporti stretti con gli enti locali...

    RispondiElimina
  38. @insorgere
    Forse hai ragione tu amministrativamente però credimi che proprio in fondo in fondo figuravano baroni-medici (che sono più cattivi dei baroni normali..)di Pisa, Firenze e Siena quindi abbastanza trasversali...
    Infatti so che 'sti finaziamenti li hanno fatti incazzare ben bene perchè loro sono abituati con il PRIN a vincere facile...Sicchè senza pudore c'è già qualche papavero che è andato a chiedere di rivedere la classifica!!! .

    RispondiElimina
  39. @insorgere
    si sa niente dell'adesione al pensionamento anticipato che doveva essere palesata entro il 15 Marzo? Sono fuori Pisa...

    RispondiElimina
  40. @ insorgere

    Ma chi scambia con chi? I Direttori di Dipartimento? Rino il Barone che si alza in Consiglio di Dipartimento e dice: chiamiamo Gino che lo conosco bene, e' bravo. ?
    E perche' Valditara vuole questa cosa?

    RispondiElimina
  41. Ecco qua una proposta di riforma universitaria in pochi punti:

    1) ripristino per legge della figura professionale del ricercatore;

    2) abilitazione nazionale (senza esame scritto e orale) ma solo per titoli e pubblicazioni (con punteggio certo) di tutte le figure professionali (ricerc., ass., ordin.);

    3) introduzione di quote di personale universitario nei dipartimenti a TD e TI: es. 30% a TD e 70% a TI;

    4) le quote vanno ripartite dando più spazio ai ricercatori (es. 50%) e via di seguito associati (es. 30%) e ordinari (es. 20%) sia a TD che a TI;

    5)contratti a TD rinnovabili ogni 4 anni a tutti i livelli (ricercatore, associato, ordinario) con salario di base e incrementi legati alla produttività scientifica e valutazione didattica dei docenti;

    6) chiamata diretta di interni (motivata e confermata/respinta da una commissione nazionale) solo per il 10% (esempio) del personale di dipartimento; chiamata esterna (motivata e confermata/respinta da una commissione nazionale) 20% (esempio) del personale;

    7) mobilità dei giovani ricercatori (obbligo di non avere post-dottorato e prima occupazione da ricercatore nella stessa università in cui si ha conseguito Ph.D.);

    8) valutazione attività di ricerca dei dipartimenti ogni 4 (es.) anni con fondi per la ricerca distribuiti a seconda del ranking di dipartimento (fondi maggiori anche al personale più produttivo; si intende sia in termini di numero di lavori prodotti in un anno solare che in termini di originalità e collocazione editoriale);

    9) stipendi dei dipendenti a TI calcolati come segue: stipendio base + scatti biennali (es.) legati alla produttività e qualità scientifica dei lavori + scatti quadriennali (es.) per anzianità di servizio (in termini monetari minori di quelli legati alla produttività scientifica);

    10) sito web ufficiale (del Miur ad esempio) con tutti gli annunci di concorsi a TD e TI (con obbligo per le università di comunicarli);

    11) i concorsi a TD possono avere profili solo nel caso in cui finanziati direttamente da un progetto (es. fondi UE, PRIN, ecc.); per il resto i profili devono riferirsi solo al SSD;

    12) altre ed eventuali..... (di meglio si può fare sempre!)

    RispondiElimina
  42. Euro te lo dico io cosa succederà. Il Barone si alza in Consiglio di Dipartimento e dice: chiamiamo Gino perché:
    a) mi ha fatto da leccapiedi durante gli ultimi x anni e la mattina ho bisogno di qualcuno che si ossequi;
    b) mi fa intascare un mucchio di soldi lavorando (a nero) nel mio studio privato anche la mattina di Natale;
    c) mi ha fatto le lezioni negli ultimi x anni permettendomi di fare il week-end lungo (cioè da venerdì a giovedì della settimana successiva);
    d) è il nipote di mia moglie o il fratello della mia amante oppure il figlio della mia portinaia;
    e) mi piace il nome Gino e se voi colleghi avete qualcosa da ridire ricordate che i soldi al dipartimento arrivano grazie alle mie conoscenze massoniche.

    RispondiElimina
  43. @ euroscience

    devo veramente spiegarti perché valditara vuole quelle chiamate dirette irresponsabili che si tradurrano in un TUTTI ASSOCIATI? suvvia ce la puoi fare da te...

    @ mar
    oggi senato accademico di lotta. si scanneranno e vedremo chi vincerà. se vincessero i buoni avremmo pensionamenti con ancor maggiori incentivi, finestra temporale per optare ampliata, rottamazione ric. ti con 40 anni. il tutto per avere l'assunzione di una settantina di ricercatori (più i 17 mussi).
    speriamo bene, come precari abbiamo fatto tutto quello che potevamo. purtroppo c'è chi rema contro insistendo sul fatto che il ddl è in arrivo e che vanno risparmiate le risorse per chiamare PA e PO idoneati.

    RispondiElimina
  44. E la Specialita' e' considerata alla pari del Dottorato come titolo nei Concorsi da Ricercatore a tempo Indeterminato?

    RispondiElimina
  45. E il titolo di Dottorato nei Concorsi da Ricercatore e' consideratoal pari della Specialita' ?

    RispondiElimina
  46. beh così forse anche i più fedeli alla linea "morbida", misto di proposte e accondiscendenti applausi alla ministra per la sua pseudo-meritocrazia, si daranno una svegliata....

    RispondiElimina
  47. @ marco
    hai sbagliato indirizzo. qui nessuno ha mai fatto applausi accondiscendenti alla ministra. se c'è qualcuno che ha fatto campagne di stampa contro il miur per i ritardi e i pasticci sui concorsi e sui firb è proprio chi gestisce questo blog

    RispondiElimina
  48. Siamo tutti molto delusi e molto preoccupati di cosa sta accadendo. Ma mi chiedo e´finita qui?

    Siamo sicuri che passi tutto cosi´ come e´?
    A livello tecnico ( scusate l´ignoranza)
    e´possibile pensare di proporre degli emendamenti correttivi in futuro o cio´che viene approvato adesso diventa autometicamente legge?

    RispondiElimina
  49. @ spillo
    no non finisce qui. l'iter sarà ancora lungo e ci sono margini per modifiche sia in aula al senato sia alla camera

    RispondiElimina
  50. Ma vi eravate accorti che in uno degli emendamenti di Valditara c'è la terza fascia della docenza?

    Con un emendamento all'articolo 5, Valditara toglie la delega al Miur per il riordino/valorizzazione/ecc. della docenza, e impone 350 ore di didattica (ovviamente comprensive di ricevimento, esami, ecc.) a tutti i professori E I RICERCATORI UNIVERSITARI.

    Di fatto, quindi, pur senza nominarla esplicitamente, ha creato la terza fascia della docenza!
    e quindi pure i ricercatori t.i. che volevano astenersi dalla didattica sono sistemati!

    Con fregatura, naturalmente: perchè lo stipendio rimarrà il medesimo.

    Boh, io non so cosa abbia nella testa Valditara, ma credo che abbia creato così tanti pasticci con i suoi emendamenti, e abbia scontentato così tante categorie che non riesco a vedere la filosofia e la direzione della sua condotta politica ...

    RispondiElimina
  51. a proposito di assurdità. credevate che il peggio fosse valdymort? ebbene non è così. L'Italia dei Valori ha proposto un emendamento che promuove de facto tutti i ricercatori ad associati, come chiede merafina.

    e non è ancora finita, attendo con angoscia di leggere quali pasticci potranno proporre i leghisti

    RispondiElimina
  52. Off topic.
    Oggi l'università di Cassino ha bandito due posti da ricercatore di ruolo: ma di che sessione si tratta?

    RispondiElimina
  53. Deh allora diciamo a Di Pietro che se proprio vuole todos caballeros faccia anche ricercatori tutti i precari! Solo noi a prendercela nel baugigi?

    RispondiElimina
  54. Emendamento della vergogna dell'Italia dei Valori: nella "fase transitoria" i ricercatori a tempo indeterminato "con 6 anni di impegno attivo nella didattica" usufruiscono della chiamata diretta da associato.

    RispondiElimina
  55. @ Anonimo

    sito miur-> universita'-> professori e ricercatori->reclutamento-> bandi

    RispondiElimina
  56. @ mino

    be', a sto punto potremmo proporre che tutti i postdoc con 6 anni di impegno attivo nella didattica usufruiscano della chiamata diretta a ricercatore di ruolo...o almeno TD, mi pare il minimo.

    (non gridate all'ope-legis, la mia e' una battuta, sebbene sarebbe curioso sentire cosa risponderebbero...)

    RispondiElimina
  57. traduzione per i non comprendenti: l'emendamento IDV rende de facto associati il 90% degli attuali ricercatori.
    SI DEVONO VERGOGNARE!

    RispondiElimina
  58. @ insorgere

    intendono sempre dopo idoneita' o senza neanche quella???

    RispondiElimina
  59. Vabbe' ma scusate non sapete in che democrazzja viviamo? Ci sono pure le elezzjoni fra 2ue settimane.

    Finche' non vi dedicherete con impegno (ma serio) a ficcare la Democrazzja nella Pattumiera della Storia, dove merita di stare, continuerete a prenderlo nel baugigi dalla mattina alla sera e dalla sera alla mattina.

    RispondiElimina
  60. Da notare la presentazione del Sole 24 Ore
    "Disco verde..."
    http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Norme%20e%20Tributi/2010/03/ddl-universita-emendamenti-valditara-fondo-prof-virtuosi.shtml?uuid=30c326ae-305d-11df-9b84-9f36f6ec4706&DocRulesView=Libero

    Sara' che Valditara e' Finiano e dobbiamo tenerci questo perche' e' il meno peggio.

    RispondiElimina
  61. Ma chi e' che NON propone la chiamata diretta per i Ric. a TI che ottengano l'abilitazione a PA?? [qualunque cosa voglia dire "chiamata diretta"]

    Si farebbe prima a vedere quello, prima di puntare il dito su questo o quel partito, che' in primis e' lo stesso Valditara che la porge.

    RispondiElimina
  62. Lo dicevo io che non hanno capito niente del tenure-track.

    RispondiElimina
  63. quello postato da euroscience è un ottimo esempio da una parte di cosa è capace di fare la stampa nel nostro paese e del potere dell'informazione (o meglio disinformazione): di un testo di legge (o insieme di emendamenti) leggi solo quello che ti pare e dai un resoconto (senza possibilità di contraddittorio, altro che ca**ate da par condicio) opposto agli effetti reali che probabilmente la legge avrà, dall'altra mi sembra di leggere quei post apristi in cui si esaltano due cretinate pseudomeritocratiche (nuove regole concorsuali? sorteggi delle commissioni? abolizione del ricercatore a tempo indeterminato?!) all'interno di un DDL che nell'insieme mira chiaramente a distruggere quel poco di università che ancora abbiamo, e con buona pace di tutti.

    RispondiElimina
  64. Sono rimasto schifato anch'io dall'articolo, che avevo letto stamattina. Ho anche mandato una mail di protesta al giornalista, per quel che vale.
    Francamente non vedo come possa essere paragonato ai posti di questo blog.

    RispondiElimina
  65. Per gli afecionados del dibattito parlamentare, e' disponibile il resoconto della seduta di oggi della VII Commissione del Senato, dove sono stati illustrati gli emendamenti ai primi 2 articoli del ddl Gelmini, da parte dei vari presentatori
    http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=SommComm&leg=16&id=469655

    Nell'Allegato i rispettivi testi
    http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=SommComm&leg=16&id=00469655&part=doc_dc-allegato_a&parse=no

    RispondiElimina
  66. @ limite

    nell'emendamento IDV gli RTI diventano associati SENZA idoneità nazionale, basta solo che abbiano alle spalle almeno 6 anni di didattica.

    @ euroscience

    l'articolo del sole di trovati fa schifo. però è una scelta politica: la confindustria sostiene il ddl e quel giornale in particolare sostiene la linea crui...

    RispondiElimina
  67. @ insorgere

    Nota che quell'articolo sul Sole-web non e' di Trovati, ma di Claudio Tucci
    http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Norme%20e%20Tributi/2010/03/ddl-universita-emendamenti-valditara-fondo-prof-virtuosi.shtml?uuid=30c326ae-305d-11df-9b84-9f36f6ec4706&DocRulesView=Libero

    Invece Trovati aveva scritto oggi sul Sole-carta un articolo un po' diverso
    http://rstampa.pubblica.istruzione.it/utility/imgrs.asp?numart=QHWSK&numpag=1&tipcod=0&tipimm=1&defimm=0&tipnav=1
    comunque anch'esso centrato sugli emendamenti.

    RispondiElimina
  68. @ euroscience
    mi riferivo all'articolo di trovati. l'altro non lo conoscevo. di male in peggio comunque

    RispondiElimina
  69. IdV=Italia della Vergogna

    o

    Innamorati di Valditara ???

    RispondiElimina
  70. Ma adesso c'e' pure una pausa per le elezioni, e poi c'e' anche Pasqua.
    Quando diamine arrivano a votarli, gli emendamenti, in Commissione? A meta' Aprile?

    RispondiElimina
  71. secondo me entro aprile li votano, poi quando il testo passa alla Camera pongono un bel maxiemendamento con tutti gli emendamenti a loro favorevoli e pongono la fiducia per fare entrare in vigore il testo entro il prossimo anno accademico così come detto più volte... spero di sbagliarmi!!

    RispondiElimina
  72. Si vergogni Valdichiara che prima fa credere di ascoltare i ricercatori precari e poi fa di tutto per ostacolarli. Veramente complimenti!

    RispondiElimina
  73. credo che la previsione di martino sia corretta. il che però non è necessariamente un male, poiché dubito che nel maxiemendamento del governo passino le boiate di valdymort

    RispondiElimina
  74. ma una bella crisetta dopo le regionali che blocchi tutto non sarebbe meglio?

    RispondiElimina
  75. @ limite
    mi pare che la cosa non sia in nostro potere. per parte mia credo che l'obiettivo ora sia costringere il MIUR a esprimersi su: 1. concorsi a rischio 2. prepensionamento a 65 anni.

    RispondiElimina
  76. Segnalo un comunicato del sindacato CIPUR
    http://www.cipur.it/COMUNICATI/Comunicati%202010/SU%20RECLUTAMENTO%20E%20STATO%20GIURIDICO.pdf
    sulla materia del reclutamento e della progressione di carriera (nel contesto di un aproposta di un diverso stato giuridico), che include il riferimento ad un articolato del ddl Gelmini con gli emendamenti proposti
    http://www.cipur.it/leggi/DDL1905SemendatoCIPUR.pdf

    RispondiElimina
  77. UNIVERSITA': PD, DRASTICO TAGLIO RISORSE PROMESSE DA SCUDO FISCALE


    (ASCA) - Roma, 16 mar - ''Ancora un'offesa per il sapere e la cultura italiana: ben 160 milioni destinati alla ricerca e alle universita' tra quelli rientrati con lo Scudo Fiscale si sono volatilizzati. Tenacemente, si persegue la politica di affossare il sistema della formazione superiore in Italia''.

    Lo riferisce la capogruppo del Pd nella commissione Cultura di Montecitorio, Manuela Ghizzoni.

    ''Questo ulteriore e allarmante taglio - aggiunge Ghizzoni - emerge dal Dpcm sull'utilizzo del Fondo derivante dal cosiddetto Scudo Fiscale. Lo scorso dicembre 400 milioni derivanti da questo gettito erano stati destinati al reintegro delle risorse ordinarie trasferite dallo Stato alle Universita', ampiamente saccheggiate dalla Finanziaria con l'incredibile taglio di 700 milioni''.

    Oggi, conclude, ''il ministero dell'Economia mette nero su bianco che non 400 ma solo 240 milioni saranno destinati agli atenei e non si ha notizia dei restanti 160. Chissa' se il ministro Gelmini e' stata informata della decisione di usare ancora una volta la scure contro le universita': visto che fino ad ora ha disatteso tutte le promesse fatte sui finanziamenti, non ci stupiremmo se avesse avallato anche questa scelta scellerata dannosa per il sistema universitario, per chi vi lavora, per chi vi studia ma, soprattutto, per il futuro del Paese''.

    RispondiElimina
  78. Uhm, ma siamo in campagna elettorale, dovranno dar da mangiare a chi li vota.
    L'Universita' li vota? L'APRI li vota?

    Questa concezione della "cosa pubblica" non l'ha mica inventata Berlusconi, e' la conseguenza del Familismo Democratico, e del conseguente Fascismo che sta nella testa degli Italiani, dei loro Partiti e dei loro Sindacati.

    RispondiElimina
  79. Sapete quale è il nostro vero problema? E' che non c'è una figura all'altezza che ci rappresenta sia nella politica, sia nella società, ne tantomeno all'università. Sembriamo quasi delle figure trasparenti della società...

    RispondiElimina
  80. Concordo con l'anomimo.
    Molti partiti, tipo l'Italia dei Valori (a Valditara & C. li davo già per persi), che in fondo dell'università non se ne importano un granchè, non avrebbero avuto nulla da perdere a presentare qualche emendamento di buon senso proposto dai precari (che siano gli emendamenti dell'Apri o delle altre associazioni). Un esempio su tutti: quello sulla "vera" tenure-track, piuttosto che quello sugli assegni di ricerca o sull'abolizione dei contratti di insegnamento a titolo gratutito.
    Invece nulla di nulla. Hanno preferito presentare emendamenti evidentemente proposti da sindacati di strutturati o che comunque favoriscono quegli interessi.
    Devo dire che questa cosa mi ha stupito molto.

    RispondiElimina
  81. Stupito?

    Riconoscendo i Fasci riconoscono se stessi. Premiandoli, stanno premiando se stessi, come concetto. Se fai un Fascio sei visibile (blocchi i trasporti, ti astieni dalla didattica non dovuta, vai sul tetto e ti fai allungare il contratto...), pero' un numero di persone superiore ma sparso, frantumato, non si vede - soprattutto se i valori della gente, e quindi della politica, sono predisposti a questo.

    Divide et impera, questo e' ben noto.

    Non per questo, pero', bisogna proseguire col fascismo. Bisogna invece continuare a predicare l'antifascismo, per far riconoscere la persona e i suoi caratteri unici, e impagabili.

    RispondiElimina
  82. Si, ma.... Tanto per scendere sul personale, Pardi cosa e'? Borghesi cosa fa? Il problema sta sempre la': se non si elegge un Mino in parlamento, non cento, UNO, noi saremo sempre rappresentati, quando butta di lusso, da Marianna Madia. La quale, presentata da W el Trony come ricercatrice precaria, non ha mai risposto ad una delle mille mail inviatele (spesso per casella email sovrassatura). Se eleggiamo carnefici o nullita', e' dura far passare le nostre proposte.

    RispondiElimina
  83. @ France

    Mi stai forse candidando? :-/

    RispondiElimina
  84. Dai che un parlamentare apri farebbe comodo!

    RispondiElimina
  85. Gioventu' Aprista ....... 0,06%

    RispondiElimina
  86. Precari Piagnoni Riuniti ...... ccchiu' assaje

    RispondiElimina
  87. italia dei disvalori17 marzo 2010 17:49

    finchè i corsi universitari si svolgeranno (non importa chi fa lezione: se precario, RTI, avvocato-contrattista, ing-contrattista, docente di scuola media-contrattista ecc...), se gli appelli non salteranno, se le sedute di laurea saranno puntuali, nessuno mai si accorgerà dell'agonia del sistema università. queste forme di "protesta" non mi piacciono affatto perchè ricadono sugli studenti che pagano le tasse, ma sarebbero le uniche che, forse, potrebbero rendere più visibile il problema in questo paesicchio dei direttorissimi liberi di editolare e dei calci a pedate con sciarpata viola

    RispondiElimina
  88. italia dei valori17 marzo 2010 18:08

    @ italia dei disvalori

    Tutto quello che scrivo e' stato accettato da vagonate di italiani per anni e per decenni - proprio perche' sono saltati i valori. L'unico valore era l'argenteria personale e familiare.

    RispondiElimina
  89. @Italie varie
    Di bloccare tutto se n'e' parlato fin dalla preistoria dell'APRI. La verita' e' che gli strutturati non lo fanno se non hanno un rientro economico immediato, e i precari non lo fanno perche' di aspiranti precari c'e' pieno, e (via, facciamo polemica) siccome la didattica non viene mai valutata seriamente, la fanno fare con leggerezza a cani e porci, se mancano cani e porci pure agli ippopotami.

    RispondiElimina
  90. O.T. Come "contenuto multimediale" all'ultimo post di France
    http://www.youtube.com/watch?v=XQnt5zLqW84

    RispondiElimina
  91. ai critici dell'IDV ricordo che merafina è organico al partito. guarda caso hanno ripreso sua proposta,

    RispondiElimina
  92. Oggi alla Settima del Senato hanno continuato ad "illustrare" gli emendamenti al ddl, arrivando fino ad iniziare quelli sull'art. 8.

    RispondiElimina
  93. Mah, ci vorrebbe proprio un partitino per la rizerca!

    RispondiElimina
  94. italia dei disvalori17 marzo 2010 19:45

    @ insorgere

    ok, ora è tutto chiaro: quindi il leader dell'IDV quando parla dei precari non si riferisce a quelli della ricerca...forse è come la mitica "ricercatrice" madia, che si occupa solo di quelli dell'eutelia...

    RispondiElimina
  95. Sul sito del Senato c'è il sommario della seduta di oggi. Si procede abbastanza velocemente (non c'è ostruzionismo del PD e dell'IDV).

    Ogni giornata ha il suo "emendamento della vergogna". Vediamo qual è quello di oggi.

    Secondo me è quello del Presidente POSSA (PDL), il quale accorgendosi che nel DDL è data la delega al Miur per dare i finanziamenti alle università anche "in base alla politica dei reclutamenti" ... propone di specificare che questa quota debba essere al massimo il 3% di tutto l'FFO!

    Bravo Possa, le università devono reclutare senza procedure ex-ante ... e anche senza ex-post. Totale deresponsbilizzazione!

    RispondiElimina
  96. Altro emendamento della vergogna: Asciutti (PDL), mantenimento delle lauree in convenzione. Bravo Asciutti.

    RispondiElimina
  97. Facciamo un po' come cazzo ci pare....

    RispondiElimina
  98. Si continua con gli emendamenti della vergogna. Oggi Possa vuole vincere questo campionato.

    Propone un aumento dei settori scientifico-disciplinari, da 370 ad almeno 500.

    RispondiElimina
  99. io non posso credere che il MIUR accetterà questo scempio.

    il ddl aveva dei rilievi di criticità notevoli, c'erano tanti problemi da risolvere, ma qui sembra che stiano lucidamente pianificando la dissoluzione di tutto il sistema universitario.

    tutto questo dimostra la miseria del nostro sistema parlamentare. le cose serie non si possono affidare al parlamento, ma non si possono affidare nemmeno a una ministra da barzelletta. la verità è che riforme serie e investimenti per il futuro ora come ora proprio non si posson fare.

    RispondiElimina
  100. io sono a favore dell'aumento dei settori. proporrei in particolare un settore di STORIA DEI KAZZI MIEI, di cui son certo di essere il massimo esperto mondiale

    RispondiElimina
  101. La storia dei settori non e' come la raccontano i Cantori di Partito e gli Opinionisti Prezzolati.

    Cosa direste voi se la Commissione Europea proponesse di unire il Lussemburgo al Belgio "perche' i Paesi devono avere almeno 2 milioni di abitanti"? Che Cazzo di Criterio e' Questo? I Settori, se devono funzionare come tali, e cioe' riconoscersi come comunita' sufficientemente omogenee e senza divisioni laceranti (in particolare con minoranze "stabili") non possono essere giudicati dalla loro numerosita', pena il prenderselo nel baugigi da parte dei pesci grossi alla prima occasione.
    In Italia questo avviene scientificamente...

    RispondiElimina
  102. @ euroscience

    giusto, non possono essere giudicati dalla loro numerosità.
    però non ha nemmeno senso creare nuovi settori solo per distribuire potere e autonomia a un manipolo di baroni ben ammanicati.

    la questione è serie e meriterebbe un approfondimento adeguato, cioè non come si lavora nel parlamento nostrano

    RispondiElimina
  103. @ insorgere

    Ti dico che i settori vengono creati normalmente quando si manifesta - a causa dei comportamenti baronali e dell'etica italiana - una difficile convivenza fra sottosettori.
    Un po' come Fiandre e Vallonia, o la Scozia con l'Inghilterra, o la Catalogna con la Spagna.

    Cio' non toglie la necessita' di capire il ruolo dei settori alla luce dei nuovi meccanismi di reclutamento (cosa che si potra' fare DOPO e non prima - ancora dobbiamo capire che conseguenze avranno i nuovi meccanismi "provvisori" con il sorteggio).

    RispondiElimina
  104. Cambio brevemente argomento: ehi, ci sono 2 concorsi della I sessione 2008 che sono arrivati all'OTTAVA votazione suppletiva senza quorum. A questo punto, penso che non si faranno mai...
    Per quanto riguarda il DDL, a questo punto, piuttosto che l'obbrobrio che si va configurando mi sento di sperare fortemente che non passi e che per un po' rimangano queste regole transitorie...poi si vedra'.

    RispondiElimina
  105. siamo i burattini della ricerca..

    RispondiElimina
  106. Bertolaso Due La Vendetta18 marzo 2010 14:08

    Datemi i poteri e vi rimetto in piedi l'Universita' in due mesi chiavi in mano.

    RispondiElimina
  107. Segnalo un'interessante dossier del Sole sulla professione professione forense.

    Leggendo qui e li'
    http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Norme%20e%20Tributi/2010/03/riforma-avvocati.shtml
    mi sono tornate in mente che dichiarazioni come questa
    "[...] Ho fatto molti colloqui in studi anche grandi a Firenze, ma la maggior parte degli avvocati pretendeva che io lavorassi gratis, almeno per i primi sei mesi."
    rimettono il problema del precariato in un contesto generale, dove in effetti si trova naturaliter. Una delle cose piu' interessanti che ricordo dal periodo in cui sono stato iscritto al NIdiL, a Salerno, era vedere che venivano ad affacciarsi al sindacato anche alcuni precari che certamente se la passavano anche peggio dei precari della ricerca. Come appunto, i praticanti degli studi legali.

    RispondiElimina
  108. C'e' per legge un periodo di tempo per far svolgere il concorso ?

    RispondiElimina
  109. io preparerei una nuova lettera per Napolitano dopo gli emendamenti di Valdichiara..

    RispondiElimina
  110. ottima idea questa: http://www.ilmanifesto.it/archivi/fuoripagina/anno/2010/mese/03/articolo/2490/ dopo i ricercatori sardi anche i torinesi non insegnano piu'. mi sembra un gesto deciso.

    RispondiElimina
  111. Renzino l'Europeo18 marzo 2010 17:41

    Bella survey degli stipendi dei docenti americani commentata su noisefromAmeriKa
    http://www.noisefromamerika.org/index.php/articles/Alcuni_fatti_sui_salari_universitari_USA%2C_con_la_morale#body
    Notare la scarsa differenza fra Professor e Assistant Professor (92000$ vs 51000$)... ditelo ad un giovane Ricercatore...

    RispondiElimina
  112. scarsa differenza? guardagnano il doppio...

    RispondiElimina
  113. Renzino l'Europeo18 marzo 2010 18:14

    Anonimo, quant'e' la differenza fra ricercatore (entro 6 anni di anzianita', beninteso) e Professore Ordinario, in Italia? Fai il conto e vedrai un rapporto di 4:1...

    RispondiElimina
  114. [UnRicercatore]

    Renzino,
    ad essere onesti, bisogna specificare anche gli anni di servizio dell'ordinario.
    Non conosco i livelli netti degli ordinari, ma a pari anzianità nel rispettivo ruolo, dubito che il rapporto raggiunga 3:1.

    Saluti

    RispondiElimina
  115. [Un Ricercatore]

    Non che la precisazione sia rilevantissima; ma d'altro canto bisognerebbe smetterla di riferirsi a massimi tabellari.
    Anche perché temo che la storia della riduzione degli scatti finirà col castigare essenzialmente noi ricercatori e gli associati.

    RispondiElimina
  116. SIAMO UNA MANICA DI SENZA PALLE E BASTA!!

    RispondiElimina
  117. Renzino l'Europeo18 marzo 2010 21:36

    @ Anonimo [Un Ricercatore]

    Guarda che ci si riferiva alle medie, empiricamente rilevate, dei rispettivi stipendi.

    Considerando che un Assistant Professor dura 6 anni, se fai la media dei primi 6 anni da Ricercatore cosa ottieni? E se fai la media degli Ordinari cosa ottieni?
    Contamela, zio...

    RispondiElimina
  118. ho sempre detto che su questo blog tutte le posizioni politiche son rispettate e che bisogna dialogare con le istitutzioni quale che sia il personaggio che le incarna.

    ora però inizia ad essere davvero troppo.più leggo gli emendamenti proposti dalla maggioranza al ddl più mi convinco che questo decreto non deve passare e che questa maggioranza deve cadere.

    scusate lo sfogo.

    RispondiElimina
  119. insorgere, sei un po' esaurito.

    Beviti una camomilla e pensa che comunque dell'Universita' non gliene frega niente a nessuno - maggioranza o non maggioranza.

    RispondiElimina
  120. Io ricarerei la dose e ti consiglierei di prevenire attacchi isterici, prendendo qualche benzodiazepina ... infatti siamo ancora agli antipasti, il piatto forte - gli emendamenti sul reclutamento - deve ancora arrivare ... e chissà cosa ci riserva Quagliariello!

    RispondiElimina
  121. E poi lo dice anche la Storia parlamentare italiana... [era giolittiana, almeno]

    ... quando il Gabinetto stava in brutte acque, ecco che veniva estratto dai cassetti un disegno di legge di riforma dell'Universita'...
    ... tosto, in Parlamento si creava tutto uno scompiglio, un mescolamento di posizioni...
    ... ed allora il Ministero poteva continuare il proprio tragitto, scansando i pericoli che sembravano incombere...

    RispondiElimina
  122. era uno sfogo, nulla più.

    vedremo cosa succederà e reagiremo ai problemi volta per volta. però è estenuante...

    RispondiElimina
  123. Ma se siamo solo all'inizio!
    E non si neancora cominciato a votare!!!

    RispondiElimina
  124. @ euroscience
    sai è difficile prenderla con filosofia se la tua vita e quella della tua famiglia dipendono da questi emendamenti

    RispondiElimina
  125. Vedi troppi emendamenti. Prova a immaginare un mondo senza emendamenti. Una questione di fiducia.

    RispondiElimina
  126. Nessuno ha notato che nel nuovo statuto della Sapienza i precari di ogni ordine e grado non sono stati minimamente considerati?

    Forse chi ha scritto lo statuto non sa che "essi vivono"

    http://frondaprecaria.wordpress.com/2010/03/18/la-sapienza-e-il-suo-nuovo-statuto/

    RispondiElimina
  127. I precarj se lo devono prendere in quel posto, senno' che precary sono? Sono stati precarizzati per quello. E poi bisogna evitare che facciano comunella, perche' chi fa comunella poi finisce che fa comunismo.
    Solo l'Accademico Incardinato puo' fare comunella.

    RispondiElimina
  128. Mancano giovani falegnami
    http://rstampa.pubblica.istruzione.it/utility/imgrs.asp?numart=QJFHE&numpag=1&tipcod=0&tipimm=1&defimm=0&tipnav=1

    RispondiElimina
  129. Irrompo nella vostra discussione per segnalarvi una vicenda che coinvolge l'Università di Pisa. Una fugace notizia sulla Nazione (http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2010/03/10SIQ3106.PDF) informa che in seguito a un ricorso presentato da uno dei concorrenti, un corcorso da ricercatore che si è svolto nel 1998 è stato invalidato. Il problema è che la vincintrice è divenuta nel frattempo professore associato, di Storia medievale, sempre a Pisa. Qualcuno di voi sa che succede in questi casi?

    RispondiElimina
  130. @ ultimo anonimo
    succederà quel che succede sempre in questi casi: NIENTE!
    con la complicità del MIUR il sistema universitario ha sempre fatto valer la massima: chi ha dato, ha dato...

    certo se le sentenze fossero un pochino più tempestive, forse le cose andrebbero diversamente. Che senso ha annullare un concorso dopo 12 anni?

    RispondiElimina
  131. Resta prof. Mica e'obbligatorio che uno diventi prima ricercatore prima di diventare associato. Il concorso da associato e'indipendente dal concorso annullato. Che ora sara' magari ripetuto (magari con la stessa commissione giudicante, anche se probabilmente i commissari nel frattempo sono morti), e la prof non puo'partecipare in quanto, appunto, prof.

    RispondiElimina
  132. Protezione Incivile19 marzo 2010 14:15

    Arriva il Direttore Generale Masia e dice che "per motivi di interesse pubblico superiore" si lascia stare tutto cosi'.

    RispondiElimina
  133. Il problema è che ne politici ne classe dirigente ne strutturati hanno interesse ad aiutarci, quindi non resta che unirsi e cercare di fare qualcosa noi. A tale scopo, questo semplice blog è utile? Oppure lo si puo' trasformare in qualcosa di meglio?

    RispondiElimina
  134. @ ultimo anonimo
    esiste già qualcosa di più, si chiama APRI: associazione precari della ricerca italiani. Questo blog aperto al pubblico è una delle facce di APRI, che ha poi un forum aperto ai soli soci www.ricercatoriprecari.it . Se vuoi partecipare alle iniziative (campagne stampa, interventi presso rettori, MIUR ecc), per far qualcosa di più appunto, puoi iscriverti. Naturalmente devi essere precario e devi condividere statuto e manifesto programmatico dell'associazione.

    RispondiElimina
  135. @ France

    be', non la farei cosi' semplice.

    e' chiaro che ella e' diventata professore associato vantando tra i suoi titoli anche gli anni di ruolo da ricercatore e tutto quanto ha potuto fare grazie a quella posizione di ruolo...

    certo non credo esistano precedenti ma dubito che la successiva posizione di associato possa considerarsi del tutto legittima. solo che probabilmente ci vorrebbe un ricorso apposito anche su quella procedura.

    quanto alla ripetizione: bisogna leggere la sentenza. puo' essere che abbiano stabilito che debba essere ripetuto con commissione diversa. la normativa da applicarsi pero' e' quella del 98 quindi vecchie commissioni e vecchie prove scritte e orali. tutti riconvocati quelli che avevano fatto domanda all'epoca.

    RispondiElimina