giovedì 12 novembre 2009

Governo contrario allo sblocco dei fondi per il reclutamento dei ricercatori


Si va verso la perdita dei fondi
Dal sito del Senato della Repubblica, la seduta kafkiana del 12/11/2009.
PRESIDENTE. Invito il relatore ed il rappresentante del Governo a pronunziarsi sull'emendamento 2.381 (testo 2).
SAIA, relatore. Invito i presentatori a trasformarlo in un ordine del giorno; altrimenti, esprimo parere contrario.
VEGAS, vice ministro dell'economia e delle finanze. Esprimo parere conforme a quello espresso dal relatore.
PRESIDENTE. Senatore Possa, accoglie l'invito a trasformare il suo emendamento in un ordine del giorno?
POSSA (PdL). L'emendamento 2.381 (testo 2) tratta del recupero di circa 40 milioni di euro già stanziati a favore dei ricercatori, non vedo assolutamente perché sia stato espresso un parere contrario. Ripeto che non c'è bisogno di copertura, vi è solamente da ricalibrare, se lo si esamina attentamente - ed invito il Governo a farlo - le formalità di accesso a questo fondo che già c'è.
Altrimenti, non posso accettare assolutamente l'invito a trasformarlo in ordine del giorno.
RUSCONI (PD). Io sono firmatario, non certamente il primo, dell'emendamento 2.381 (Testo 2): il senatore Possa ha poc'anzi evidenziato che non vi sono aggravi di spesa; abbiamo compiuto un lungo lavoro per l'incentivo dei ricercatori, che è stato approvato all'unanimità dalla 7a Commissione permanente. Spero, pertanto, che tale proposta emendativa venga posta in votazione ed approvata perché è estremamente importante e rappresenterebbe un segnale serio bipartisan per l'università italiana. (Applausi dal Gruppo PD).
D'ALIA (UDC-SVP-Aut). Signor Presidente, vorrei chiedere al senatore Possa di essere autorizzato ad apporre la mia firma all'emendamento 2.381 (testo 2). Credo infatti che, per quanto il Governo e la maggioranza abbiano fretta di liquidare questa finanziaria per liberare il calendario del Senato per altri provvedimenti importanti, su alcune questioni di merito serie, come quella posta dal senatore Possa e da tanti altri colleghi di maggioranza e di opposizione, sarebbe il minimo indispensabile fare una breve riflessione sull'utilità delle proposte per evitare che nelle prossime settimane il clima dell'Assemblea diventi insopportabile. Infatti, signor Presidente, non è possibile che su ogni questione, anche quelle fondate e peraltro quelle identiche ad altre presentate dalla maggioranza, si esprima un voto contrario sbrigativamente, con aria di sufficienza e con grande approssimazione. (Applausi dai Gruppi Udc-Svp-Aut, IdV e PD).
LONGO (PdL). Signor Presidente, con il consenso del primo firmatario, senatore Possa, chiedo di poter aggiungere la mia firma all'emendamento 2.381 (testo 2).
LEGNINI (PD). Signor Presidente, chiedo di poter aggiungere la firma di tutti i senatori del Partito Democratico all'emendamento 2.381 (testo 2).
VEGAS, vice ministro dell'economia e delle finanze. Domando di parlare. (Brusìo).
PRESIDENTE. Onorevoli colleghi, ascoltiamo il rappresentante del Governo. Vorrei essere messo nelle condizioni, almeno io, di ascoltare il vice ministro Vegas.
Vice ministro Vegas, ha facoltà di parlare.
VEGAS, vice ministro dell'economia e delle finanze. Signor Presidente, mi permetto di reiterare l'invito al senatore Possa a ritirare l'emendamento 2.381 (testo 2), che potrà essere meglio valutato nel provvedimento sull'università, nel quale credo possa essere esaminato dal Senato in modo molto più approfondito di quanto non avvenga in questo caso. (Brusìo. Richiami del Presidente).
Signor Presidente, vorrei riuscire a parlare. Altrimenti, non vi sono problemi e non parlo!
PRESIDENTE. Onorevoli colleghi, non si può continuare in questo modo.
VEGAS, vice ministro dell'economia e delle finanze. Ciò riguarda la questione dei ricercatori, tenendo conto anche della struttura dell'emendamento, il quale francamente porrebbe qualche problema perché si basa su risorse del 2009 che verrebbero possibilmente utilizzate nel 2010; quindi, vi sarebbe uno slittamento della copertura di un anno.
Tra l'altro, la proposta emendativa non chiarisce neanche i profili quantitativi e, dunque, non sappiamo quanti sono i ricercatori interessati. Ritengo, pertanto, che sarebbe opportuno avere un minimo di prudenza anche per una definizione quantitativa. In ogni caso, è necessario prevedere in qualche modo una copertura. Capisco che la 5a Commissione, nella sua enorme bontà, non si è soffermata su questo tema, ma esiste un problema di copertura perché - ripeto - vi è uno slittamento.
Mi permetto, dunque, di insistere affinché il senatore Possa trasformi eventualmente tale emendamento in un ordine del giorno e si riservi di rivolgere la questione alla sede opportuna, che non è questa, tenendo conto che - come dicevo -esistono problemi di copertura, forse non banali.
PRESIDENTE. Senatore Possa, lei è il titolare dell'emendamento: il rappresentante del Governo ha rivolto un invito a trasformarlo in ordine del giorno.
POSSA (PdL). Signor Presidente, non mi sento di poter accogliere l'invito al ritiro di questo emendamento di cui sono profondamente convinto.
Vorrei aggiungere che i soldi di cui si parla nell'emendamento sono a decorrere dal 2009, non sono del 2009, e quindi sicuramente utilizzabili nel 2010 per far fronte alle esigenze di sviluppo del sistema della ricerca italiana. Poiché questi soldi ci sono e sono stati già stanziati, ma per una serie di tecnicalità di cui non vi voglio tediare si è nell'impossibilità attuale di utilizzarli, sono convinto che approvando l'emendamento non rechiamo alcun danno all'erario essendovi la piena copertura. (Applausi dal Gruppo PD. Brusio).
VEGAS, vice ministro dell'economia e delle finanze. Signor Presidente, considerato che su questo emendamento esistono problemi da valutare e considerato che ormai ci stiamo avvicinando al termine della seduta, chiederei alla Presidenza di sospendere i lavori. (Proteste dai Gruppi PD e UDC-SVP-Aut).
PRESIDENTE. Colleghi, la seduta non si sospende, ma vorrei riportare ordine nella conduzione dei nostri lavori. Il calendario prevede che la seduta si concluda alle 20,30 e noi, salvo diversa decisione unanime dell'intera Assemblea, non concluderemo prima. Mi spiace dover dire al Governo che la Presidenza non riscontra elementi che possano consentirle di procedere ad una interruzione dei lavori non essendovi obiettivi impedimenti di carattere procedurale.
SAIA, relatore. Signor Presidente, a questo punto chiedo l'accantonamento dell'emendamento 2.381 (testo 2). (Proteste dai Gruppi PD e UDC-SVP-Aut).
PRESIDENTE. Chiedo al Governo se concorda sull'accantonamento.
VEGAS, vice ministro dell'economia e delle finanze. Sì, signor Presidente.
PRESIDENTE. Allora, lo accantoniamo.
POSSA (PdL). Signor Presidente, le considerazioni che mi sono state fatte presenti mi inducono a ritirare l'emendamento. (Proteste dai Gruppi PD e UDC-SVP-Aut).
LEGNINI (PD). Signor Presidente, nel prendere atto di questa immotivata retromarcia del senatore Possa, faccio rilevare che a questo punto l'emendamento non può essere ritirato perché sottoscritto da più di 150 senatori.
PRESIDENTE. Senatore Legnini, lo vuole fare proprio?
LEGNINI (PD). È stato già fatto proprio e quindi l'emendamento va votato.
PRESIDENTE. È stata avanzata una richiesta di accantonamento.
LEGNINI (PD). Ci opponiamo all'accantonamento perché questo non è un modo corretto di procedere. Siamo in fase di esame degli emendamenti accantonati e quindi fare l'accantonamento dell'accantonamento è una nuova prassi finora sconosciuta.
PRESIDENTE. Senatore Legnini, poc'anzi ne abbiamo accantonato un altro e non vi è stato alcun problema. Sono stato contrario alla sospensione dei lavori, ma sull'accantonamento non mi sento di essere contrario perché l'abbiamo già fatto poc'anzi per un altro emendamento.
Senatore Legnini, accoglierei l'accantonamento perché comunque prima o poi l'emendamento verrà votato, se non ora domattina. Non vedo grandi differenze.
ASCIUTTI (PdL). In qualità di secondo firmatario dell'emendamento, sono d'accordo anche io per l'accantonamento.
PRESIDENTE. Accantoniamo quindi l'emendamento 2.381 (testo 2), che poi voteremo. L'accantonamento non significa infatti che l'emendamento non verrà votato.

PROCACCI (PD). Signor Presidente, vorrei capire se noi dobbiamo prendere in considerazione la volontà del Governo o la dichiarazione che il primo firmatario dell'emendamento...
PRESIDENTE. Senatore Procacci, scusi se la interrompo. Il primo firmatario ha ritirato l'emendamento, che poi è stato fatto proprio da altri. Pertanto l'emendamento vive. Vi è una richiesta di accantonamento da parte del relatore e del rappresentante del Governo che, se volessero dare parere contrario ipso iure, non la avanzerebbero. Io vedo la richiesta di accantonamento come un atteggiamento non preclusivo, perché, ove così fosse, il relatore e il rappresentante del Governo darebbero subito parere contrario e l'emendamento si voterebbe.
Questa è l'interpretazione della Presidenza. Ripeto che non vedo l'accantonamento dell'emendamento come una bocciatura, perché altrimenti lo si voterebbe.

103 commenti:

  1. la commedia degli equivoci. che pena.
    chiaramente vegas non sapeva di cosa si stava parlando

    RispondiElimina
  2. tutti coloro che vogliono i fondi mussi 09 sono invitati a scrivere al vicemnistro vegas e al relatore saia per spiegargli di cosa si tratta

    RispondiElimina
  3. Renzino l'Europeo12 novembre 2009 23:04

    Figurati, lo sanno bene, ma non sanno che pesci piglire sulla formula "dal 2009...".
    Che vuol dire, che da ora in poi ci sara' sempre un "capitolo Mussi" nella Finanziaria?
    Non e' cosi' che si fanno i bilanci - o, meglio, con tutto il casino che c'e' gia' uno vorrebbe capire se si puo' fare piu' ordine.

    RispondiElimina
  4. beh, possono proporre una riformulazione

    RispondiElimina
  5. Si sono già spesi i soldi... altro che "equivoci" o "fare più ordine"!

    Scrivete pure a Saia, a Vegas. Poi vediamo se vi rispondono. E' evidente che è arrivato dal governo l'ordine di far ritirare l'emendamento.

    RispondiElimina
  6. Più che ai deputati scriverei ai giornali e ai telegiornali...chissà se Minzolini farà un editoriale su questo vero e proprio assalto alla diligenza. Magari Crozza...

    RispondiElimina
  7. Ma da quanto dice il presidente dovrebbe essere rivotato domani mattina. O era solo un modo per dire "prima o poi"?

    RispondiElimina
  8. Renzino l'Europeo12 novembre 2009 23:51

    Comunque il Compagno di Stanza Mussi sapeva bene come attivare il solito Meccanismo Pavloviano, e ora ne abbiamo le prova.

    RispondiElimina
  9. E' ormai chiaro che quella canaglia del nano ("noto delinquente", secondo l'ineccepibile definizione di Saramago) ha deciso di fottersi gli 80 milioni.
    La storia del bisticcio 2009/2010 fa ridere i polli, non c'era e non c'è alcun vincolo a spendere quei soldi nell'anno solare 2009 (e pure Possa lo fa subito notare), come non esisteva alcun vincolo a spendere nel 2007 i soldi della tranche 2007 né nel 2008 quelli della tranche 2008; e non esiste tale vincolo per l'evidente ragione che, data la velocità di svolgimento dei concorsi universitari (ulteriormente peggiorata da questo governo), non sarebbe mai e poi mai stato possibile soddisfarlo (tanto più che le due precedenti ripartizioni sono state fatte entrambe a novembre, cioè quasi alla fine dell'anno).
    Vergognosamente falso che non si sappia quanti sarebbero i ricercatori a entrare grazie ai fondi della terza tranche: quando, ben 2 anni fa, emerse che la prima tranche equivaleva a 1050 posti, si seppe anche che la terza tranche, quella "doppia", sarebbe equivalsa a 2100 posti circa.
    Patente presa per il culo dire che la questione si inquadrerebbe meglio nella discussione del (testuali parole) "provvedimento sull'università", perché, se, come credo, si intende il ddl recentemente approvato dal cdm, esso avrà probabilmente un iter parlamentare (fra l'altro ancora neppure iniziato) di un anno-un anno e mezzo, mentre questi fondi devono essere sbloccati entro fine 2009, cioè nei prossimi 45 giorni, o mai più.
    Se non ci ripensano, è chiarissimo e vergognoso furto, che spero venga esposto al pubblico ludibrio come merita.

    RispondiElimina
  10. Questo post è fantastico, lo "linko" da noi, se nulla osta.

    (ed è anche fantastico il commento di andrea: scambiate il link con "ricette blog"? nell'ultimo post insegnano a fare il mojito...)

    RispondiElimina
  11. Che governo schifoso.Opposizione dura subito!

    Speriamo che la Ghizzoni riesca a far dare i soldi senza lo sblocco del parlamento.

    RispondiElimina
  12. pensavo fosse spam, così l'ho cancellato ... forse era solo uno scherzo? se è così chiedo venia...

    RispondiElimina
  13. Era un messaggio automatico per pubblicizzare un blog. Hai fatto bene a cancellarlo.

    RispondiElimina
  14. ...superior stabat lupus longeque inferior agnus...

    RispondiElimina
  15. Seguire la strada Ghizzoni. Lo sblocco non è necessario, per cui distribuissero i fondi alle università e non rompessero

    RispondiElimina
  16. Avete visto che gli 8 miliardi dello scudo fiscale che dovevano essere (Tremonti me l'ha garantito, e sarà così, diceva Merystar) utilizzati per università e ricerca, vanno invece a ridurre l'acconto irpef. Ovvio: la demagogia funziona così. Brindiamo!

    RispondiElimina
  17. Emendamento 2.381 trasformato in ordine del giorno. Complimenti!

    RispondiElimina
  18. agnelli (con la "a" minuscola) di tutto il mondo unitevi!

    RispondiElimina
  19. Sì, lo ho appena visto.
    Possa (PDL) ha ritirato la sua firma e il secondo firmatario (Asciutti, PDL) ha chiesto di trasformare l'emendamento in ordine del giorno. Rusconi (PD) ha chiesto di mettere ugualmente in votazione e Schifani ha detto che non era possibile.
    E' finita.

    RispondiElimina
  20. Ho appena letto quello che ha detto la FLC, chiamata ieri in audizione al Ministero.
    In particolare la frase:

    "Il DDL poi non affronta la questione del riconoscimento per le figure che da decenni attendono una soluzione: ricercatori in primo luogo, ma anche lettori e CEL. La scelta di assumere solo ricercatori a tempo determinato ha per effetto la messa ad esaurimento di 20.000 ricercatori in servizio per i quali, credibilmente, si apriranno scarsissime possibilità di uscire dal recinto della terza fascia, sia per la mancanza di fondi e di concorsi, SIA PERCHE´ I POCHI POSTI DI ASSOCIATO SARANNO PREVEDIBILMENTE ASSORBITI DAI FUTURI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO."

    Ma cosa fuma questa gente.... e´ chiaro come l´acqua di fonte che l´abilitazione nazionale a numero aperto verra´ data a tutti gli attuali ricercatori TI, che progrediranno in carriera (in base alle disponibilita´ finanziarie delle diverse universita´.... invero scarse) nel tempo. Quelli che sono tagliati fuori sono gli attuali assegnisti e i borsisti, per i quali non si prevede nulla nel transitorio, se non altra precarieta´.
    Ma questo la FLC bada bene dal farlo notare...

    Dei NOSTRI non c´era nessuno ieri al Ministero ?

    RispondiElimina
  21. @ mino

    Notare che Schifani ha sostituito Chiti alla presidenza pochi minuti prima di trattare il 2.381. Sarà un caso?

    RispondiElimina
  22. Sì, per usare le parole del resoconto della FLC, "erano presenti diverse sigle di precari e ricercatori dall‘incerta rappresentatività".
    Ossia, c'era l'Apri, l'Air, l'Adi, la Cga e il Coordinamento Precari della Cisal.

    Ci è venuto da ridere, o da piangere, quando il sindacato dei ricercatori universitari ha chiesto che gli attuali ricercatori a tempo indeterminato, in virtù del fatto che sono "docenti", debbano avere di diritto il posto da associato SENZA abilitazione nazionale. Cui è seguito l'intervento di un sindacato, il quale ha detto che si deve passare dalle 2 fasce previste dal DDL ad una sola fascia, quella degli ordinari, a cui devono accedere gli attuali associati... e così via, altri sindacati hanno detto che i veri discriminati dal DDL sono i "bibliotecari" ...

    RispondiElimina
  23. Che significa che è stato messo all'ordine del giorno, in termini concreti? Esce dalla finanziaria? e se sì, che succede?

    RispondiElimina
  24. Mica è stata la FLC a chiedere promozioni ope legis. Non c'è neppure una virgola su questo nel comunicato e nelle richieste della FLC!

    RispondiElimina
  25. All'ordine del giorno significa che il governo terrà presente la questione in futuro. Un OdG non si nega a nessuno...

    Per citare il Ministro della Funzione Pubblica: "gli stiamo togliendo piano piano l'ossigeno, li stiamo facendo MORIRE!" (applausi dalla platea)

    RispondiElimina
  26. Gli 80 milioni che il nano si è fottuto servono forse per il fondo troie? Forse per Natale cresce di qualità e passa da quelle da 2000 a qualcuna da 10000?
    D'altronde, essendo un mostro - oltre che di volgarità, falsità e prepotenza - anche di ignoranza, chiaro che gli universitari (i quali, per il suo cervello da gallina, incarnano la cultura, e per di più, almeno in maggioranza, non lo votano), se potesse, li gasserebbe (ma l'unica nequizia che almeno per il momento ancora gli manca è quella di essere assassino). Congratulazioni agli italioti che da 15 anni (e, se ci sarà felice occasione, per altrettanti in futuro) lo issano in trionfo.
    Quello che è avvenuto è gravissimo. E' nitido furto. Ma è anche del tutto normale, dato che governa un delinquente e la sua masnada di schiavi è senza alcuna eccezione appiattita su di lui.

    RispondiElimina
  27. @ Fritz

    Caro collega, condivido, ma ritengo necessario emendare il suo testo come segue: Sostituire a "nano" la parola "Giulio". Mi pare che così il testo assuma un tratto più realistico.

    RispondiElimina
  28. ma state dicendo che il governo si è rubato i soldi dei posti mussi 2009???

    RispondiElimina
  29. E' evidente che la FLC manovra per favorire i propri iscritti (cioè i ric. T.I). Comunque nella lista di abilitazione nazionale anche i ric. T.D. possono ben figurare se hanno pubblicazioni di valore.
    Paolino

    RispondiElimina
  30. @ Anonimo
    giulio, come tutti gli altri, è mero esecutore delle volontà del porco. E' il sultanato, babies: non si muove foglia che il maial non voglia. E poi bisogno di spiccioli per andare a troie ce l'ha lui, non (almeno credo) giulio.

    @ 1prec
    Sì, i soldi se li sono fottuti. Non diranno mai a quali osceni clientes li passeranno. Ma insisto nel dire che va presa in qualche considerazione l'ipotesi del fondo troie

    RispondiElimina
  31. Fritz, datti una regolata. Non puoi scrivere commenti con un turpiloquio ogni due righe. Cerca di esprimerti in maniera meno volgare, per favore.

    RispondiElimina
  32. @ Paolino

    Si, certo.... ma poi dovranno sempre trovare una sede disposta a farli passare avanti agli attuali ricercatori TI.
    Almeno nel mio settore questa e´ una chimera.

    RispondiElimina
  33. ok, ci hanno fottuto.
    e quelli erano pure soldi già stanziati.
    è finita

    RispondiElimina
  34. soldi stanziati e' una parolona.
    SE NON credete alla capacita' di gestione autonoma delle Universita', e ci avete tutte le ragioni, perche' non fate richiesta che nel Fondo Finanziamento Ordinario TORNINO i capitoli di spesa?
    O, quanto meno, torni un capitolo di spesa "dedicato alla memoria di Mussi", cioe' per l'assunzione di ricercatori?
    Cosi' poi avremo un nuovo FFO* = FFO-memoriaMUSSI al quale si applicheranno i concetti del vecchio FFO...

    RispondiElimina
  35. Insomma sto dicendo che se nell'ancora indefinito FFOtremons2010 sarebbero stati previsti TOT EURO, basta che 3monti ponga un nuovo FFOtremons2010' = FFOtremons2010 + 80 MEURO, e ponga una condizione di spesa su 80 MEURO del tipo "Mussi e' vivo e lotta insieme a Noi".

    Sarebbe una gran differenza, dal lato empirico?

    RispondiElimina
  36. basterebbe che?! ma se te li ha appena tolti - cioè se li è presi - perché dovrebbe ridarteli? Sugli FFO poi? cioè da usare non più vincolati come parte dei fondi a disposizione degli atenei. Magari ci comprano la carta igienica....

    RispondiElimina
  37. Anonimo, sto dicendo che 3monti il FFO 2010 te lo deve ancora comunicare, perche' finora c'e' scritto UN EURO nel relativo capitolo della spesa della Finanziaria. Sta aspettando i soldi incamerati con lo Scudo.
    E ti stavo appunto spiegando che se vuoi, puoi continuare a combattere la battaglia sotto l'insegna "Mussi e' vivo e lotta insieme a Noi".

    RispondiElimina
  38. e allora lasciamo stare mussi, chiediamo al caro 3monti di darci gli ffo - coi tagli della 133 - ma di farci il fare di metterci una ottantina di milioncini in più.... poi però deve vincolare la quota al reclutamento dei ricercatori e non all'acquisto della carta igienica che quella ce la portiamo ormai da casa.

    ... Forse non capisco la tua posizione, sono un po' tardo e poco aduso all'umorismo. Io sono per la difesa del reclutamento straordinario "senza se e senza ma". Che sia Mussi, gemolti o trelmini poco me ne frega... Su questo, peraltro, qual'è la posizione dell'APRI?

    RispondiElimina
  39. MeNeVadoAllEstero13 novembre 2009 15:50

    L'unica nostra arma che forse potrà sortire qualche effetto concreto è la denuncia sui mezzi di stampa. La MaryStar va su giornali, radio TV a vantarsi di quanto a lei stiano a cuore i giovani ricercatori e di quello che sta facendo per loro. Nessuno la contraddice e la gente ci crede davvero! Nessuno fa notare che da quanto c'è lei è tutto bloccato e non si fanno piu' concorsi da ricercatore (non solo il reclutamento straordinario... manco quello ordinario!!).

    RispondiElimina
  40. @ Anonimo delle 13.38
    Niente di più alieno dalla mia natura dell'esprimermi così. Ma l'immondo e le plebi che da sempre e per sempre gli tengono bordone hanno in anni e anni portato a un'esasperazione incontenibile. E poi la scrittura deve essere formalmente commisurata al suo oggetto. Impossibile parlare dello sterco in punta di forchetta. Quando doveva parlare di troia, Dante scriveva "troia". Quando si parla del maiale, si deve scrivere "maiale" (con tanto di scuse all'animale, s'intende)

    RispondiElimina
  41. Posizione Apri: sblocco dei fondi Mussi senza se e senza ma.

    RispondiElimina
  42. Cari amici,
    non buttiamo ci giù: cè ancora la Camera. L'unica è metterli alla berlina sui media.
    Se non ci riusciamo, siamo davvero fregati.
    Ci toccherà combattere in 60.000 per mille posti (è vero, anche per 3.000 sarebbe stata dura, ma si sarebbero avute comunque tre volte le probalità di successo).
    Per tacere del fatto che, se non riusciamo a fargli correggere la procedura di formazione delle commissioni,che è viziata grossolanamente, anche quei 1.000 posti saranno a fortissimo rischio.
    Tom

    RispondiElimina
  43. Io passerei ad una fascia sola della docenza pagata quanto gli attuali ricercatori ribattezzata "professori ordinari" e nella quale farei convergere gli attuali ordinari, associati e ricercatori.

    RispondiElimina
  44. ok, non abbandoniamoci al delirio e allo sconforto.

    già partita l'offensiva mediatica e presto se ne vedranno i frutti (spero). inoltre confidiamo nella camera.

    parallelamente bisogna fare tutto il casino possible in ogni dove. scrivete lettere ai giornali!

    RispondiElimina
  45. Per il momento ti becchi ancora i Prof. in pensione a 70 anni (+2) e prega che non reintroducano il fuori-ruolo per quelli gia' in ruolo prima dell'abolizione da parte di Mussi.

    Ti conviene chiedere uno shake-up con almeno la privatizzazione del rapporto di lavoro, e magari anche la trasformazione netta e forzosa in Fondazioni di tutte le Universita'.

    Vedi che all'IMT li fanno piu' seriamente i concorsi, meritocratici, e pure con la Carta Europea dei Ricercatori
    http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2009/11/13SIB5094.PDF

    RispondiElimina
  46. Renzino l'Europeo13 novembre 2009 17:46

    LA c.d. "sparizione" degli 80 milioni e' in home-page di Repubblica.
    Pero' e' spinta dall'Osservatorio della Ricerca, con Rino Falcone che e' ovviamente piu' ammanicato.

    RispondiElimina
  47. qualcuno se ne è accorto, c'è un articolo sul sito di repubblica.

    RispondiElimina
  48. Non so se e´ servito a qualcosa.... ma io ho scritto una mail alla redazione del sito e al Direttore sul tema.... certo sara´ stata una goccia, ma forse ha fatto traboccare il "bicchierino"

    RispondiElimina
  49. Incredibile ma vero - lo sanno che questi atti sono di dominio pubblico? Allo scopo di pubblicizzarli ancor di piu' metto il link sul Gelminometer2!

    RispondiElimina
  50. MIRACOLO! La prima pagina di Repubblica on line! :-)

    RispondiElimina
  51. Ho ricevuto una mail...
    "Gentile XXXXXXXX
    grazie per la segnalazione. Come può vedere dal nostro titolo di apertura sul sito, ne abbiamo fatto tesoro
    Saluti"

    Scrivere non costa niente, almeno alle testate vicine all´opposizione, e qualche piccolo risultato lo porta.

    RispondiElimina
  52. Infatti. E' l'unica cosa che possiamo e DOBBIAMO fare: inondiamo le redazioni dei giornali, per far capire che la notizia è importante.

    Io la mia parte la sto facendo. Ve ne accorgerete domani ...

    RispondiElimina
  53. La questione e´ anche sull´Unita´:

    http://www.unita.it/news/italia/91184/fondo_per_giovani_ricercatori_sparito_dalla_finanziaria

    RispondiElimina
  54. l'apri si sta muovendo su più fronti per far uscire articoli a breve.
    chi vuole contribuire può scrivere alla rubrica delle lettere di corriere, stampa, europa, manifesto, liberazione

    RispondiElimina
  55. Riporto testualmente dal sito del "Messaggero": "Fonti della maggioranza spiegano che la norma potrebbe rientrare nel ddl Gelmini sull'Università". Attenzione: è spudorata presa per il culo. Solo un pazzo potrebbe pensare che il ddl della ministra diventi legge per il 31/12/2009, e gli 80 milioni devono essere ripartiti e assegnati alle sedi entro quel giorno o mai più.

    RispondiElimina
  56. Ho appena parlato col "Messaggero". Si tratta di un'ansa che anche i parlamentari del PDL sanno essere del tutto pretestuosa.

    RispondiElimina
  57. E così la linea di APRI, compiacente verso la ministra si è rivelata prevedibilmente fallimentare...

    RispondiElimina
  58. ... in che senso, siamo stati i primi a lanciare l'allarme sui fondi Mussi (nel mese di Agosto sul Sole24Ore)?

    RispondiElimina
  59. Peraltro il presidente dell'Apri aveva anche pressato i Senatori firmatari dell'emendamento affinchè venisse messa una "data perentoria" entro cui bandire i concorsi, e alla fine ci siamo pure, parzialmente, riusciti: infatti nel "Testo 2" vi è qualcosa del genere.

    RispondiElimina
  60. Il CORRIERE!!!!! On-line fin da ora! Grandi, ragazzi!

    RispondiElimina
  61. @Dingo, abbandono il mio tradizionale aplomb per mandarti a cacare seduta stante. "La linea dura e la linea morbida": espressioni da Ventennio che misurano lo spessore del dibattito per alcuni che vanno in giro armati di vistosi paraocchi... La sconfitta qui e' della nostra generazione, o Dingo, non delle "organizzazioni dotate di dubbia rappresentativita' " come l'APRI o quelle col bollino blu come la FLC. E vedrai ora come la linea dura paghera', come diventerete tutti meritevolissimi ricercatori a tempo indeterminato il prossimo anno...

    RispondiElimina
  62. Credo che dal Ministero ci sia solamente una incompetenza e un peso politico zero (spaccato).
    Rimpiago i tempi di Mussi. Almeno lui minacciava le dimissioni in Consiglio dei Ministri e qualcosa lo portava a casa. Invece la Gelmini è completamente succube di Tremonti, il quale può addirittura sfilarle via 80ml di euro già stanziati e sul bilancio del Miur, nonostante la volontà della maggioranza dei senatori, senza che lei riesca a proferire parola.

    RispondiElimina
  63. Mi rendo conto che in questo momento l'impato mediatico si raggiunge più efficacemente e rapidamente attraverso la segnalazione ai siti web di giornali e altri media ma se si passasse ad una petizione magari supportata da qualche giornale?
    Comunque, detto per inciso, mi pare davvero che la maggioranza non navighi in buone acque e in un contesto difficile anche una questione come quella universitaria che in questo paese incivile è minoritarissima potrebbe rompere abbastanza le scatole....

    RispondiElimina
  64. Tie', mo' siamo pure nel pezzo di Repubblica.... http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/economia/finanziaria-2009/fondi-ricerca/fondi-ricerca.html

    RispondiElimina
  65. parliamoci chiaro: la gelmini e il miur erano chiaramente d'accordo con la bocciatura dell'emendamento.
    emendamento che aveva il sostegno di autorevoli esponenti della maggioranza oltre che dell'opposizione unita.
    se i soldi sono spariti è solo per la pervicace volontà del governo. ce ne ricorderemo.

    è vergognoso perchè con l'alibi della riforma, che non sarà operativa prima di 2 anni, si sta decidendo di dare il colpo di grazia a una generazione di precari che già stentava a sopravvivere. Ancora blocco dei concorsi dopo anni di blocchi. E' l'unica cosa vera fatta dal ministro gelmini: bloccare tutto, tagliare il tagliabile mentre blatera a vanvera di meritocrazia e ricambio generazionale.

    RispondiElimina
  66. Salve a tutti. Torno a farmi sentire dopo un po' di tempo, talmente avvilito in generale da non offendermi per eventuali ulteriori insulti tipo "primitivo" e "reazionario" (ricevuti tempo fa sul blog). Più che di linea dura o linea morbida ribadisco che si sta palesando che la linea APRI era semplicemente ingenua (sono certo peraltro della buona fede). Le accuse alla FLC potranno anche essere condivisibili ma ricordano il marito che, arrabbiato con la moglie, dà un calcio al cane... La colpa di quanto sta accadendo è del governo attuale e dei professori e ricercatori di ruolo, che non stanno minimamente solidarizzando con i precari. Loro anzi tirano un sospiro di sollievo, perchè il temporale continua a scaricarsi sulla generazione '70 e per loro non cambia nulla. In due o tre anni staranno pure tutti più larghi negli uffici. In un paese civile le università e le scuole sarebbero già occupate da mesi e non solo dagli studenti. Lo dice uno che non ha mai occupato neanche un giorno dalla prima elementare. E non lo farei nemmeno ora, in un paese imbarbarito come non mai (se finisci una notte in carcere non sai nemmeno cosa ti può capitare). Come ci siamo ridotti? Gattopardo.

    RispondiElimina
  67. Per non parlare di quello che NON stanno facendo i rettori. Non una parola nemmeno sui fondi Mussi.

    RispondiElimina
  68. MA perche', I Rettori hanno forse Una Qualsiasi posizione, a parte chiedere che in qualche modo sia assegnato il Fondo 2010?
    Sono Nulli, in termini di MERA capacita' analitica sul loro stesso sistema universitario (Zero Ricerche) e Nulli in termini propositivi.

    RispondiElimina
  69. erché sia chiaro a tutti (precari, baroni, ministro):

    Coloro che pensano che accetteremo l'eliminazione dell'ultima tranche mussi SI SBAGLIANO DI GROSSO

    Coloro che pensano che accetteremo di farci eliminare come generazione perché non si prevede di elaborare alcuna strategia per la fase di transizione in attesa dell'applicazione del ddl SI SBAGLIANO DI GROSSO.

    finora siamo stati ragionevoli e pacati ma non ci faremo eliminare senza combattere.
    FUOCO E FIAMME AI NEMICI DEI PRECARI!

    RispondiElimina
  70. Insorgere sta per dare realtà al suo nik? Bene bene...

    RispondiElimina
  71. un'idea per salvare la generazione, visto che:

    1) i concorsi da ricercatore sono praticamente bloccati da due anni,

    2) il ddl gelmini prevede che il limite di fruibilita' degli assegni di ricerca attuale (5 anni con un dottorato di 3) venga prolungato a 10 (compresi gli eventuali anni di Ricercatore Tempo Determinato che potranno essere massimo 6)

    perche' non pretendere che in questa infinita fase di attesa/transizione o quel che e', si tolga subito il limite dei 5 anni in modo che almeno si possa continuare a sopravvivere con gli assegni di ricerca?

    perche' va bene che la precarieta' protratta non piace a nessuno, e va bene lottare per i posti di ruolo, ma se nell'attesa uno raggiunge il limite degli assegni cosa rimane? la disoccupazione?

    RispondiElimina
  72. Cari post-nostalgici questo è il prezzo per non aver detto una parola sul posto fisso di Tremonti. Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.

    Università stataliste a posto fisso sono un lusso sfrenato... nemmeno negli emirati arabi se le potrebbero permettere.

    RispondiElimina
  73. Mauro della VIA14 novembre 2009 09:17

    Bisogna fare proposte per dare speranze e possibilita' di lavoro a ricercatori + o meno giovani nel periodo di transizione verso la riforma e non ci sono molte alternative. La piu' semplice e' spingere per un decreto che porti avanti una fondazione come PRIME (tra l'altro il Wellcome Trust ha appena annunciato che da ora finanziera' SOLO fellowships, no more projects, come il PRIME!), dotandola di 100-200 milioni di Euro dall'inizio. O addirittura dare i soldi al Wellcome Trust che apra una sezione dedicata solo all'Italia e gestisca i fondi come fa di solito (e bene). Chiedermo alla Lega, per primo, che ritiri fuori i soldi che ha fatto spendere invano al governo posticipando il referendum a giugno (che costo' oltre 200 milioni, vi ricordate?).

    RispondiElimina
  74. Bartolomeo Pestalozzi di Pinerolo14 novembre 2009 09:31

    Ok tutto, ma in questo momento la primissima reazione è richiedere le dimissioni di questa nullità di ministro. Non serve a nulla, ma è forte mediaticamente: tutti, anche la casalinga di Voghera, può e deve capire che un ministro (MS) ha sbandierato progetti, il padrone (il Divo Giulio) si è poi preso tutto, e la nullità è ancora lì che si chiede che è successo.
    Si può anche vendere la buonafede di Marystar, che sappiamo non esistere: rende di più battere sull'incompetenza e sulla mancanza di carattere di MS. I 10 mil. per il prosciutto e le altre banalità sono passati tra gli "aggiustamenti" della Finanziaria: i soldi per la ricerca no.
    Mariastella, grazie per il prosciutto, ce lo mangeremo con le brioches.

    RispondiElimina
  75. MeNeVadoAllEstero14 novembre 2009 09:39

    Intanto segnalo come nell'articolo uscito sul sito de "Il Giornale" il mancato sblocco dgli 80 milioni non sia minimamente citato!

    RispondiElimina
  76. Il Gr1 delle 7.30 l'ha messo nel titolo, insieme alla Banca del Sud, ma non ne hanno poi parlato nella notizia.
    Il Tg2 delle 8.00 ha detto nel titolo
    "respinto lo stanziamento per l'assunzione di 4.000 ricercatori precari"!!
    E' chiaro che, per fare informazione così, è meglio un silenzio assordante.

    RispondiElimina
  77. Nel frattempo dal sito del corriere la notizia, inserita in modo comunque capzioso in un articolo pubblicato ieri sera sul sito, è magicamente scomparsa. Sicuramente il "simpatico" Giavazzi, meritocratico a parole, avrà fatto le sue debite pressioni al suo giornale

    RispondiElimina
  78. Per il MIUR pare non vi sia nessun taglio...

    non riesco ad incollare il link con copia e incolla ma andate su repubblica nella colonna 24 ore

    RispondiElimina
  79. Letto. Effettivamente ha dell'incredibile. Anzichè unirsi al coro di proteste (dato che, poi, i soldi sono tolti al bilancio del Miur) e chiedere che l'emendamento passi alla Camera, dicono che va tutto bene.
    Ma allora che l'hanno presentato a fare l'emendamento?

    RispondiElimina
  80. Ecco il link: http://www.repubblica.it/ultimora/24ore/FINANZIARIA-MIUR-NESSUN-TAGLIO-AI-RICERCATORI/news-dettaglio/3734096

    RispondiElimina
  81. Secondo il MIUR: "L'emendamento presentato al Senato si limitava a definire uno spostamento dell'erogazione di circa 60 milioni di euro dal 2009 al 2010."

    Non erano 80 milioni? Inoltre se i soldi non vengono spostati al 2010 sono persi, quindi il risultato non cambia. O sbaglio?

    RispondiElimina
  82. Nell'agenzia AGI c'è l'intero comunicato.
    Ovviamente i soldi sono 80 e non 60 (manco i ferri del mestiere conoscono).

    http://www.agi.it/rubriche/ultime-notizie-page/200911141122-cro-rom1017-finanziaria_miur_nessun_taglio_ai_ricercatori


    Ma dal comunicato sembra profilarsi una possibile via amministrativa, sebbene nell'incontro al Miur ci fecero capire che per via amministrativa si potevano solo salvare i 40ml necessari per pagare gli stipendi di quelli assunti con la I e II tranche ... mentre per gli altri 40ml, quelli più importanti (nuove assunzioni), servirebbe una dispozione di legge.

    RispondiElimina
  83. Secondo me hanno provato a fregarci, ma non si aspettavano una reazione tanto immediata della stampa. E visto che il governo se non se la passa tanto bene e anche un piccolo colpo potrebbe essere fatale, hanno subito fatto retromarcia.

    RispondiElimina
  84. E poi quali sarebbero queste "nuove modalità" di cui si parla nel comunicato?
    Cito: "Questo per consentire al Ministero di ripartirli con le nuove modalità."

    RispondiElimina
  85. Mauro della VIA14 novembre 2009 12:31

    Trovat sul sito di Firenze della Repubblica l'annuncio del MIUR che 'non esiste nessun taglio a giovani ricercatori.IL MIUR precisa che la notizia sugli organi di stampa e' clamorosamente falsa!' Ma hanno letto il resoconto della seduta del Senato riportato anche qui? Che razza di smentita e' mai questa. Dovremmo organizzare una controsmentita!

    RispondiElimina
  86. La mia interpretazione del Comunicato Stampa e' che il Ministro vorrebbe che si parlasse di posti-Gelmini e non di posti-Mussi... una delle cose piu' fastidiose per un politico e' vedere che anche post mortem (politica) il tuo predecessore ti sta togliendo spazio.

    Gia' con la storia dell'ANVUR ha dovuto inventarsi un sacco di balle che avrebbe cambiato chissache', ma in pratica ha ritardato di 2 anni qualcosa che era gia' pronto dal lavoro di Mussi.

    RispondiElimina
  87. Mauro della VIA14 novembre 2009 12:49

    Ed ora la smentita completa, che viene dall'agenzia AGI e' riportata sul Gelminometer2!

    RispondiElimina
  88. @euroscience
    La tua interpretazione puo' essere realistica ma non ha senso rispetto al bene del paese e della ricerca in particolare. Non c'e' modo di mandarglielo a dire al ministro Gelmini?

    RispondiElimina
  89. Cari Apristi, ma vi rendete conto che tutto ciò che avete (meritoriamente, eravate stati bravi) ottenuto è saltato nel giro di pochi giorni? Prima la reintroduzione degli orali, poi la cancellazione dei Mussi 2009. E nel frattempo qualche vostro associato ha pure sottoscrito quella gigantesca corsia preferenziale per l'accesso in ruolo che va sotto il nome di progetto PRIME.
    Alla luce di tutto questo, dovreste pensare ad un cambio di strategia.

    RispondiElimina
  90. Caro Dingo, prima di parlare dovresti informarti. Sulla "reintroduzione degli orali" io stesso ho parlato a Roma, al Miur, durante il mio intervento e a quanto pare potrebbe arrivare una nuova nota ministeriale che dica più chiaramente che la illustrazione dei titoli (e, eventualmente, delle pubblicazioni) non debba essere oggetto di valutazione seprarata. Ovviamente se fossi io il Ministro, l'avrei già fatta sta nota ... quindi più che sollevare il problema (gli unici, tra l'altro, tra 20 sigle), che possiamo fare?
    Sui fondi Mussi, da come parli sembra che li abbiamo tagliati noi. Hai letto l'articolo sul Messaggero? e quello su Repubblica? Di che cavolo stai parlando? tu, invece, che cosa stai facendo?

    RispondiElimina
  91. MeNeVadoAllEstero14 novembre 2009 14:10

    Intanto anche al TG5 delle 13 si è parlato di "notizia clamorosamente falsa" e si è letto il comunicato del ministro... ovviamente nessun diritto di replica da parte di nessuno.

    RispondiElimina
  92. E' probabile che al Ministero stiano optando per la "linea Ghizzoni". Cioè siccome la finanziaria Prodi prevedeva l'emanazione di un Decreto del Ministro per le procedure dei concorsi (il famoso "regolamento Mussi") a cui erano legati gli 80ml, ora loro fanno capire che quel Decreto è dato dal D.M. sui criteri di valutazione e del D.M. sulle procedure di nomina delle commissioni.

    Comunque sia sarebbe una nostra vittoria. Tuttavia è sempre bene tenere alta la guardia. All'incontro a Roma ho capito infatti che non era proprio scontato sbloccare per via amministrativa i 40ml destinati a nuove assunzioni (mentre per gli altri 40ml, quelli per i secondi e terzi anni di stipendio della I e II tranche, non ci sarebbero problemi).

    RispondiElimina
  93. Mauro della VIA14 novembre 2009 14:36

    Anche al TG1 hanno appeno riportato che la Gelmini rassicura i ricercatori che gli 80 milioni andranno destinati a loro! cioe' a voi che magari vorreste partecipare ai concorsi per diventare ricercatore, a perdere...

    RispondiElimina
  94. Mi spiegate che cavolo significa questa dichiarazione della Gelmini:

    «E' falso che nella Finanziaria di ieri siano stati tagliati ulteriori 80 milioni di euro per la ricerca. E' una notizia destituita di ogni fondamento: il presidente della commissione Cultura del Senato aveva presentato un emendamento per ripristinare un vecchio taglio che era contenuto nella precedente Finanziaria, quindi non c'è alcun taglio aggiuntivo».

    RispondiElimina
  95. @ mino
    Hai ragione, non sta né in cielo né in terra, è puro farfugliamento nel tentativo di mascherare la figuraccia, che - si noti - era già stata sostanzialmente ammessa 4 giorni fa da pizza quando, rispondendo all'interrogazione della Ghizzoni, riconosceva (si veda il resoconto stenografico nel sito della Camera) che la vicenda legata agli 80 milioni crea qualche "imbarazzo" e che si erano prodotti degli inopportuni "incidenti di percorso".
    A rassicurare veramente è solo il testo del comunicato del MIUR così come è riferito nel sito dell'Agi. E a questo testo si deve inesorabilmente tenere fermo, perché promette senza mezzi termini che entro 2 settimane un DM ripartirà e assegnerà i soldi alle sedi. Quindi ora si tratta di verificare se, al primo di dicembre, ciò sarà o non sarà stato fatto.

    RispondiElimina
  96. Ragazzi, non vogliatemene...
    Capisco che fondi mussi = concorsi = stipendio = campare + o - dignitosamente..
    Io lavoro all'università (facoltà di medicina !!!) da 25 anni (ex tecnico laureato , oggi professore aggregato = grandiosa presa per....) e non vedo l'ora di andare via da questo SQUALLIDO POSTO ! Purtroppo ho ancora 48 anni...
    Ho visto in questi anni le più turpi luride laide schifezze che ho cercato di combattere in tutti i modi possibili (anche legali con grande sacrificio economico !)fino a tutt'oggi senza avere cavato un ragno dal buco.
    Sono onorata di avere contribuito a "crescere" intere generazioni di studenti, specializzandi, altre figure professionali...senza mai essere riuscita a "trattenere" (= fare assumere !) neanche uno di loro.
    Sono disgustata di avere visto e continuare a vedere che non esiste affatto il tanto decantato "merito". All'università esiste soltanto il merito di essere nati nella famiglia giusta e dunque di avere la famosa "forma mentis" giusta della quale ha parlato Nino Luca nel libro Parentopoli. Il curriculum te lo cominciano a preparare mentre sei in culla !
    Cosa ancor più grave a Medicina dove un bel giorno avrai da fare con i pazienti in carne e ossa oltre che con la didattica e la ricerca. Cercate alternative...scusate se mi permetto di scrivere questo, sono consapevole di essere facilmente criticabile avendo un posto di lavoro "fisso"...
    Da parte mia cercherò di mandare i miei figli a studiare all'estero (con grande pena nel cuore vivendo in una città universitaria !)sperando in un futuro più roseo almeno per loro.

    RispondiElimina
  97. Cara Anonima, quello che dici è giusto. Noi però siamo (relativamente) giovani e finché abbiamo la forza di combattare, ci proviamo.

    Molti di quelli che scrivono in questo blog all'estero ci sono già! Mauro, della VIA-Academy, coordina un network di ricercatori espatriati (principalmente in UK). Ma anche dopo essere stati cacciati dal nostro Paese, noi continueremo a rompere le scatole in tutti i modi possibili al governo di turno per cercare di cambiare le cose.

    RispondiElimina
  98. Anonima dice cose che sappiamo, per questo io e molti di quelli che scrivono SONO all'estero E per sport combattono anche la battaglia meritocratica.
    Si noti comunque che Medicina e' il peggio, cioe' il ground zero dell'Universita' italiana, e altrove vi sono anche sacche di valore e di merito.

    RispondiElimina
  99. Grazie ragazzi di non avermi preso a parolacce ! So bene che quello che ho scritto è ben noto a tutti noi. Nonostante il disagio giornaliero che ormai provo a vivere dentro questo "mostro" di università, apprezzo moltissimo la vostra battaglia che è stata ed è, nonostante le considerazioni pessimistiche di prima,anche la mia. Certo vivo principalmente la realtà di Medicina (giustamente definita ground zero !)tuttavia anche in altre facoltà si scherza poco. Allo stesso tempo è possibile trovare dovunque persone serie e meritevoli che spesso si sobbarcano l'ingrato compito di cercare di lavorare bene anche in carenza di mezzi e risorse sia umane quanto economiche.
    Penso che sia veramente triste che il Ddl Gelmini preveda che le università si debbano dotare di un CODICE ETICO ANTI-PARENTOPOLI..cosa vuol dire? forse che senza codice etico si continueranno a fare vincere i concorsi a parenti o affini di vario grado fino all'undicesimo incluso ?! oppure che l'esistenza di un regolamento scritto servirà a fare concorsi "moralmente" corretti ?
    L'università è allo stato attuale una azienda fallimentare : sforna laureati di vario tipo senza garantirsi poi la possibilità di "sfruttare" i cervelli che ha creato.......big deal !
    Fino a quando si continuerà a confondere l'accesso all'università (concorsi per accedere dall'esterno)con la progressione di carriera(giusta aspettativa per chi è già dentro)non si andrà molto lontano.
    Continuiamo quindi questa sacrosanta battaglia ma con la consapevolezza di avere di fronte una enorme montagna da scalare. Prova ne sia questo ennesimo raggiro sui fondi del quale si sta discutendo in questi giorni...

    RispondiElimina