venerdì 20 aprile 2012

Giustizia: l'unione fa la forza!

Ottobre 2010
Si svolge a Milano (Unimi) uno dei primi colloqui per uno dei nuovi concorsi da Ricercatore (Geo/10). È uno di quei concorsi (non rari purtroppo) in cui il vincitore ha meno titoli di tutti in assoluto. Ma è uno dei pochi concorsi in cui tutti gli altri candidati (otto) decidono subito di fare ricorso al TAR. I Giudici danno loro torto. Questa particolare sentenza costituisce un comodo precedente per tutti i baroni e le università impegnate a difendersi da ricorsi. Gli ex-candidati vorrebbero fare ricorso al Consiglio di stato, a breve la scadenza dei termini, e stanno cercando supporto morale e materiale. Come APRI sosteniamo questa iniziativa, come tutti gli sforzi per ottenere giustizia e rispetto del merito. Crediamo anche che si tratti di un modello positivo e da riprodurre, con le sottoscrizioni pubbliche è infatti possibile aiutare più persone a sostenere i costi dei ricorsi e quindi a chiedere giustizia.
Al seguente link tutte le informazioni http://gyverik.com/PAOC/?paoc=1

107 commenti:

  1. a me basterebbe che venissero resi pubblici i lavoro di molti strutturati, presentati al GEV. A quel punto sarebbero evidenti molte cose.
    Ricercatori che vanno avanti grazie ai lavori di tesisti e assegnisti.


    Ma è evidente che ciò accade perchè ognuno di noi non fa un cazzo per ribellarsi al questo sistema di merda!!!

    RispondiElimina
  2. Anche la giustizia dice che il sistema va bene così.
    Lottare contro i mulini a vento a cosa serve?
    Piuttosto sbattere i pugni perchè la riforma è scientificamente stata stoppata.
    Perchè questo no?
    Il ministro Profumo è un fantoccio. Sta scaldando una poltrona.
    Il dialogo è da intavolare con il preseidente del consiglio!
    ...che magari anche lui farà spallucce....
    ed allora il messaggio di cambiare lavoro sarà più che sufficiente.

    RispondiElimina
  3. Ribellarsi è giusto, ma loro non sono mica scemi: corrompono già una buona maggioranza di giovani con le loro idee.

    Il Fantoccio Profumo, espressione del Baronume più vischioso, è interessato a sopravvivere più a lungo: tanto lui lo stinendio assicurato ce l'ha comunque.

    RispondiElimina
  4. si vabbè regà, cercate di stare in topic.

    e contribuite, anche 5 euro (un pacchetto di sigarette) bastano

    RispondiElimina
  5. Anche idee e aiuto per spargere la voce sono un "contributo" molto apprezzato e utile.

    RispondiElimina
  6. sembra che qualcosa si muova nell'ambito abilitazioni:

    http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/634395/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembrava strano che non si dessero da fare per spendere i soldi del fondo straordinario per le assunzioni (ovvero per lo slittamento di carriera dei ricercatori).

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  7. dicono vocine ministeriali che le procedure per la selezione dei commissari cominceranno a fine giugno.

    io non ci credo, ma al MIUR ne sono certi.

    del resto erano certi che partiva tutto prestissimo già un anno fa....

    RispondiElimina
  8. sempre voci di funzionari a roma:
    il decreto sui critri è previsto per giugno.
    questo fa capire 2 cose:
    1. I tempi del decreto sono stati pilotati e non sono stati tempi tecnici
    2. Dato che diverse cose hanno giugno come data, nessuna di questi impegni verrà ottemperato

    RispondiElimina
  9. "previsto", non vuol dire niente: al massimo vuol dire "pubblicato"

    dopodiché, l'ANVUR deve ancora fare un lavoro di fino sull'interpretazione bibliometrica

    Poi si devono formare le Commissioni

    Infine, puoi bandire le abilitazioni

    RispondiElimina
  10. ma nel caso migliore, ovvero supponendo che a fine giugno venga pubblicato il criterio di selezione delle commissioni, e tenendo conto che prima di settembre non si muoverà nulla, secondo voi c'è effettivamente la possibilità di vedere qualche assunto (non abilitato) entro l'anno solare?? Secondo me va tutto all'anno prossimo come diceva Insorgere

    RispondiElimina
  11. Assunti entro l'anno solare è fantascienza allo stato puro... E anche gli abilitati slitteranno all'anno prossimo, secondo me.

    RispondiElimina
  12. @ Renzino

    Esatta la tua ricostruzione di quanto (davvero non poco) va fatto PRIMA di bandire la prima abilitazione. Ma il ministro ha appena detto a Dalmine e ridetto a Bologna: io BANDISCO la prima abilitazione prima dell'estate (il che, se le parole hanno ancora un significato, vuol dire NON PIU' TARDI DEL 23 GIUGNO, ovvero fra due mesi).
    Di che si è trattato: candore irresponsabile da cerebralmente perduto o propaganda più volgare di quella della poverina che l'ha preceduto, con la consapevolezza di vedersi presto e clamorosamente smentito dai fatti? Perché si è lasciato andare a una simile sparata interrompendo sua sponte il silenzio di tomba che era tornato ad avvolgere l'affaire-abilitazione? E' completamente da escludere che, sempre avvolta dal silenzio più totale, l'ANVUR abbia già svolto o quasi il lavoro che indichi come uno dei due enormi adempimenti che devono PRECEDERE il bando? Lo so che pare fantascienza anche solo pensarlo, ma appare difficile anche spiegarsi perché si sarebbe offerto a una simile figuraccia. In fondo fino a prima di queste due dichiarazioni, si trincerava sempre dietro alla formula "partiremo entro l'estate", che ovviamente tutti intendevano come un equivalente di "entro la fine dell'estate, ovvero entro il 21 settembre, ovvero con un po' di fortuna in ottobre", e poteva parere discretamente plausibile. Ma stavolta dice e ripete "PRIMA dell'estate"; chi gliel'ha fatto fare?

    RispondiElimina
  13. voci interne MIUR dicono che entro un paio di settimane l'ANVUR fa uscire le mediane e che entro giugno usciranno i bandi per i commissari in modo da far "partire" l'abilitazione entro l'estate.

    RispondiElimina
  14. regà, il miur sta facendo pressioni politiche per velocizzare il processo.
    questo vuol dire che il tutto era fermo, ed è evidente che era fermo per ragioni tecniche e per logiche baronali.

    secondo me non riusciranno a velocizzare davvero il tutto. cmq stiamo a vedere

    RispondiElimina
  15. Secondo me sta cercando di velocizzare perchè ce stanno le amministrative il 6 e il 20 maggio, e la ggente sta girando li tacchi da ogne partito del tipo che interessa a loro.

    RispondiElimina
  16. può darsi...

    cmq è in arrivo l'ennesima mazzata per i precari.

    a breve un aggiornamento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non puoi accennarci nulla, così almeno "migliora" il fine-settimana?

      Elimina
    2. gia', gradirei anche io...

      Elimina
  17. tipo che gli assegnisti saranno esclusi dalle abilitazioni?

    Ma dai......e chi l'avrebbe mai detto!!!

    RispondiElimina
  18. la situazione è in evoluzione, appena avremo ricevuto i necessari chiarimenti informeremo tutti

    RispondiElimina
  19. Dici che stanno confezionando un ddl sulla meritocrazio da presentare al CdM di venerdì prossimo (2 giorni prima del primo turno delle amministrative)?

    RispondiElimina
  20. @Renzino
    queste sono le voci.
    e il problema sono i contenuti di quel DDL...
    vi aggiorneremo appena ne sapremo di più: dobbiamo fare delle verifiche e una serie di incontri al riguardo.

    RispondiElimina
  21. zio merito! conteniamo le esclamazioni!

    RispondiElimina
  22. va da sé che tale ddl pare sia una cagata pazzesca, però forse - dico forse - ci si può riuscire a inserire qualcosa di buono.

    io non ci credo, però ci proviamo

    RispondiElimina
  23. Qualche "beneinformato" dice che ci sarebbe la cancellazione della finta "tenure-track" al contratto RTDb, che così diverrebbe un normale contratto triennale.

    RispondiElimina
  24. @ renzino
    le tuo fonti sono buone, anche se la storia è più complicata di così.

    non è detto che ci riescano, comunque il miur vorrebbe eliminare la tenure track.
    noi ovviamente non siamo d'accordo, ma i margini d'azione non sono molti.

    chi sono le tue fonti?

    RispondiElimina
  25. @ insorgere

    La fonte si è autodichiarata in un Gruppo Facebook, però non mi è chiarissimo (perchè non sono esperto) se citare il contenuto di un post di Facebook sia una violazione di qualche privacy.
    Vai pure tu stesso a vedere, nel Gruppo "Consultazione valore legale", in un commento sotto il mio post sul "ddl meritocrazia".

    RispondiElimina
  26. grazie renzino.
    direi che la tua fonte è attendibile. quanto riferisce è esatto.

    il punto vero è che non mi spiego - nonostante i contatti diretti con il MIUR di questi ultimi giorni - perché si sia giunti a decidere di fare marcia indietro sulla tenure track.
    intendiamoci, è chiarissimo che così non funziona. però si potrebbe migliorare invece di cancellare....

    cancellandola rimane una strada a fondo cieco per i precari, mentre per gli RTI si annunciano promozioni di massa che equivalgono a una grande ope legis mascherata. alla faccia del merito...

    RispondiElimina
  27. "Cancellare", "abolire", et sinonimi, sono la cifra dell'inverno culturale che stiamo passando.
    Io ho sempre parlato di "cupio dissolvi"...
    ci stiamo proprio dissolvendo.

    RispondiElimina
  28. parere personale: se il problema fosse solamente la cancellazione della "finta tenure track" che, come dice il nome è appunto finta, non sarebbe un grande danno per noi precari. Infatti, di che numeri stiamo parlando, ovvero, quanti RTDb sono stati effettivamente banditi? A Pisa ad esempio, ne dovevano bandire una ottantina di cui il 10% di tipo b ed attualmente siamo fermi a quota 11 (in totale).

    RispondiElimina
  29. La situazione è piuttosto chiara.
    Il punto è che nessun precario può scavalcare nella corsa alle associature un ricercatore incardinato.
    La figura del RTD era molto scomoda sia per i bilanci delle facoltà che per le ambizioni degli attuali ricercatori e associati. Al pari però le Università si stanno svuotando di persone che fanno ricerca per davvero.
    Ecco allora la magata, cominciamo a bandire gli RTD senza controindicazioni, nessuna possibilità di scavalco, nessun budget da impegnare....

    La soluzione era logica, mi meraviglio che ci abbiano messo così tanto tempo per arrivarci. Comunque in base al panorama che mi ero fatto un paio di anni fa, secondo me le brutte notizie non sono ancora finite.

    RispondiElimina
  30. e sulla dichiarazione del ministro che diceva di voler ridurre i vari tipi di contratto ad uno solo? ma scusa a sto punto secondo lui un precario dovrebbe andare avanti a RTDA di 3 anni in 3 anni? questa sarà la nuova forma di contratto preassociatura?

    RispondiElimina
  31. a questo punto avranno anche previsto, spero, l'abolizione della sommatoria assegni+RTDA che non deve superare 12 vero?????

    RispondiElimina
  32. Ma stiamo scherzando? Di 3 in 3 dove si arriva? Senza un sistema, per quanto folle, di progressione da Assegnista a RTDa a RTDb che almeno da il senso della progressione, collassa tutto. Poi ci ritroviamo come la Germania dove dopo anni e anni di precariato la gente deve mollare e andare nelle aziende. Ma con due problemi:
    i) il precariato della ricerca in Ita è clientelare, ci sono pochi fondi e poco trasparenti, i salari sono più bassi credo
    ii) le aziende non assumono un ex-ricercatore perchè non sanno che farsene

    RispondiElimina
  33. regà, mi pare abbiate capito i motivi della nostra inquietudine.

    con il consigliere del ministro abbiamo parlato a lungo, neanche lui sa esattamente cosa fare.
    allo studio c'è l'idea di abolire il B, tenere solo A e assegni.

    RispondiElimina
  34. tenete sempre presente una cosa: l'imbuto è stretto.
    il totale del corpo docente non aumenterà, anzi probabilmente diminuirà un po'.
    perciò è evidente che dei precari (più tutti i dottorandi) ne entreranno una manciata.

    solo una piccola percentuale di quelli che cominceranno un TD potranno entrare come pa.

    RispondiElimina
  35. Ma l'abolizione del B, oltre alla caduta della tenure track, cosa comporterebbe di fatto? Alla fine del contratto A, previo conseguimento dell'abilitazione, una chiamata diretta dal dipartimento? Sempre per i pochi fortunati, ovviamente, s'intende... Il consigliere del ministro ne ha una vaga idea?

    RispondiElimina
  36. l'A rimarrebbe com'è, al massimo potrebbe diventare un 3 +3.
    LA CHIAMATA DIRETTA SALTA.

    se uno si prende abilitazione, prima, durante o dopo il TD, poi fa concorso per PA e - ragionevolmente - lo perde contro gli RTI.
    questo fino a che almeno 18000 su 25000 RTI non saranno passati associati, poi si riapriranno i giochi ma comunque i posti saranno molto pochi.

    RispondiElimina
  37. insomma, al MIUR non frega nulla della condizione della nostra generazione. sta pensando a un sistema nuovo che funzioni per chi comincia adesso il dottorato, e che tutela chi è già dentro (gli RTI).
    noi siamo morti che camminano

    RispondiElimina
  38. Tutte queste modifiche sarebbero contemplate dal ddl meritocrazia? Non è un eccesso di impegno per un ministro protempore che ha chiarito fin da subito di "non voler toccare la 240"?

    RispondiElimina
  39. Ancora una domanda: il concorso (da perdere contro RTI) previa abilitazione sarebbe interno al dipartimento, dico bene?

    RispondiElimina
  40. che ti devo dire...han cambiato idea....

    che riescano a farlo non è affatto scontato. che riescano a farlo nel ddl meritocrazia nemmeno.

    noi ci stiamo muovendo coi partiti per sventare questo pasticcio.

    a brevissimo un post specifico che illustri nel dettaglio la situazione, i retroscena e le prospettive

    RispondiElimina
  41. Grazie della vostra infaticabile attività.

    RispondiElimina
  42. @ mitopap

    grazie, comunque le prospettive sono nerissime

    RispondiElimina
  43. La ricerca in Europa si concentra in alcune sacche di eccellenza; l'Italia c'entra poco con questo concetto. Avendo avuto per vent'anni il Berlusca, come sarebbe possibile, peraltro?

    RispondiElimina
  44. Sto facendo una meta-analisi; è possibile o è vietato?

    RispondiElimina
  45. fai quel che vuoi.
    mi pare che a questo punto possiamo anche metterci a parlare della crisi dell'euro....

    RispondiElimina
  46. scusate un attimo: già adesso c'è un tacito accordo per cui RTDb non ne bandiscono se all'interno del settore e nel dipartimento c'è un RTI da promuovere. Quindi cosa cambia?

    RispondiElimina
  47. @popeye

    per ora di rtdb non se ne bandiscono per il costo in termini di punti organico e per le poco chiare procedure per lo stanziamento dei fondi al momento del bando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no Lassie, non se ne bandiscono perché non si vuole rompere le scatole agli RTI. Ho sentito io con le mie orecchie (quindi se vuoi credimi) il preside della facoltà dove (ancora per poco) mi trovo a lavorare dire "...se lo faccio mi mangiano vivo"

      Elimina
  48. @ popey
    ci sono tutti e due i problemi.

    cmq questo non è un buon motivo per cancellare la tenure track, si tratta invece di trovare un modo per farla funzionare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. su questo hai ragione, non è un buon motivo per togliere la tenure. Ed hai perfettamente ragione anche quando dici che siamo morti che camminano. Ti sbagli solo su una cosa: non siamo morti adesso, lo siamo dal momento in cui abbiamo messo piede nell'aula dove si svolgeva il concorso per l'ammissione al dottorato.

      Elimina
  49. Non so voi, ma io mi sto mettendo in una prospettiva ventennale, con mantenimento dei rapporti ed attesa di massicci pensionamenti di (attuali) RTI a 20 anni appunto. 20 anni di resistenza (12 in italia + 8 all'estero mantenendo i contatti col "bel paese") sono fattibili. Se esco dall'universita', mi dico, ho piu' garanzie sulla "stabilita' " del mio lavoro? Probabilmente nel mio caso no; e poi ad essere una spina nel fianco (per quanto piccola) degli RTI ci godo troppo. Certo, i rischi sono grossi, lo so bene.

    RispondiElimina
  50. usako, attento che il governo che ci sarà fra 19 anni non se ne esca con un decreto che impone per i concorsi i 5 anni massimo dalla laurea...

    RispondiElimina
  51. @ usako

    ognuno fa i suoi calcoli. immagino tu sia abbastanza giovane. io mi sono dottorato 10 anni fa e ora ne ho 37. Non posso aspettare tanto.
    o la va o me ne vado io

    RispondiElimina
  52. Se a qualcuno può interessare, parlando con una fonte attendibile del PoliTo ho appreso che i TDB fino al 2013 non verranno bandit perché "hanno paura che entrino e poi escano subito"... Ovvero, non essendo ancora avviata la procedura delle abilitazioni, che i fortunati vincitori di TDB non riescano/possano abilitarsi e debbano quindi essere defenestrati a fine contratto, con spreco di soldi e punti organico.

    RispondiElimina
  53. Beh... comunque, che sia a giugno come dice Profumo, o che sia dopo l'estate, 'ste abilitazioni partono senz'altro...

    Ritengo molto più chiaro politicamente il discorso fatto da altri sul blog, per cui c'è un rifiuto dello strumento "tenure-track" via RTDb dall'interno delle Università, in quanto, come già ben chiaro dalla protesta degli "indisponibili", gli attuali RU non vogliono vedersi scavalcati per l'Associatura da questi novizi a sola cagione dello strumento usato, che impone il pressochè certo automatismo dopo 3 anni (tranne rari casi di qualche scelta sbagliata).

    RispondiElimina
  54. certo che se i RTI, dopo aver ottenuto da tremonti i milioni per le chiamate straordinarie, riescono anche ad ottenere l'affossamento della tenure track, dimostrano di essere una lobby più potente dei tassisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti. Possono riuscirci solo se anche le alte sfere delle università li appoggiano. Ora è da capire da che parte stanno..

      Elimina
    2. Perdonatemi.... ma di cosa stiamo ragionando ?
      Perchè le alte sfere dovrebbero appoggiare anonimi precari al posto di coloro i quali UFFICIALMENTE tengono lezioni ed esami al loro posto, curano all'interno e all'esterno del Dipartimento i loro affari personali, ed in alcuni casi gli fanno anche da autista (moglie inclusa) ???
      L'accademia (nella sua mediocrità) può tranquillamente sopravvivere senza brillanti precari, non può farlo senza "servili incardinati".
      Per cambiare lo stato delle cose c'è bisogno di un terremoto politico vero e proprio... e piano piano ci stiamo arrivando (basta leggere le prime pagine dei giornali di oggi).

      Elimina
    3. concordo pienamente.
      Ma siamo ormai lobotomizzati.
      Chi ha la forza ormai di una rivolta sociale? Per quanto ordinata? Nessuno.
      Chi più ascolterebbe una ordinata rivolta sociale che non combierebbe lo stato di fatto? Nessuno.
      (Il giorno dopo tutti tornerebbero a fare il proprio lavoro come se niente fosse accaduto e a ragione, perchè qui c'è da campare per la pagnotta quotidiana).

      Elimina
  55. Il penured trek era già una cosa all'italiana, così lo eliminiamo definitivamente e contribuiamo a togliere qualcosa anche noi, visto che adesso la parola d'ordine è "tagljare", per diminuire le tasse ai prenditori.

    RispondiElimina
  56. la verità è che siamo stati trascinati in un gioco perverso da professori che per un momento abbiamo stimato. Loro con i loro cazzo di discorsi ingannatori a lezione. Come zecche ci hanno succhiato il sangue per anni per le carriere loro e dei loro amici di ''clan''. Ora con la consapevolezza di essere stati presi per il culo per anni.......

    CHE SI FA??

    RispondiElimina
  57. per adesso aspettiamo di vedere cosa esce effettivamente dal CdM del 4 p.v.

    RispondiElimina
  58. Huge "off topic": Unimi è una delle università più grandi d'Italia penso, e in quanto a fregarsene di regole e leggi sta facendo scuola. Vedi anche recente ri-ri-ri-concorso di Ilaria. Noi ci possiamo anche inventare il sistema migliore del mondo e quelli tanto trovano un modo di raggirarlo. Infatti il problema non sono le regole sbagliate ma le persone che le dovrebbero seguire. A me basterebbe che almeno una volta unimi fosse costretta a rispettare la legge.
    Se non si riesce a ottenere questo il resto è parecchio aleatorio.

    RispondiElimina
  59. @ Valentina

    NON è off-topic: è il problema dell'Italja.

    Nel resto del mondo l'idea è che se si fanno delle leggi, poi si devono rispettare (e si fanno rispettare).
    C'è anche il caso (che tento faticosamente di spiegare) per cui in alcuni sistemi vengono fatte rispettare anche norme non-scritte.
    Da noi abbiamo difficoltà a far rispettare le regole scritte: da qui la necessità (1) di abbondare, (2) di chiamare in causa il giudice.

    Contrariamente a ciarlatani e giornalistici, non vedo altre vie per, faticosamente, muoversi verso la retta via.

    RispondiElimina
  60. altre vie:
    (3) controlli delle forze dell'ordine.

    RispondiElimina
  61. L'off topic era ironico :)
    3) yes: controlli da parte delle forze dell'ordine.
    2) yes: ho fatto ricorso ... ma una volta che i comportamenti sbagliati sono diventati la regola persino i giudici fanno fatica a capire dove sta la ragione ... e abbiamo perso.
    Il topic è proprio questo: sto cercando di andare da un altro giudice (CdS) con cui giocarmi un altro terno all'otto. Ma non posso farlo da sola perché ho già dato fondo alle mie risorse e non credo nemmeno che sia giusto che a rimettere le cose al loro posto debba essere tutto sulle spalle di uno o pochi singoli per giunta precari.

    1) Non sono d'accordo. Abbondare con le regole scritte crea confusione e costituisce una scusa perfetta per non rispettarne nessuna.

    RispondiElimina
  62. In ogni caso in bocca al lupo per la nuova tenzone giudiziaria.

    Sul tuo commento al mio punto (1) non posso che rilevare, in stile blog, che naturalmente non sono d'accordo con la propagazione di leggende metropolitane: non ne verrà niente all'Italia se non si tornerà a dire pane al pane e vino al vino...

    RispondiElimina
  63. pare che il TDb sia salvo, per ora...

    RispondiElimina
  64. vicepresidente per vicepresidente,

    pare che il TDb sia insorgere, per ora...

    RispondiElimina
  65. hahahha

    che simpatico umorista

    RispondiElimina
  66. parliamoci chiaro dai, ci hanno preso per il culo e basta. Non esiste nessun altro ambito lavorativo in cui si chieda ad un giovane di investire 10 15 anni della propria esistenza .......per un cazzo di niente...... e' una follia, ed ancora più folle e vedere che a nessuno di noi sia ancora venuto in mente di risolvere la questione con un "kalasnikov".

    Penso ai dottorandi morti a Catania e mi vengo i brividi.

    RispondiElimina
  67. http://www.zic.it/universita-salute-a-rischio-per-i-ricercatori-di-chimica/

    parlando di precariato sarebbe giusto anche sottolineare certi aspetti e tutelare i sogetti che operano in certe strutture, per evitare che oltre al futuro professionale venga fottuta anche la salute.

    RispondiElimina
  68. Strada facendo di Baglioni sembra scritta da un assegnista agée:

    io ed i miei occhi scuri siamo diventati grandi
    insieme con l'anima smaniosa A CHIEDERE DI UN POSTO CHE NON C'è...

    io che ho sognato sopra un TRENO CHE NON è PARTITO MAI e ho corso in mezzo ai prati bianchi di luna per STRAPPARE ANCORA UN GIORNO ALLA MIA INGENUITà e GIOVANE E INVECCHIATO mi son detto tu vedrai vedrai vedrai....

    ma che cos'è che ci fa andare avanti e dire che
    non è finita...

    RispondiElimina
  69. @ siberia
    che non sappiamo fare altro?

    RispondiElimina
  70. Già è triste ma è vero, non sappiamo fare altro. Ma chi ci sta sopra, che spesso riesce a stento ad aprire un file .doc o a strutturare un power point?
    E soprattutto quale sistema malato può investire in esseri inutilizzabili nel mondo reale quali potremmo essere noi?

    RispondiElimina
  71. @insorgere
    per fortuna io ho una laurea spendibile anche altrove e a pezzi e bocconi ho fatto anche un po' di pratica...però certe volte guardando chi è dentro l'accademia (alcune sono capre integrali)mi dico:"ma non è possibile che lui sia un ricercatore/professore e io debba rinunciare!!!!" è il mondo a rovescio!!!

    RispondiElimina
  72. no, è solo l'italia. e noi veniamo dopo tutti...dopo i taxisti, dopo i pensionati, dopo i camionisti...

    RispondiElimina
  73. solo perché per deformazione professionale non siamo capaci di incazzarci come dio comanda

    RispondiElimina
  74. si valentina, hai ragione.

    avremmo dovuto scendere in piazza armati di spranghe tanto tempo fa...

    RispondiElimina
  75. ora dovremmo usare delle spranghe virtuali ... ma anche se siamo tanti siamo disorganizzati, troppo mansueti (ragionevoli e diplomatici) e soprattutto singolarmente troppo vulnerabili

    RispondiElimina
  76. tutto vero.

    però cambiare si può.

    RispondiElimina
  77. adesso stiamo puntando tutto sul tentativo di allargare le maglie in modo che qualcuno di noi prima o poi passi dall'altra parte

    dovremmo puntare invece a fare concorrenza feroce alle università (monopolio elitario antidemocratico)
    soprattutto sulla ricerca (che si tengano l'insegnamento)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, a me invece questa concezione dell'università sempre più incentrata sulla ricerca e sempre meno sull'insegnamento (e quindi anche l'eccessiva enfasi data alla bibliometria rispetto ad altri aspetti nella valutazione) non piace per nulla.
      L'università non è il CNR, e quindi la didattica secondo me deve essere il suo interesse principale, senza ovviamente trascurare la ricerca che è quasi altrettanto importante.
      Io per esempio ho passato una dozzina di anni della mia vita a fare il ricercatore precario con la speranza di diventare prima o poi un professore, per poter un giorno insegnare ciò che avrò appreso dalla mia esperienza di ricercatore e dai miei studi, non per fare il ricercatore (precario o meno) per tutta la vita.

      Elimina
    2. Infatti in Università dovrebbero proprio insegnare.... e dovrebbero dare più importanza alle capacità di insegnamento (visto che al 70% un buon ricercatore fa schifo come insegnante) e di pessimi prof ce ne sono a bizzeffe ... e la ricerca andrebbe fatta anche in altri posti, non solo al CNR (che se non sbaglio è un fratellino minore dell'università).
      ... = alternative = concorrenza = minore vulnerabilità e ricattabilità dei precari

      Non era meglio per te farti 12 anni come ricercatore assunto in un istituto di ricerca esterno all'università? Magari senza troppe speranze di diventare prof.

      ora l'unica alternativa è fuggire all'estero... dove siamo (molto) meglio pagati e tutelati, ma precari cmq

      Elimina
  78. Valentina, tanto per capirci: secondo te l'Uni dovrebbe SOLO insegnare e lasciare la ricerca ad altri (vedi CNR)?

    RispondiElimina
  79. No, l'Uni deve fare anche ricerca, ma non dovrebbe essere la sua priorità tanto meno a scapito dell'insegnamento.

    Tanto per capirci io in università mi sono dovuta studiare tutto da sola sui testi, a parte un corso di fluidodinamica (che ho amato molto) ... perché per tutti questi brillanti geni del sapere l'insegnamento è una rottura di c...ni e vedono gli studenti come delle capre che non capiscono nulla ...
    A nessuno dei prof è mai venuto in mente di essere una capra come insegnate?

    Inoltre l'università deve preparare al lavoro e non a diventare degli accademici ... La gente fa la fila per andare ad Harvard perché poi ha la strada spianata nel mondo del lavoro e si trova la fila di offerte di lavoro....
    Se ti laurei all'Università di Milano poi trovi la fila di calci nel c..lo ... cosa che vale per quasi tutte le università italiane.... aaaa però potresti essere un eccellete ricercatore disoccupato o precario, eccellentissimo però!

    ... ma ora vogliamo valutare le università solo sulla ricerca! (ovvero sulla capacità dell'università di sfornare disoccupati precari frustrati, Grande idea!)
    Ha ragione Maccagno, è sbagliato.

    RispondiElimina
  80. E' assurdo e malato che l'università sia l'unico (o quasi) impiego possibile per un ricercatore.
    Questo genera il ricatto che subiamo tutti i giorni. Anche gli strutturati subiscono lo stesso ricatto.

    O ti adegui (= ti pieghi a 90) al "sistema" così com'è oppure sei fuori (o non fai carriera).

    Perché invece di sforzarsi tanto per far parte di quel sistema non ci si sforza ANCHE per dare vita a un'alternativa?

    RispondiElimina
  81. serve solo un pochino di cattiveria.

    Poi c'era da spingere un pò sulle stabilizzazioni ma questo è un argomento tabu per default....

    RispondiElimina
  82. e poi all'estero che ci vadano gli strutturati che non producono da n anni

    RispondiElimina
  83. @ganjalf e chi se li piglia? Mi viene da ridere quando "l'estero" viene visto come una sorta di discarica. All'estero ci sono senz'altro più opportunità ma c'è comunque competizione feroce e precariato...

    RispondiElimina
  84. estero: competizione feroce, tanto precariato di sicuro, tante alternative (qui ci sono molti istituti dove si fa ricerca, persino i musei hanno i loro ricercatori e bravi parecchio, competitivi!), ma soprattutto soldi adeguati ... insomma qui non devo portarmi la carta igienica da casa come dovevo fare in unimi, e non mi devo risicare le conferenze ...
    D'altra parte qui i colleghi permanenti si devono sbattere parecchio per non essere licenziati ... come succede nei posti sani quando non si fa una cippa!

    Perché non si chiede che gli strutturati vengano licenziati quando non lavorano abbastanza?
    Immagino che questo sia un tabù tutto italiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché chi dovrebbe decidere il licenziamento è a sua volta uno strutturato

      Elimina
    2. già!
      E non c'è nessuno proveniente da realtà alternative (non solo italiane) in grado di farlo? Per me è una balla.
      Qui abbiamo appena subito una massiccia valutazione (non solo sulla ricerca) e il team giudicante era formato da 5 scienziati internazionali (tra cui un'italiano!). La valutazione non è stata richiesta dallo stato ma dalla dirigenza universitaria stessa che vuole liberarsi di pesi morti e mele marce per essere più competitiva.

      Diciamo piuttosto che l'elite universitaria monopolista e autoreferenziale italiana non accetta di farsi giudicare da nessuno ... e tutti gli altri glielo permettono!

      Elimina
    3. Ciao Valentina, abbiamo appena partecipato ad una valutazione simile. Per curiosità, in che università lavori? Per quanto riguarda la possibilità di licenziare gli strutturati io sono perfettamente d'accordo, ma vedi quello che succede in Italia per l'articolo 18? Per proposte del genere scoppierebbe la rivoluzione.

      Elimina
    4. Ciao Valentina, abbiamo appena partecipato ad una valutazione simile. Per curiosità, in che università lavori? Per quanto riguarda la possibilità di licenziare gli strutturati io sono perfettamente d'accordo, ma vedi quello che succede in Italia per l'articolo 18? Per proposte del genere scoppierebbe la rivoluzione.

      Elimina
  85. Ci sono news sul 'parto' del CdM di oggi?

    RispondiElimina
  86. in quanto al saper professare....credo che i prof che lo sanno fare sul serio si contano sulle dita di un piede.

    RispondiElimina
  87. ps:in giro ci sono prof. che fanno scappare dottorandi e studenti a gambe levate, giusto per la capacità di trasmettere le proprie frustrazioni malate piuttosto che la passione per la loro materia e le tematiche di ricerca!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina