giovedì 1 aprile 2010

Voci...


...bisbigli, ammiccamenti rigorosamente postelettorali suggeriscono che sia pronto un maxiemendamento contenente:

pensionamento 67anni/40 contributi per tutti,

ridefinizione della tenure track sul modello internazionale (come da noi invocato),

abolizione delle figure precarie,

non retroattivita' del limite dei 10 anni al periodo post-doc (vecchi assegni, TD e contratti precari non conteranno).



190 commenti:

  1. Una volta "sentire le voci" era inevitabilmente sintomo di un qualche disagio mentale. 67 mi sembra comunque un'accettabile valore atteso, per cosi' dire. Frutto di chissa' quale media...DECISAMENTE meglio di 75, comunque.

    RispondiElimina
  2. cronache pisane di ordinaria follia universitaria:
    http://www.pisanotizie.it/index.php/news/news_20100401_scandalo_delibere_senato_accademico.html

    RispondiElimina
  3. unico pesce d'aprile che fa piangere invece che ridere :)

    RispondiElimina
  4. Almeno qui evitiamo di creare inutili illusioni, per molti, me incluso, 67 invece degli attuali 70, fanno una differenza enorme in termini di risorse per il Dipartimento....

    RispondiElimina
  5. Dai France confessa il pesce così ci eviti illusioni brucianti..

    RispondiElimina
  6. a france, su ste cose non si può scherzare. troppe vite in ballo. conferma o smentisci, rapidamente

    RispondiElimina
  7. Ahahahah

    abolizione delle figure precarie

    a colpi di pesci in testa!!

    RispondiElimina
  8. confermate, questo pesce d'aprile?

    RispondiElimina
  9. si sa, chi ha la pancia piena può scherzare sulla vita di chi invece sta con i contratti in scadenza e il futuro quantomai incerto... bravo france, i miei complimenti più vivi. noi invece oggi alla sapienza abbiamo cercato di smuovere un po' le acque sul fronte diritti dei precari, ma queste sono sciocchezze che forse a voi non interessano:

    http://frondaprecaria.wordpress.com/2010/04/01/richiesta-di-modifiche-allo-statuto-della-sapienza-da-parte-dei-precari/

    RispondiElimina
  10. @Marco
    E mi sa che anche alla sapienza, guardando le proposte dei precari, penseranno ad un pesce d'aprile e ci rideranno sopra!

    RispondiElimina
  11. E non è una questione di interessamento o meno sul fronte dei diritti dei precari. Con queste proposte istituzionalizzate il precario all'interno dell'Università.
    Il precariato deve sparire, non ha certo bisogno di essere istituzionalizzato.

    Comunque, in bocca al lupo....

    RispondiElimina
  12. P E S C E D I A P R I L E ! ! !

    RispondiElimina
  13. Ecco cosa Scirve il Cordinamento dei ricercatori

    questi vogliono promuovere emendamenti che vanno contro il precariato e i neoricercatori. Cercano di opelegizzare solo per gli anziani extecnicilaureati!!!

    Qualcuno può rendere chiara la cosa a Valditara?

    Da Unilex, lista di legislazione universitaria fondata da Tristano Sapigni
    **************************************************************************


    Si è svolto ieri, 31 marzo u.s., a Roma, presso il Senato della Repubblica, un ulteriore incontro tra il direttivo del CNRU, rappresentato da Marco Merafina e Annalisa Monaco e il Sen. Valditara, relatore nella VII Commissione del Senato del DDL Gelmini. In questa circostanza erano presenti anche i colleghi Marina Isidori, Nando Sasso e Paolo Senese della Seconda Università di Napoli.
    E' stato un incontro molto interessante in quanto il Sen. Valditara ha espresso la sua volontà di cancellare l'emendamento art.5-bis che aveva creato grande allarme tra i ricercatori (il Sen. Valditara ha anche assicurato che emetterà un comunicato ufficiale a tale proposito).
    Il relatore del DDL ha mostrato fermo interesse alla presentazione di norme sullo stato giuridico dei ricercatori, comprensive delle nostre istanze e in particolare della proposta del CNRU, considerata accoglibile con alcuni aggiustamenti sulle modalità di inquadramento. Abbiamo da lui ottenuto una formale assicurazione che si interesserà della questione e che ne discuterà direttamente con il ministro. Unica perplessità le possibili obiezioni che potrà avere la commissione bilancio su eventuali incrementi di spesa (che noi reputiamo sicuramente non esorbitanti).
    E' la prima volta che tale promessa viene fatta ed in effetti, per la prima volta, sembriamo vicini alla meta. Questo è un grande successo. Il Sen. Valditara ha mostrato notevole apprezzamento nei confronti del CNRU per l'equilibrio delle posizioni mantenute, a differenza di altri gruppi e associazioni, ed ha esplicitamente espresso il desiderio di avere il CNRU come interlocutore privilegiato.
    Naturalmente, non tutto è risolto né significa che gli obiettivi generali non siano per noi di fondamentale importanza. E infatti non li trascureremo.

    Ricordiamo infine l'assemblea nazionale straordinaria di tutti i ricercatori organizzata dal CNRU, a cui sono state invitate le associazioni della docenza e i sindacati di categoria, per discutere le questioni legate al problema dello stato giuridico dei ricercatori in relazione all'iter del DDL Gelmini attualmente al Senato e quelle non meno importanti legate al problema del prepensionamento coatto dei ricercatori con 40 anni di contributi.
    L'assemblea avrà luogo il 15 aprile alle ore 12 a Roma, alla Sapienza (Città Universitaria), nell'aula "La Ginestra" presso il vecchio edificio di Chimica al I piano.

    Marco Merafina e Annalisa Monaco

    RispondiElimina
  14. Caro anonimo, bel ragionamento: siccome i precari non "dovrebbero" esistere, non chiediamo rappresentanti negli organi accademici (dove sappiamo si fanno le scelte ad es su come destinare i budget - nuove assunzioni o avanzamenti di carriera - tanto per dirne una) e poichè invece il precariato esiste e persiste (ancora per poco, perchè poi finirà perchè andiamo tutti a casa come schiesaro ha ben illustrato in un raptus di schiettezza al di fuori della solita retorica della meritocrazia), allora lasciamo pure che migliaia di precari negli atenei continuino a non avere rappresentanza. quando leggo queste cose mi convinco che fanno bene a trattarci come stracci per pulire per terra. buone vacanze e buoni pesci di aprile a tutti, questo mi sembra proprio l'ottimismo berlusconiano del "i problemi non esistono (per chi non li ha)".

    RispondiElimina
  15. @marco
    puoi raccontarci un pò meglio questo raptus di schiettezza di Schiesaro?

    RispondiElimina
  16. Se dico che non e' un pesce OGGI tanto non ci credete... O magari il pesce lo fanno a noi....

    RispondiElimina
  17. a qualcuno interessa?

    http://www.repubblica.it/scuola/2010/04/01/news/docenti_precari-3067687/

    RispondiElimina
  18. MaurodellaVIA1 aprile 2010 23:13

    Fra pesci e non, rilevo che pensionare profesori a 67 anni era l'idea originale del Pizza corrector:
    http://rpc264.cs.man.ac.uk/VIA/index.php/Giuseppe_Pizza

    RispondiElimina
  19. Matteo Canada1 aprile 2010 23:31

    esiste qualche info in più da spulciare su questo presunto maxiemendamento ?

    RispondiElimina
  20. O.T.

    Sulle universita' telematiche
    http://www.repubblica.it/scuola/2010/04/02/news/universit_telematica-3078781/

    RispondiElimina
  21. France però oggi ci devi dì se era uno scherzo oppure no!!!

    RispondiElimina
  22. http://www.flcgil.it/notizie/news/2010/aprile/i_ricercatori_universitari_convocano_un_assemblea_nazionale_a_milano

    RispondiElimina
  23. MaurodellaVIA2 aprile 2010 12:09

    Gianluca, anch'io ho notato l'articolo e l'inchiesta video sul tema delle universita' 'online' italiane - il cui timing e' abbastanza incredibile, considerando il progetto che stiam portanto avanti (postato sul Forum qualche qualche settimana fa). Tra l'altro, se fanno un'inchiesta video del genere potrebbero essere stimolati a farne una su di voi precari nella situazione in movimento nelle unversita' rispetto al DDL. No?

    RispondiElimina
  24. a parte che effettivamente anche a me piacerebbe sapere se il post è uno scherzo (di cattivo gusto) o se possiamo sperare in qualcosa di buono, vorrei domandare a qualcuno degli esperti, uscendo un po' fuori dal tema, come fare per conoscere i nominativi dei membri designati dalle Università per i concorsi della II sess.2008. Cioè, è necessario attendere l'indicazione on line sul sito del MURST (che apparirà dal 10 aprile? o quando?) oppure se ci sono altri canali.
    Grazie! Dario

    RispondiElimina
  25. @ MArco
    Non hai capito.
    Gli emendamenti dello statuto proposti semplicemente non fanno che aggiungere alle figure di ruolo, ogni volta che vengono invocate (elezione rettore, costituzione dipartimenti, facolta' etc), la figura precaria: assegnista, borsista, docente a contratto.
    Questo vuol dire istituzionalizzare queste figure, renderle paritarie a quelle di ruolo, quando paritarie non possono (e non devono) esserlo.

    Al di la' della difficile realizzazione di un tale proposito, non lo appoggerei neanche se fosse possibile; chi ha le redini delle scelte e decisioni si deve assumere le responsabilita'.

    Conclusione: dare visibilita', possibilita' di fare sentire la voce alle figure precarie (dovere sacrosanto e necessario) e' ben diverso da dire metteteci sul vostro stesso piano, siamo uguali a voi.

    Diro' una cosa che ai piu' apparira' eretica: ma avere responsabilita' diverse vuol dire anche avere diritti diversi. Non maggiori o inferiori, solo diversi. Uno studente non ha gli stessi diritti di un dottorando cosi' di un assegnista, di un ricercatore e di un prof. ordinario. Si lavora su piani diversi.

    Ma tutti, questo si', devono avere la possibilita' di far sentire la propria voce, in modo che chi decide, chi ha la responsabilita' di decidede, possa assumersela in pieno.

    RispondiElimina
  26. Oggi e' il 2 e il post e' sempre li', mi pare. Allora forse non era un pesce? Purtroppo se il pesce l'han fatto a me, oppure a chi ha detto di aver sentito, lo scopriremo solo dopo Pasqua...

    RispondiElimina
  27. @anonimo (Dario): i membri designati si possono sapere prima del tempo tramite conoscenze interne, perche' vengono designati nei Consigli di Facolta'. Ad esempio, io sono venuto a sapere chi e' il membro interno del SECS-P/01 nella mia Facolta'. Qualcun altro lo si sa, poi, per esclusione, nel senso che se un ateneo bandisce un posto per ricercatore in un certo settore e c'e' un solo ordinario li', al 99% il membro interno sara' lui (o lei)...intanto, un'ottima Pasqua a tutt* (e mangiate il pesce, mi raccomando).

    RispondiElimina
  28. @Anonimo

    E come la fai sentire la tua voce se non sei rappresentato in nessun posto e se non hai diritto di voto?

    Si tratta dell’ABC della democrazia rappresentativa.

    Se non sei rappresentato non esisti. Se sei sotto contratto voti…questo è il principio.Gli eletti e i rappresentanti decadono con il decadere del contratto.

    Quando si vota o si partecipa alla vita dell’Ateneo si deve poter rappresentare le proprie scelte in Senato, in CdA, in dipartimento e per la scelta del Rettore…come tutti gli altri.

    Vota chi in quel momento è sottocontratto.

    Se in futuro ci sarrano solo i TD o TD più assegnisti saranno rappresentati solo quelli.

    In Italia tutti hanno un minimo di rappresentanza fuorché i precari.

    Diamo voce agli invisibili, facciamoli votare, partecipare alla vita democratica degli atenei…questo produrrà come effetto un progressivo smantellamento del sistema feudale/verticistico/burocratico delle nostre università…ma diciamolo sottovoce…

    RispondiElimina
  29. O ma mi accorgo ora in concomitanza della Santa Pasqua della mancanza di Tom Bombadillo e delle sue benedizioni urbi et orbi, che fine ha fatto? Non si sarà mica strutturato senza nemmeno offrire da bere?!!!!

    RispondiElimina
  30. @ anonimi
    datevi un cavolo di nick, uno qualunque.

    RispondiElimina
  31. Legiferare a colpi di fiducie e maxiemendamenti è una vergogna indegna di un paese democratico. Manco nelle repubbliche delle banane!

    RispondiElimina
  32. dai dai, come se negli altri paesi le stupidagini non le facessero..

    RispondiElimina
  33. ultimatum agli anonimi: mo' m'avete rotto, datevi un nick altrimenti cancellerò i messaggi.

    @ tutti

    mi è giunta conferma indiretta e parziale della notizia riportata da france, ovvero mi è stato riferito che al MIUR avrebbero pronto un maxiemendamento volto a superare le difficoltà interne alla maggioranza. Dei contenuti non sono riuscito a saper nulla

    RispondiElimina
  34. se , come pare confermato anche da insorgere, ci sarà questo maxiemendamento, penso proprio che sarà definitivo, ovvero poi vi porranno la fiducia nei successivi passaggi... questo ovviamente secondo me! buona pasqua ...

    RispondiElimina
  35. vedremo, le voci si susseguono ed ho imparato a non fidarmi troppo.
    scopriremo nelle prossime settimane come stanno le cose.

    di certo c'è solo che il MIUR non apprezza i millanta emendamenti del relatore e della sua stessa maggioranza

    RispondiElimina
  36. ..e tra quelli c'era anche la proposta di legare l'assegno di ricerca al 75-90% dello stipendio di ricercatore confermato a tempo pieno. Spero venga preso in considerazione.. gli importi sono fissi a sei anni fa!

    RispondiElimina
  37. Matteo, siamo sicuri che cambi qualcosa? Un assegno di ricerca ora va dai 1350 ai 1620 euro al mese (circa). 1350 è esattamente il 75% dello stipendio in ingresso del ricercatore confermato TP (1800 euro circa), e 1650 è esattamente il 90% del medesimo stipendio.

    RispondiElimina
  38. refuso, 1620 è il 90% di 1800 ...

    RispondiElimina
  39. Fra, mi risulta che un assegno di ricerca è regolato dal Decreto ministeriale del 26 febbraio 2004 e tiene fissi i valori da 16.138 a 19.367 euro annui. E' vero che non è tanto di più, ma legandolo allo stipendio da ricercatore dovrebbe seguire in questo modo il caro vita (questa è una mia supposizione!) e non essere fisso e basta.

    RispondiElimina
  40. PS. il 75-90% sarebbe riferito allo stipendio dei ricercatori TD, che secondo l'articolo 12 comma 8 prevederebbe un incremento del 20%/30%. Ora, non me ne intendo molto.. infatti vi leggo anche per saperne di più.

    RispondiElimina
  41. @ matteo
    temo che gli stipendi td (come anche quelli TI) non siano legati al carovita in nessun modo

    RispondiElimina
  42. Io non so che assegni abbiate voi ma io prendo 1223,23 al netto al mese..comunque, a parte questo, nel milleproroghe che Napolitano ha rimandato indietro c'è anche il BUG degli stipendi delle facoltà di medicina? Perchè se passa quello è inutile stare a discutere: siamo tutti (o quasi) fuori dal 90% del FFO....

    RispondiElimina
  43. @ mar
    si, c'è anche quello.

    in teoria non dovrebbero essere modificate le norme approvate sull'università, però non si sa mai...

    RispondiElimina
  44. @ Mar

    16.138 e' il lordo annuo che da' circa 1.350 di lordo mensile, e 1.225 di netto mensile.

    quello che abbiamo piu' o meno tutti, tranne pochi fortunati che hanno assegni superiori al livello minimo.

    RispondiElimina
  45. Gia' che siamo in tema di assegni vi faccio una domanda. Assumendo di avere retribuzione minima (1350 lordi), quanti sono i soldi che effettivamente si incassano? Sono i 1225 citati sopra o bisogna pagare anche i contributi INPS?

    RispondiElimina
  46. @ Fra

    l'INPS (gestione separata) e' appunto cio' che fa diventare i 1350 lordi 1225 netti. perche' come e' noto gli assegni (come le borse di dottorato) sono esenti IRPEF.

    RispondiElimina
  47. infatti, sono 1225 netti per via dell'INPS. Per questo mi chiedevo se agganciarlo al 75% dello stipendio di ricercatore TD a tempo pieno(che è aumentato del 20% come dice l'articolo, ma non da quale base parta) cambiava qualcosa. Grazie

    RispondiElimina
  48. L'assegno di ricerca non subisce tassazione IRPEF.
    Subisce però l'applicazione della massima aliquota INPS, che se non erro per il 2010 è pari al 26.72%.

    Ora, formalmente si dice che tale quota INPS sia ripartita per 1/3 a carico del percipiente e per 2/3 a carico dell'ente,
    ma questa ingannevole ripartizione (che è la stessa dei co.co.pro) non ha alcun significato per chi, come noi, deve il proprio destino all'esistenza o meno di un BUDGET.

    Morale, il tuo ateneo prevederà un range min-max dell'importo per un assegno di ricerca.
    Conoscendo il budget che viene stanziato per l'assegno che ti interessa (spesso definito come "importo inclusivo degli oneri a carico dell'ente") togli il 26.72% e ottieni una stima non proprio esatta del "netto in busta", ma l'errore che commetti è per difetto.

    Se invece disponi del dato lordo "esclusi gli oneri a carico dell'ente" devi togliere solo 1/3 di 26.72, ossia 8.91% ed in quel caso la stima è esatta

    Per fare un esempio, l'ateneo di Bologna prevede per l'assegno di tipo "senior", che è il massimo possibile, circa 1450 al mese netti.

    RispondiElimina
  49. Per la stima pressochè esatta noto l'importo lordissimo (= budget = comprensivo oneri ente) devi calcolare:

    LORDO(esclusi oneri carico ente) = LORDISSIMO/(1.1781)

    NETTO = LORDO*0.9109

    RispondiElimina
  50. @ kjandre

    1.225 netti sono il minimo che un assegnista deve prendere. esattamente 16.138 annui, tolto l'8.91% e diviso 12.

    non esiste assegnista che possa prendere meno di 1.225 euro netti al mese. questo impone la normativa attuale.

    RispondiElimina
  51. @Limite

    non c'è dubbio.

    La mia risposta era in merito al calcolo "generico", così che ciascuno potesse valutare il singolo caso.

    RispondiElimina
  52. Grazie. Mi pare che il Ministero abbia già chiarito tempo fa con una nota che gli importi sui bandi sono sempre "esclusi gli oneri a carico dell'ente". Quindi si toglie l'8.91%

    RispondiElimina
  53. Visto che si parla di contributi INPS è bene chiarire i limiti della gestione separata.
    Questi sono sostanzialmente 2:
    la minor contribuzione (circa 27% invece del 33% prevista per i normali contributi INPS) porta a un minor valore degli anni di contributi (in pratica un anno a gestione separata vale circa l’80% di un anno INPS normale). Quindi passando a un lavoro da dipendente e volendo unificare i contributi questi diminuiranno come anni effettivi, oppure dovranno essere integrati economicamente dai singoli a proprie spese (6-7% del reddito di ogni anno, rivalutati con gli interessi).
    Inoltre, se si hanno meno di 5 anni di contributi alla gestione separata non è possibile trasferire i versamenti ad altro fondo (anche quello normale INPS) e quindi i soldi versati vanno persi.

    RispondiElimina
  54. Sono cattivo: perche' ci riduciamo a parlare delle quisquiglie? (peraltro discusse un numero innumerevole di volte?)

    Qual'e' la situazione di questo pseudo-emendamento?

    RispondiElimina
  55. @ bartlindon

    non si sa nulla di nuovo, ancora. bisognerà pazientare

    RispondiElimina
  56. Secondo quanto dice un'agenzia di stampa, il 13 Aprile ricomcerà la discussione in Senato. Il testo andrà in Assemblea, in Senato, non prima del 20 Maggio. Pare che ci siano problemi soprattutto con gli emendamenti presentati da Possa ... c'è anche l'imbarazzo a dire di "no" al Presidente della Commissione Cultura (peraltro già vice-ministro).

    RispondiElimina
  57. Bertolaso Tre Il Ritorno6 aprile 2010 15:12

    Date un piatto di pasta al Fuksas e il potere sull'Universita' a me, e vi sistemo tutto per bene.

    RispondiElimina
  58. http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-f421f1a0-5781-4edc-93b6-08494452db3d.html?p=0

    al link un servizio del tg2 incredibilmente onesto su università e ricerca: vedere dal minuto 3.

    RispondiElimina
  59. pure col tiggidue siete ammanicati voi apristi?

    poi dite che non siete filogovernativi

    RispondiElimina
  60. @ anonimo
    han chiamato noi semplicemente perché siamo l'unica associazione di precari presente su piazza.
    cmq il servizio era stranamente ben fatto e l'invocazione del prepensionamento fatta dal rappresentante di apri mi pare possa/debba essere condivisa da tutti i precari

    RispondiElimina
  61. Le critiche sono bene accette purchè non siano in malafede. Quanto meno bisogna prima vederselo il servizio per poi dare giudizi.
    Io stesso sono rimasto stupito, perchè non mi aspettavo dal TG2 un servizio così tanto non-filogovernativo. Magari anche gli altri telegiornali facessero servizi del genere, dovremo augurarcelo tutti!

    RispondiElimina
  62. MaurodellaVIA6 aprile 2010 18:39

    Cosa ne dite della critia che ultimamente la Prof. ssa Paola Potestio ha fatto sul DDL riguardo alla governance delle univeerista'?
    http://www.issnaf.org/web/index.php?option=com_content&view=article&id=1011:potestio-on-university-governance-why-gelminis-ddl-is-wrong&catid=41:present-and-future-of-italian-university&Itemid=83

    RispondiElimina
  63. GiordanoBruno6 aprile 2010 20:15

    Non capisco perché non chiedete che almeno gli Assegnisti e i TD abbiamo qualche diritto di rappresentanza all'interno del DDL.

    Tipo votare il Rettore o essere pienamente rappresentati nel CdL e SA...

    Sapete come stanno giustificando le resistenze sui precari nello statuto della Sapienza...se passano le richieste fatte localmente allora lo Statuto della Sapienza non sarebbe il linea con il DDL e potrebbe esere bocciato per via delle liberalità verso i precari!!!

    La mia idea è che un governo realmente liberale dovrebbe almeno appoggiare riforme liberali come inserire nell'elettorato i ricercatori non strutturati e far entrare una rappresentanza negli organi accademici.

    Questa non è una battaglia di retroguardia...se ci fosse un peso politico allora anche la distribuzione del budget o i regolamenti interni agli atenei sarebbero decisi dai rappresentanti dei precari e dai precari stessi quando votano il Rettore. Questo non signiica istituzionalizzare il precariato...questo significa aprire la via per una sua liberazione!

    RispondiElimina
  64. Infatti lo abbiamo chiesto ...

    RispondiElimina
  65. @ giordano bruno

    magari, prima di criticare, verifica le proposte effettivamente fatte da APRI alla VII commissione del senato

    RispondiElimina
  66. Chissa' cosa vorra' dire "ridefinizione della tenure track sul modello internazionale".

    Se non ci erano arrivati prima, non so a cosa saranno arrivati adesso...

    RispondiElimina
  67. ma se continueranno ad esistere figura postdoc, che vuol dire "abolizione delle figure precarie"?

    pure gli assegnisti saranno in tenure track e non solo i TD?

    RispondiElimina
  68. "Abolizione delle figure precarie" era il motto della 382/80...

    Bad omen...

    RispondiElimina
  69. Precario avvelenato7 aprile 2010 17:27

    No, facciamole proliferare, piuttosto. Allora di cosa ci lamentiamo?

    RispondiElimina
  70. qui in Canada moltissimi sono "precari".. ma nessuno si lamenta, perchè pur non essendoci la certezza del posto fisso, c'è la certezza del lavoro se uno è meritevole! In ogni caso, dopo 5 anni di post-doc sei fuori dall'università se nel mentre non sei riuscito a fare un'interview..

    Ma mi rendo conto che non si può applicare in Italia questo concetto per una serie infinita di motivazioni.

    RispondiElimina
  71. blocco dei concorsi e posti di ruolo dispensati secondo le smanie del ministro di turno, per esempio?

    RispondiElimina
  72. per esempio un mercato del lavoro che i laureati e i post-laureati proprio non li vuole vedere? totale assenza di welfare? familismo a go go ovunque?

    RispondiElimina
  73. "Precario" e' una parola che non definisce granche', soprattutto nella concreta situazione italica, rapportata al resto del mondo.

    Andrebbe abolita e sostituita da descrittori piu' precisi (delle diverse situazione in esame).

    RispondiElimina
  74. @ matteo

    fare un "interview" o vincere un posto?

    RispondiElimina
  75. O raga che mortorio, inventiamo un emendamento per amminchiarcisi su?
    e poi nessuno mi ha saputo dire che fine ha fatto il fine giurista Tom Bombadillo, insisto: l'abbiamo perso?

    RispondiElimina
  76. Sapete che siete davvero bravi!! Vi impegnate tanto per riportare un pò di giustizia nell'università? Per difendere la povera categoria del precario? Ridicoli!!! Non siete diversi dai baroni che fate finta di combattere. A voi interessa soltanto difendere i privilegi che avete ottenuto facendo da zerbino al potente di turno. Ecco cosa vi interessa: non retroattivita' del limite dei 10 anni al periodo post-doc, aumento importo assegno.
    Ma sì continuiamo ad intasare il settore dei precari e sempre con le stesse persone, mi raccomando. Chi se ne frega dei poveri sfigati, reietti, e quelli sì veramente sfruttati, che fanno il dottorato e ricerca da anni coi propri soldi (e non con lo stipendio che intascate voi), tengono corsi e fanno esami all'università sperando che un giorno un flagello si porti via tutti i corrotti, perché da questo ddl e da voi apristi non c'è un granché da attendersi. Perché non includere nelle cose cui mettere mano cose fondamentali come queste:
    -Accanto ai fortunati assegnisti ci sono anche i cultori della materia che fanno le stesse indentiche cose ma GRATIS enon perché siano meni bravi. Allora o la figura del cutore la aboliamo o gli si deve una qualche forma di retribuzione.
    -Assegni di ricerca banditi a livello nazionale, oppure non conferibili agli interni, con sola valutazione titoli.
    -Limite di 5 anni all'assegno di ricerca.
    -Figli e parenti di prof. non possono fare carriera nella stessa università.
    Ma queste sono cose che a voi non interessano, non è forse così?

    RispondiElimina
  77. Be? Che ha da rispondere ad Anne il club dei secondi figli?

    Io ho anche l'impressione che ci son quelli che stanno a rimestare e a incarnare Masaniello finchè si sentono senza speranze; poi quando gli fanno annusare la speranza, anche flebile, di un concorso smettono di fare i matti e tornano in silenzio alla loro cuccia.

    RispondiElimina
  78. Anne, comprendo lo sfogo ... ma ti faccio notare che, relativamente alle tue proposte

    1) come Apri, ma direi come gran parte delle associazioni, abbiamo sempre chiesto e chiediamo che i ricecatori TD e gli assegni di ricerca assorbano tutte le figure non di ruolo di ricerca. E' uno degli emendamenti che abbiamo proposto (immagino tu li abbia letti prima di sparare a zero).

    2) Anche il limite temporale (ma non retroattivo, perchè sarebbe un'assurdità) alla durate delle figure precarie lo abbiamo ugualmente chiesto.

    3) Il DDL cambia le regole per gli assegni di ricerca, introducendo anche un concorso nazionale per soli titoli come dici tu. (Peraltro questo mi sembra uno dei pochi aspetti positivi del DDL).

    Quindi la domanda che a questo punto io giro a te è:

    MA COSA VAI TROVANDO?

    RispondiElimina
  79. Ad anne e agli anonimi senza coglioni PIACEREBBE MOLTO che noi fossimo i masanielli, gli zerbini, i secondi figli, i filogovernativi, gli utopisti, i carrieristi, gli avventurieri, i neoliberisti, i corporativi, gli ultrabocconiani che loro dipingono. PURTROPPO PER LORO noi non siamo il fantoccio ripieno di merda che loro fabbricano per additarlo al pubblico ludibrio, sperimentata tecnica della propaganda totalitaria ormai in grandioso spolvero nell'Italia postmoderna di Priapo.
    Le nostre proposte stanno in una infinita'di indirizzi, e sono le piu' razionali, realizzabili, europee e soprattutto ONESTE che si possano leggere in giro.

    RispondiElimina
  80. testimone oculare8 aprile 2010 19:08

    Chi scrive ebbe il privilegio di assistere all'esposizione del programma elettorale da parte del sen. Valditara alla Sapienza nell'imminenza delle elezioni politiche (15 marzo 2008).
    Disse testualmente questa frase: "Su questo punto abbiamo cambiato idea: è bene che una figura di ricercatore a tempo indeterminato continui ad esistere anche dopo il 2013". (Parlò proprio al plurale: disse 'abbiamo').
    In calce alla home-page del suo sito è cliccabile il discorso solennemente battezzzato "La Sapienza di Roma - Discorso ai Ricercatori".
    Molte le maiuscole, ma altrettanto solenne campeggia TUTTORA la trascrizione della frase incriminata: "Esplicitamente interrogato sul punto della scomparsa dei ricercatori a T.I. nel 2013, ritiene che la figura del ricercatore a tempo indeterminato debba comunque continuare ad essere prevista, ritiene al riguardo che la legge Moratti sia stata troppo rigida nel prevedere l’abolizione della possibilità di bandire concorsi per ricercatore a tempo indeterminato, ancorché a partire dal 2013."
    Sarebbe opportuno inviare a Valditara una serie di mail (risponde a tutti) nelle quali lo si metta a confronto con se stesso.
    Inefficace? Al momento l'elenco delle cose di sicura efficacia non appare amplissimo.
    Battaglia di retroguardia? Mi rifiuto di rispondere.
    Ha preso i voti su quella piattaforma, in quel mese il versante forzaitalia della coalizione era piuttosto silente sull'Università, e lui era di gran lunga l'esponente più attivo di tutto il centrodestra.

    Che spieghi.

    RispondiElimina
  81. Ragazzi, ve lo dico senza esser iscritto in APRI e senza spesso condividere le vostre posizioni politiche: non vi state a perdere con questi rivoluzionari "della poltrona", questi che vivono ancora nel mondo di utopia. Il vostro lavoro è più che egregio e il dialogo intessuto, pur con la difesa di alcuni punti intangibili, è l'unica strada per migliorare le cose. E se quest'emendamento sarà realtà, avrete ancora più consensi. Da precario vi ringrazio sinceramente
    dino

    RispondiElimina
  82. Temo che Valditara abbia detto quelle cose per pura convenienza. Lo si vede, evidentemente, dai suoi emendamenti e da quelli che, temo, potranno ancora venire.
    Comunque inchiodarlo di fronte alla sue stesse parole sicuramente male non fa.

    RispondiElimina
  83. Tempo fa si era discusso su questo blog del ruolo delle articolazioni rappresentative del sistema universitario e della ricerca, in Italia e all'estero.

    All'epoca, parlando del modesto ruolo dell'Accademia dei Lincei, e del necessario ricorso ad una consultazione tramite CRUI e CUN, per le materie e i profili che possono contribuire a saggiare le opinioni della comunita' accademico-scientifica direttamente interessate all'attivita' normativa delle autorita' politiche, mi era sfuggita questa rilevante mozione della Commissione Lincea sui problemi dell'Universita', datata 30 gennaio 2009
    http://www.lincei.it/commissioni/documento_definitivo_riforma_universita_30_gennaio_2009.pdf
    su "Linee per una riforma Universitaria", articolata su 6 punti:
    1) AUTONOMIA DEL SISTEMA UNIVERSITARIO
    2) VALUTAZIONE DELLE UNIVERSITÀ E DELLE LORO STRUTTURE
    3) GOVERNO DELLE UNIVERSITÀ
    4) RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE
    5) FORMAZIONE E ACCESSO AGLI STUDI UNIVERSITARI
    6) MOBILITÀ E INTERNAZIONALIZZAZIONE

    La segnalo adesso per chi fosse interessato.

    RispondiElimina
  84. @Anne

    chi nomina il "cultore della materia"? C'è un concorso pubblico che seleziona per titoli e pubblicazioni il "cultore della materia" in Italia? Che io sappia: NO! Però fa curriculum? Credo di SI!

    RispondiElimina
  85. @ aninimo @ anne
    ecco un problema che nelle vostre discussioni non viene neanche sfiorato. Come diventano precari i precari? Sembra che per il solo fatto di aver messo un piedino nell'università (grazie ovviamente a qualche piccolo "aiutino"... nel caso dei Cultori basta la proposta di un professore) si abbia diritto alla qualifica di "precario della ricerca" e che da quel momneto in poi tale figura sia ineccepibile per capacità scientifiche e didattiche (al contrario di tantii lerci baroni col posto fisso). Bah! o BUh!

    RispondiElimina
  86. Bertolaso Tre Il Ritorno9 aprile 2010 10:09

    Date a Fuksas un te', e l'Universita' a me, che ve la metto a posto io.

    RispondiElimina
  87. OldBug

    la mia era solo una frase ironica! Sono per l'abolizione definitiva della figura del "cultore della materia" e per la reintroduzione della figura del ricercatore a tempo indeterminato.

    RispondiElimina
  88. Fuksas è la diapositiva di "pallone gonfiato"

    RispondiElimina
  89. Al momento io non vedo nessuna previsione di lavoro sul ddl Gelmini per la Settima del Senato la settimana prossima, contrariamente agli annunci che davano per il 13 aprile il giorno di inizio delle votazioni sugli emendamenti.
    Per ora e' solo prevista una attivita' della Settima il giorno 14, con dei pareri su Atti del Governo. D'altra parte e' anche previsto che la Bilancio (tra l'altro) renda il suo parere sul ddl, per la qual cosa vedo in OdG il 13 qualcosa.

    Boh, si vedra'...

    RispondiElimina
  90. Nota Aggiuntiva: compare ora un OdG per la Settima, il 14 e il 15...
    182ª e 183ª seduta: mercoledì 14 aprile 2010, ore 15 e 20,30
    184ª seduta: giovedì 15 aprile 2010, ore 14,30

    Ausculteremo...

    RispondiElimina
  91. Leggo dopo una lunga assenza gli ultimi post di questa animata discussione. Premetto che da tempo ho lasciato il mondo della ricerca, ho aperto un'attivià mia (ovvero mi faccio un culo tanto sopravvivo e sono libero), da un lato perchè non potevo più permettermi di vivere in balìa di contratti a scadenza dall'altro perchè mi ero stufato di appartenere ad una categoria di giovani incapacidi urlare a voce alta la propria protesta. Ciiò non toglie che la questione mi stia ancora a cuore.
    Da ciò che leggo, si è sempre fermi alla stessa situazione di stallo.

    Serve un pò più brio ragassuoli....lo volete capire o no!!! Insomma sapete chi avete davanti, e allora diobono, chiudetevi anche voi all'Asinara, rapite un proiettore luminoso, datevi fuoco con il vape, cazzo FA TE QUAL CO SA, oppure smettetela di lamentarvi.

    RispondiElimina
  92. Precariotto Stupidotto9 aprile 2010 21:16

    mi no so' un casso, ma me par che de schei no ghe ne pi'

    RispondiElimina
  93. @ sticazzi

    il problema è che se i precari scioperano, non gliene sbatte a nessuno. Un'azienda che ha gli operai in sciopero con le braccia incrociate perde vagonate di euro al giorno... Se lo fanno i precari, il professore resta comunque al suo posto, ad insegnare viene mandato un sostituto, e in laboratorio danno una mano i tesisti.. e se vai in giro per le strade manifestando col camice addosso la gente comune crede che siano medici o macellai di un supermercato..

    RispondiElimina
  94. Invece ti do ragione per un altra cosa. Quando facevo il dottorato nel 2005, meno della metà dei miei colleghi sapeva chi era l'ADI! E qui sono d'accordo con te: questo è un problema di visibilità loro.. Premetto che oggi non so come siano le cose, ma all'epoca ci voleva molto a reperire tutte le email dei dottorandi e mandare loro le email dell'attività dell'associazione? ..qui in Canada sono sommerso di email delle iniziative dell'associazione dei post-doc!!

    RispondiElimina
  95. Invece ti do ragione per un altra cosa. Quando facevo il dottorato nel 2005, meno della metà dei miei colleghi sapeva chi era l'ADI! E qui sono d'accordo con te: questo è un problema di visibilità loro.. Premetto che oggi non so come siano le cose, ma all'epoca ci voleva molto a reperire tutte le email dei dottorandi e mandare loro le email dell'attività dell'associazione? ..qui in Canada sono sommerso di email delle iniziative dell'associazione dei post-doc!!

    RispondiElimina
  96. [disclaimer: ironia on}
    @sticazzi
    allora sei un allegro evasore
    @Matteo
    In Canada cianno il sistema anglosassone che e' lo sterco del diavolo. E poi c'e' troppo freddo, noi ciabbiamo il sole.
    [ironia off]
    I precari dell'ISPRA hanno tracciato la via: occupare ad oltranza, farsi notare dai media, fare una battaglia che paghi a breve giro di posta ovvero concorsi RISERVATI (e non mi dite di no).
    E' ovvio che e' una tatica che i precari delle diverse universita' dovrebbero applicare "sede per sede". Ma alla fine porterebbe, nel migliore dei casi, a una stabilizzazione mascherata da concorso (RISERVATO). Credo che la gran parte di quelli che scrivono qua sopra sia nettamente contraria...

    RispondiElimina
  97. mah...io vorrei capire tutti questi ricercatori che sono in agitazione, dal nord al sud della penisola, CHE COSA chiedono, oltre ad opporsi al ddl: difendono l'università così com'è? va benissimo, è un'istituzione fantastica, guai a fare qualche riforma? (mi sembra il solito problema della sinistra: dire di no a tutto, e non proporre niente)
    l'unica proposta sul campo, è triste dirlo, è finora quella sventurata di Merafina, vorrei capire se Ferretti di Torino, che mi pare una delle teste pensanti della protesta con connotazione anti-merafiniana, sta facendo qualche proposta alternativa...

    RispondiElimina
  98. @ France

    piccola nota: eviterei comunque di parlare di "sistema anglosassone" per qualificare un sistema "che funziona", perche' intanto non e' cosi' (en passant, anche l'Unione Sovietica era al top di vari settori scientifici), ne' il semplificare porta fieno alla causa.

    In Francia abbiamo gia' parlato delle caratteristiche dei concorsi CNRS, vds. anche questo post per aggiornamenti
    http://ricercatorialberi.blogspot.com/2010/04/notizie-dallaltro-mondo.html

    Insomma abbiamo gia' fatto parecchi discorsi per poter dire che e' necessario un discorso aperto, che metta in luce le debolezze di proteste corporative senza altri fini che il proprio tornaconto, a detrimento di altri colleghi non fascistizzati e del sistema nel suo insieme, in ultima analisi.

    RispondiElimina
  99. @France, non ti piace il sistema anglosassone?mi piacerebbe sapere la tua opinione a riguardo, così per confronto, grazie

    RispondiElimina
  100. No Matteo, non ci siamo capiti, era ironia: a me piace il sistema che c'e' in Canada, in UK, in Svizzera, in Olanda etc.. MI piace molto meno quello francese, per dirne uno. E questo direi a prescindere dai risultati che producono (come dice euroscience, l'URSS stava abbastanza al top, ed era, brrrr, l'URSS). Anche perche', considerate le condizioni da Zimbabwe in cui operano i ricercatori italiani (precari e non), relativizzando l'Italia e' mostruosamente al top. Purtroppo pero' alle olimpiadi non ci sono le gare di 100 metri con la gamba legata al culo, che magari invece del solito Bolt le vincerebbe, che so, Pavoni cinquantenne. Ci sono i 100 metri e basta. Quindi se non ci sleghiamo la gamba dal culo noi saremo anche bravi, ma arriveremo sempre ultimi...

    RispondiElimina
  101. Tra l'altro a suo tempo ho applicato anche a Vancouver, solo che poi ho trovato da accasarmi LEGGERMENTE piu' vicino...

    RispondiElimina
  102. Comunque anche il sistema universitario dell'URSS non era male.

    RispondiElimina
  103. Anche quello della germania nazista probabilmente...

    RispondiElimina
  104. Cosa vuol dire "sistema"? Possiamo "applicare un sistema" da un Paese all'altro? Se si', come? Se no, cosa vuol dire concretamente?

    RispondiElimina
  105. Dice che nasce nel week-end.

    RispondiElimina
  106. "Il principe che puo' fare cioe' che vuole e' pazzo, un popolo che puo' fare cio' che vuole non e' savio"

    Da: Machiavelli

    RispondiElimina
  107. Dice Berlusconi che e' stato lui ad imporre il mio nome (cfr. Parma)

    RispondiElimina
  108. è nata è nata!!!!
    Ora secondo quello che aveva preannunciato la manderà a balia e lunedì lei sarà a lavorare e a firmare al ministero no?

    RispondiElimina
  109. Ma se hanno tagliato il pancino alla mamma!
    Io non volevo uscire a vedere questo mondo, e neanche il Ministero!

    RispondiElimina
  110. certo che per importare un sistema.. bisognerebbe importare anche la mentalità!

    Personalmente ritengco che in Italia ci sia una mentalità differente, più clientelare e meno di responsabilità sugli effetti delle scelte del singolo.

    RispondiElimina
  111. Oggi mi sono ascoltato tutto il Berlusca e tutta la Marcegaglia - due interventi globalmente pessimi, ma soprattutto caratteristici di quest'epoca di crisi, frammista alla generale decadenza civile dell'Italia. Del Berlusca sappiamo gia', quindi non mi dilungo, dico solo che secondo me e' stato parecchio sotto alle sue piu' tradizionali performance, segno, appunto, che la situazione e' malsana, l'organino e' bisunto e non c'e' piu' trippa pe' gatti. La Marcegaglia e' stata tutta una collazione di richieste su tutto, ma anche sul contrario di tutto in termini di logica politica ed economica, segno che e' in affanno a rappresentare una categoria con interessi, ma anche idee, piuttosto diversificati.

    Ho fatto 'sto resume' per introdurre i punti su Universita' e ricerca da loro trattati. La Marcegaglia dice di sostenere in pieno il ddl Gelmini (+ merito, - baroni), ed ha detto di aver paura degli emendamenti (ha usato un tono APRIsta): ne ha concluso che il Governo deve andare avanti comunque (un via libera alla fiducia?). Notare che ieri Bersani aveva detto che era disponibile a dare un contributo, sul ddl, purche' "non si faccia in modo unilaterale come sulla scuola" e non si ponga la fiducia. Ergo...
    A parole, sulla ricerca la Marcegaglia segue la filosofia che ormai, da Montezemolo, e' abbastanza stabile, e cioe' che bisogna fare ricerca (anche le imprese...), e pero' pare che la sua richiesta di soldi sia rivolta ai programmi tipo Industria 2015 e insomma alla "ricerca che fanno loro". Dice che il casino col Click Day e' stata una mortificazione degli imprenditori.

    Berlusconi sostiene il ddl Gelmini, pero' dopo aggiunge che per le risorse non "le abbiamo ancora trovate", e che cercheranno in futuro. Un modo per ridire che non c'e' trippa pe' gatti.

    In definitiva una giornata deprimente e priva di contenuti seri al di fuori di slogan e retorica senza neanche lustrini.

    RispondiElimina
  112. Spero tanto che il buon Cerisoli non abbia a rimuovere questo post quando sarà chiaro che di quelle ''voci'' non v'è traccia. Altre voci, caro Cerisoli, raccontano qualcosa di mooolto più ''castale''. Capisco il rispetto verso le neomamme, ma anche un pò di sano realismo ed una fredda analisi della situazione (le lobbies stanno prevalendo, Cerisoli, dagli ingegneri agli avvocati ai professori universitari) non guasterebbe. Altro che pensionamento a 67 anni... si sente tutt'altro...

    RispondiElimina
  113. France, fa come faccio io. La prossima volta che un giornalista ti racconta di "voci", di qualunque cosa si tratta, condividile nel forum, non su questo blog dove, come vedi, ci sono parecchi utenti permalosi.

    RispondiElimina
  114. Voci de qua, voci de la', voci de sotto...
    tanto mercoledi' si comincia a vedere come butta.
    E ricordate che Sacconi ieri ha detto che bisogna rivalutare anche il LAVORO MANUALE ITALIANO, come diceva anche Don Bosco: la ben nota "intelligenza nelle mani"...

    RispondiElimina
  115. Forse con ''rivalutazione del lavoro manuale italiano'' si riferiva alla rivalutazione della moneta cinese. Ma anche se così fosse, la vedo lunga...

    RispondiElimina
  116. Che bello vedere accostato "buon" al mio cognome, e'un evento raro.
    Mah, vedremo cosa porteranno le prossime settimane, io come dice l''Ispettore Block non spero piu'dall'87, figurati un po'...

    RispondiElimina
  117. @ luigi e a chi ama polemizzare

    su questo blog sono state riportate le voci più diverse. alcune ci hanno fatto sperare, molte ci hanno indotto alla disperazione. le riportiamo tutte, se vuoi per dovere di cronaca e per completezza dell'informazione.

    ovviamente non siamo in grado di prevedere il futuro e di sapere prima quali - delle tante manovre in atto - avrà la meglio. nel riportare qua i movimenti effettivi e anche le manovre evasive vogliamo solo ricordare a tutti quanto sia complesso l'iter in corso e quante siano le pressioni contrastanti.
    ma forse sbagliamo, forse c'è gente che vuole rispostine facili e prese di posizione nette. evidentemente è più rassicurante gridare al complotto o all'atto eversivo, al saccheggio dell'università pubblica o al colpo di stato

    RispondiElimina
  118. oppure non gridare per niente, ascoltare le voci e lasciarli fare....

    RispondiElimina
  119. Bertolaso Tre Il Ritorno11 aprile 2010 23:36

    Date a Fuksas un aperitivo, e l'Universita' a me, che so io dove ascoltare le voci giuste.

    RispondiElimina
  120. http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2010/04/12SIH1018.PDF

    RispondiElimina
  121. MA si ma si, Valditara uber alles. Pero'mi chiedo: allora il MIUR ha deciso di arrendersi su tutta la linea? Lasciano che nel DDL in pratica ci scrivano "facciamo un po'come cazzo ci pare"? Va bene che era la Casa della Liberta', ma de'....

    RispondiElimina
  122. In realtà credo che il peggio debba ancora venire.

    Quelli di cui stiamo parlando sono gli emendamenti in Commissione. Quelli di cui ho paura sono quelli che saranno presentati in Assemblea.
    Avete fatto caso che finora non c'è stato nemmeno un emendamento di Quagliariello (brrr...) ?!

    RispondiElimina
  123. @insorgere
    notizie da pisa? s'è raggiunto il "quorum" di vecchi da mandare a pascolare o no?

    RispondiElimina
  124. Non so se negli ultimi giorni sono state approvate riforme istituzionali volte a superare la tripartizione dei poteri e ricostituire l'assolutismo cinquecentesco, ma almeno fino a qualche giorno fa vi era una separazione fra il potere esecutivo, attribuito al governo e quindi al MIUR per il settore di sua competenza, e quello legislativo, attribuito invece al parlamento. Quando ancora eravamo uno Stato liberale, il MIUR non aveva il potere di approvare leggi.

    RispondiElimina
  125. Sono usciti con un ritardo di circa 8 mesi i risultati del FIRB futuro in ricerca...la cara mariastella si è degnata di firmare il giorno prima di partorire, troppa grazia!
    http://attiministeriali.miur.it/anno-2010/aprile/dm-09042010-n-85.aspx

    dei 100 milioni che il ministero aveva annunciato per la copertura dei progetti ne spendono solo 45!!! e gli altri?
    Il mio progetto è stato tagliato del 60%! E magari pretenderanno che faccia le stesse cose...La vergogna del "FIRB futuro in ricerca" continua.

    RispondiElimina
  126. @ Francesco: almeno il tuo è stato finanziato... dei 3700 progetti presentati solo 105 sono stati finanziati... ;) (complimentissimi comunque)

    Speriamo che in un'eventuale prossima volta di iniziative come questa vogliano contattare più "esperti" ... NOVE esperti, tre per macrosettore, erano pochi, pochissimi, e sicuramente non esperti di tutte le tematiche affrontate dagli oltre 3500 ricercatori, precari e non.

    http://ingegnerianapoli.blogspot.com/2010/04/firb-futuro-in-ricerca-i-vincitori-ed-i.html

    RispondiElimina
  127. Da notare che la maggior parte dei soldi sono finiti per finanziare la linea 2, cioè gli strutturati.

    RispondiElimina
  128. @francesco
    per curiosità...in cosa sono consistite le "apposite audizioni"?

    RispondiElimina
  129. Albert, non mi fraintendere, io non dico che il MIUR dovrebbe legiferare direttamente, ma mi domando che cavolo di maggioranza parlamentare sostenga la Gelmini se gli prendono la frittata e glie la rigirano come pare a loro. Come mai tutta questa autonomia dall'esecutivo gli integerrimi uomini di AN non la mostrano quando c'e' da approvare le leggi salva Priapo?

    RispondiElimina
  130. Per chi volesse maggiori informazioni sul FIRB vi consiglio di andare sul sito facebook dedicato. Come potrete vedere dagli ultimi commenti la giustificazione che il MIUR (ing. Massulli) fornisce sull'utilizzo di una porzione dei soldi a disposizione è alquanto paradossale...
    http://www.facebook.com/group.php?v=wall&gid=65240091576

    sembra proprio che abbiano fatto di tutto per scontentare il maggior numero di persone
    1) tutti quelli che, probabilmente ingiustamente, sono stati esclusi dalle audizioni in seguito a valutazioni a dir poco sommarie
    2) tutti quelli chiamati alle audizioni e giudicati da pochi "esperti" come non abbastanza eccellenti per meritare i soldi che a quanto sembrava il governo aveva già messo a disposizione
    3) tutti quelli con un progetto finanziato ma tagliato talmente tanto da rendere qualsiasi attività proposta praticamente impossibile

    Complimenti davvero, era difficile ma ci sono riusciti!

    RispondiElimina
  131. A me sembra che in fondo strutturati e precari questa situazione se la meritino... Soldi promessi e poi ripresi, frasi propagandistiche e vergognose marce indietro, a tutti i livelli. Con la legge andrà come con i firb, 50-100 milioni, vediamo chi offre di più, poi ne danno 45 (e si vedrà se e come). E la legge è addirittura a costo zero, quindi in che sperare? Che veramente delle voci ridicole siano la realtà? Detto questo, davanti a una situazione del genere, non si muove una foglia (escludendo la protesta dei ricercatori qui così criticata) e ci si lamenta. Ma di che? Ce la meritiamo tutti questa situazione per l'incapacità di reagire...

    RispondiElimina
  132. Protezione Incivile12 aprile 2010 21:21

    FIRB 2010 saltami addosso

    RispondiElimina
  133. Segnalo un comunicato del CIPUR, secondo sindacato nazionale dei Professori 8e particolarmente degli Associati)
    http://www.cipur.it/COMUNICATI/Comunicati%202010/60-COMUNICATO%20CIPUR-LA%20TATTICA%20DEI%20RETTORI%20FOMENTARE%20GUERRE%20FRA%20POVERI....pdf
    Anche se non lo leggete non avete perso niente. In effetti non so neanche perche' l'ho segnalato.

    RispondiElimina
  134. Segnalo un documento/posizione delle Sigle:

    ADI, ADU, AND, ANDU, APU, CIPUR-CONFSAL, CISAL, CISL-Università, CNRU, CNU, CONFSAL-Cisapuni, FLC-CGIL, LINK-Coordinamento Universitario, SNALS-Docenti Università, SUN, UDU, UGL-Università e Ricerca, UILPA-UR

    http://www.andu-universita.it/2010/04/12/ddl-settimana/

    RispondiElimina
  135. @all

    I progetti FIRB finanziati sono soggetti a post-valutazione scientifica? I progetti PRIN? Ovvero, si valuta se il finanziamento ha poi avuto un esito eccellente in termini di pubblicazioni scientifiche? Credo che questo aspetto sia fondamentale!

    RispondiElimina
  136. prepensionamenti, rottamazioni e nuove assunzioni: cronache pisane
    http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2010/04/13SIB2335.PDF

    RispondiElimina
  137. la trattativa tra MIUR e maggioranza, pare che sui fondamentali il ministero provi a tener duro ma come voteranno i senatori?

    seguiranno le indicazioni del governo o quelle del relatore?

    http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2010/04/13MI12025.PDF

    RispondiElimina
  138. http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2010/04/13MI12056.PDF

    da sottolineare offensiva confindustria: prima marcegaglia paventa in dichiarazione pubblica rischi annacquamento, oggi l'organo di confindustria interviene pesantemente indicando con chiarezza quali sono i tre punti nodali da difendere ad ogni costo.

    sembra tanto di stare allo shuck, tutti tirano sul prezzo ma poi l'affare si farà.

    RispondiElimina
  139. @Insorgere
    Grazie Insorgere, sei impagabile...
    P.S.
    A me l'ultima volta che me lo hanno detto mi hanno tenuto un anno senza borsa....

    RispondiElimina
  140. Bertolaso Tre Il Ritorno13 aprile 2010 23:53

    Date un risotto a Fuksas, e l'Universita' a me, che so io quali borse andare a trovare.

    RispondiElimina
  141. Cosa e' successo a sto BLOG che sembra asfittico e oramai out of date? Stanno arrivando conferme o smentite alle voci che ha sentito France o cambiamo discorso? Mino, sei ancora in Italia o stai espatriando come altri? E la sotria dei fondi FIRB dimezzati? Just some questions for discussion!

    RispondiElimina
  142. Se oggi in commissione cominceranno effettivamente a votare gli emendamenti, il blog si rivitalizzera' ...
    ;-)

    Nel frattempo ... finalmente anche i ricercatori del Politecnico di Torino si stanno muovendo!

    ======

    Anche i ricercatori del Politecnico pronti allo sciopero della cattedra
    La Repubblica – OTTAVIA GIUSTETTI

    La raccolta delle firme per la mobilitazione è partita senza l’appoggio dei rappresentanti eletti La polemica
    Se la maggioranza dovesse rifiutare la didattica sarebbe a rischio un terzo dei corsi di laurea La legge in realtà non prevede l’insegnamento: “Scelta dolorosa ma necessaria”

    Articolo completo
    http://www.swas.polito.it/services/Rassegna_Stampa/articolo.asp?ID=4028-122701517.pdf

    RispondiElimina
  143. gianluca ha ragione. il blog tace perché non ci sono nuove. appena si muoverà qualcosa non mancheremo di riferire, commentare...così come non mancheremo di farci sentire nelle sedi opportune.

    per ora bisogna vedere chi vince il braccio di ferro: sarà il relatore o il governo?

    RispondiElimina
  144. dal riformista, il pd sul ddl
    http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2010/04/14SI93013.PDF

    tante ovvietà, critica all'ipercentralismo e alla macchinosità del dispositivo in linea con i discorsi di quaglia e valdi. e un passaggio sibillino sull'inserimento dei ricercatori (strutturati e non) in una fase transitoria? KE VOR Dì??? e poi che senso ha accomunare strutturati e non?

    RispondiElimina
  145. Non preoccuparti, insorgere, e' in maanchismo Weltroniano.
    Io non ho piu' nuove: sul FIRB stiamo cercando di fare qualcosa, ma non prima di venerdi'...

    RispondiElimina
  146. Della ocenamica prima seduta si hanno dettagliate informazioni ...
    ;-)
    http://www.senato.it/commissioni/4569/1691/152824/277166/281941/schedasedutacommissione.htm

    Vedremo se in quella di questa sera produrranno qualcosa ...

    RispondiElimina
  147. il resoconto per il momento è stringatissimo. qualcuno ha avuto tempo e pazienza per ricostruire contenuti degli emendamenti che sono effettivamente stati votati?

    RispondiElimina
  148. vabbè, ampio consenso sull'emendamento 1.1.

    le università e la ricerca sono libere

    RispondiElimina
  149. Completata la trattazione dell'art 1 con un tot di emendamenti accolti:

    Comma 1: sostituito da emendamento 1.1 (testo 2)
    Comma 2: non modificato
    Comma 2-bis: aggiunto da emendamento 1.23
    Comma 3: modificato da emendamenti: 1.25 1.28 1.29 1.30 (testo 2)
    Comma 4: sostituito da emendamento 1.37 (testo 2)

    Seduta di questa sera e di domani "sconvocate" ... il prossimo OdG non e' stato ancora definito ...

    RispondiElimina
  150. http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2010/04/15SIG4017.PDF

    RispondiElimina
  151. Mah ... noi come Coordinamento vediamo tutti i giorni e nei *fatti* che nulla (o quasi) e' come sembra ... e che molto spesso certe scelte dipendono da interessi altri ... forse l'Autore dovrebbe scendere sulla Terra o (ri-)entrare in qualche Ateneo ...

    RispondiElimina
  152. Ministero, dell'Istruzione, dell’Università e della Ricerca
    Consiglio Universitario Nazionale
    Prot. n. 738 All’On.le Ministro
    Spedito il 15/4/2010
    S E D E
    Oggetto: Mozione CUN su Programma FIRB “Futuro in ricerca”.
    Adunanza del 14 aprile 2010
    IL CONSIGLIO UNIVERSITARIO NAZIONALE
    Preso atto della pubblicazione sul sito MIUR dell’elenco dei Progetti finanziati nell’ambito del
    Programma FIRB “Futuro in ricerca” (D.M. 85/ric del 9 aprile 2010);
    Considerato che sono stati finanziati solo 105 progetti, pari a meno del 50% dei progetti valutati
    eccellenti, con votazione di 40/40, su un totale di quasi 3.800 progetti presentati;
    CHIEDE
    con forza che vengano messi a disposizione ulteriori fondi affinché tutti i 171 progetti valutati dopo
    le audizioni come finanziabili e che comunque rappresentano circa il 5% dei progetti presentati,
    possano essere effettivamente finanziati.
    IL SEGRETARIO IL PRESIDENTE
    (firmato Valeo) (firmato Lenzi)

    RispondiElimina
  153. Anche perche' i fondi dovevano essere inizialmente 50 milioni, poi raddoppiati a 100. Invece ne hanno dati solo 45. I conti non tornano.

    RispondiElimina
  154. Ma si! Ascoltiamo l'oracolo Schiesaro! E perché non anche Previti, allora? E come pensiamo di impedire che uno che si mette a dare soldi all'università (ammesso che mai nell'evoluta Italia possa esserci qualcuno dotato di simili intenzioni) si metta poi a pretendere posti in CdA minacciando di ritirare il finanziamento? Guarda caso lo stesso sole24ore due giorni fa parlava di ingresso di saperi "altri", soprattutto di impresa (che poi in Italia significa insegnare alle giovani matricole come assoldare manodopera clandestina in nero per mettersi a fare concorrenza al ribasso sul costo del lavoro, certo non fare innovazione). A chi dare retta, allora? Se al MIUR la pensano in un altro modo mettessero qualche clausola che vieti a chi finanzia di entrare in CdA, anziché prenderci per gonzi e farci credere di puntare all'ingresso di non si sa bene quali competenti esperti (roba che poi non va bene comunque, perché significherebbe applicare alle università il modello ASL). Scusate la confusione, ma queste cose mi alterano davvero.

    RispondiElimina
  155. Ma peraltro non c'era nel bando la frase che dovevano essere stanziati "non meno di 20 milioni per la linea di intervento 1"?
    A quanto riportato qui:
    http://ingegnerianapoli.blogspot.com/2010/04/firb-futuro-in-ricerca-i-vincitori-ed-i.html
    non sono nemmeno arrivati a questa cifra:
    42 progetti per la linea di intervento 1 ( ricercatori precari under 33) per un totale di 19.805.000 euro di contributo MIUR (471.500 euro a progetto in media)

    RispondiElimina
  156. Dall'Unita' di ieri: http://www.unita.it/news/scuola/97415/la_flc_cgil_a_congresso_la_difesa_dei_precari_per_statuto

    Un coordinamento dei precari.
    La Flc-Cgil si assume per Statuto il compito di rappresentare tutti i precari: della scuola, della ricerca, dell'università, e Afam.

    Mi sembra un proposito 'fagocitario' - cosa ne dite amici dell'APRI?

    RispondiElimina
  157. aggiornato il sito del senato: http://www.senato.it/leg/16/BGT/Schede/Ddliter/34595.htm

    RispondiElimina
  158. @ MaurodellaVIA: mi pare una interpretazione estremamente tirata per i capelli. La FIOM vuole rappresentare tutti i metalmeccanici, ma questo mica significa che vuole fagocitare CISL e UIL.
    Non cerchiamo motivi di polemica a tutti i costi, se no si ricomincia a dire che questo blog è telecomandato da Schiesaro.

    RispondiElimina
  159. Scusate la domanda, un pò off-topic, per gli esperti di UNILEX.
    La mia facoltà ha designato come membro interno, un docente di altra università per un concorso a ricercatore.
    Tale professore è il relatore della tesi di dottorato del "prescelto" ed ha pubblicato alcuni lavori con tale soggetto.
    E' possibile in questo caso appellarsi all'art.51 del Codice di Procedura Civile

    "a) se ha interesse nella causa o in altra vertente su identica questione di diritto;"

    per chiedere la ricusazione del Commissario ?

    Vi ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
  160. credo che quello di avere alcuni lavori in comune sia un possibile motivo di ricusazione: il problema è che la ricusazione la devi chiedere al Rettore, se lui la nega devi fare ricorso al tar, ecc.

    RispondiElimina
  161. [UnRicercatore]

    @capadibomba

    Ricusabile per una collaborazione scientifica?
    Non sono IUS ma sembra molto improbabile.
    E non per infierire, ma tu lo sai che la scelta "della facoltà" è in effetti la scelta degli ordinari del tuo SSD nella suddetta facoltà?
    Spiacente.

    RispondiElimina
  162. [UnRicercatore]

    In bocca al lupo, anyway.

    RispondiElimina
  163. Sinceramente non riesco a capire cosa ci possa essere di ricusabile nel fatto che ci sia stata una collaborazione scientifica. All'estero una collaborazione scientifica pregressa e', almeno in certi campi, quasi una condizione necessaria per essere assunti (senza concorso all'italiana, of course)! Mi spiace, ma non ci trovo niente di male, anzi!

    RispondiElimina
  164. @ mauro

    che la flc voglia rappresentari tutti i precari è fisiologico. quel che personalmente mi mette i brividi è che butta tutto nello stesso calderone: afam, università, scuola. son cose e ruoli e situazioni diversissimi, da non confondere.
    in ogni caso niente di nuovo sotto il sole, son cose già sentite

    RispondiElimina
  165. Ricordo di un caso in cui fu annullato un concorso nell'area Ingegneria con la motivazione che il membro interno era in "conflitto di interesse" e quindi non avrebbe dovuto stare in commissione: in quel caso però il membro interno, che aveva anche un'attività privata come ingegnere, aveva firmato dei progetti congiunti con il vincitore del concorso e questa fu la esplicita motivazione del conflitto di interessi.

    RispondiElimina
  166. I sindacati sono stati più volte accusati di occuparsi solo di chi il posto ce l'ha già, se ora si ripropongono di tutelare anche i precari, dai call center, all'università, ai lavori a chiamata, beh fanno solo il loro lavoro

    RispondiElimina
  167. il conflitto d'interessi del commissario coautore deriva lapalissianamente dal fatto che andrebbe a valutare nel concorso i suoi medesimi lavori, se a voi sta bene...

    RispondiElimina
  168. Senza contare che un commissario di concorso, in Italia, e'cosa ben diversa da una reference person o da un Capo Dipartimento, soprattutto in termini di reputazione e reponsabilita'...

    RispondiElimina
  169. Bravissimi i ricercatori strutturati!

    Ecco qua: http://cnu.cineca.it/nazionale06/mozione_assemblea_ricercatori_150410.pdf

    A.

    RispondiElimina
  170. Questo è il documento dei cacciatori di ope legis?

    RispondiElimina
  171. yes, questo è il documento dei garantiti che vogliono più garanzie. alla faccia di chi sta davvero col culo per terra

    RispondiElimina
  172. E che cosa vi da fastidio di questo documento? Mi sembra del tutto giustificato ciò che viene richiesto. Peraltro importante la richiesta di non far parte dei criteri minimi. Ma non è che a volte siete in malafede pure voi?

    RispondiElimina
  173. Non credo alla buona fede dei proponenti. Da un lato propongono ope legis generalizzate e dall'altro si coprono dietro il paravento dei precari. Facile scrivere documenti battaglieri e poi nei fatti muoversi per chiedere ope legis a go go.

    RispondiElimina
  174. Infatti CNRU sembra (per ora) aver fatto una conversione a U dopo aver invece detto, in seguito all'incontro con Valditara

    http://w3.uniroma1.it/cnru/?p=612

    "sembriamo vicini alla meta", citando la revisione dell'emendamento del relatore sui ricercatori scrivono che propone l'art. 5-bis sullo stato giuridico dei ricercatori.

    Staremo a vedere alla fine della settimana prossima, dopo che avranno votato emendamenti su un po' di altri articoli in commissione ...

    RispondiElimina
  175. Comunque secondo me se qui non comincia una sera collaborazione tra TUTTI gli anelli più deboli non c'è alcuna chance non dico di cambiare le cose, ma nemmeno di resistere...

    RispondiElimina
  176. alleanza tra precari e ricercatori?

    RispondiElimina
  177. http://renatofoschi.files.wordpress.com/2010/04/proposta_sul-_ruolo-_unico-1.pdf

    RispondiElimina
  178. I Ricercatori strutturati e non dell'Università degli Studi di Padova, riuniti in assemblea il 12 aprile 2010 dichiarano che:

    - considerata la necessità di un rilancio del sistema universitario pubblico che garantisca un futuro e uno sviluppo alla ricerca e alla formazione superiore in questo paese;

    - a fronte del progressivo sottofinanziamento degli Atenei pubblici italiani rispetto ai livelli europei;

    - considerato che una riforma organica ed efficace del sistema non può essere realizzata a costo zero;

    - considerato che nell'attuale stesura il DdL Gelmini contiene aspetti preoccupanti tra cui:

    - la cancellazione del del ruolo del Ricercatore universitario a tempo indeterminato e la sua sostituzione con la figura del Ricercatore a tempo determinato;

    - la totale e definitiva precarizzazione della ricerca universitaria e l’estensione di tale precarizzazione alla didattica;

    - la mancanza di regole certe sulla progressione di carriera a tutti i livelli con particolare riferimento al momento dell'ingresso nel ruolo docente;

    - l'irrigidimento della struttura gerarchica interna all'Università e la consegna di molti poteri decisionali a soggetti esterni;

    tenuto conto dei documenti prodotti dai Ricercatori di altri Atenei, dalla CRUI e dal CUN in merito al DdL;

    chiedono fermamente

    il ritiro del DdL Gelmini nella sua forma attuale o la modifica sostanziale del DdL.

    A sostegno di queste richieste, i Ricercatori strutturati e non dell'Università degli Studi di Padova esprimono la loro protesta decidendo di dedicarsi a tempo pieno alloro compito istituzionale, la Ricerca, rinunciando all'attività didattica suppletiva (svolta fino ad oggi su base volontaria);

    In particolare

    - ritirano la disponibilità a ricoprire gli incarichi didattici non obbligatori per legge (lezioni ed esami) relativi all'A.A. 2010/2011;
    - rinunciano a far parte delle Commissioni di Esame a partire dalla Sessione Estiva dell'A.A. 2009/2010;
    - si rendono non disponibili ad essere inclusi tra i docenti necessari secondo i requisiti di legge per l'attivazione dei Corsi di Laurea;

    I Ricercatori strutturati e non invitano i docenti universitari, i ricercatori di altri enti, i tecnici, gli amministrativi e gli studenti ad aderirealla protesta e sollecitano tutti gli organi collegiali ad esprimersi sugli effetti potenzialmente deleteri della riforma prospettata dal DdL Gelmini.

    seguono firme

    RispondiElimina
  179. Questo documento a me piace anche perchè come 1° punto-deleterio mette l'esaurimento del ricercatore TI e la nuova figura del ricercatore TD. Scusate sarò antica..ma io non mi sono ancora arresa alla tragica fatalità che il mio 1° lavoro TI sarà, forse, se sarò fortunata, (perchè nella migliore delle ipotesi è fortuna e non merito..)a 45 anni. Credo che noi precari ci siamo piegati troppo presto a questa norma che penalizza soprattutto noi e io sosterrò fino alla fine chi la combatterà: siano essi RTI o altro.

    RispondiElimina
  180. Matteo canadese17 aprile 2010 18:51

    mi piace il discorso della mancanza di regole certe per la progressione della carriera.. perchè allo stato attuale ce ne sono?? Quanta gente ho visto andare via proprio da Padova soprattutto per zero possibilità di carriera..

    A mio parere il fatto di trovare un lavoro a TI è una mentalità italiana, in Canada il lavoro a TI direi che è raro e nessuno se ne preoccupa. Anche perchè c'è sempre un lab che ti permette di lavorarci.. Ma la società nordamericana è differente, non è confrontabile con quella europea.

    RispondiElimina
  181. E Bravo.. ma siccome sono realista so di vivere in Italia so che non mi trasferirò 20 volte nella mia vita come fanno gli americani perchè per noi trovare casa, asili che si sostituiscano ai nonni, lavoro per il coniuge altrove etc etc è impossibile..allora prima di togliermi il lavoro TI cambia la società e rendila mobile dopo ne riparliamo...che sappia io in Italia gli unici che cambiano spesso residenza sono i militari e a quanto ne so l'alloggio glielo forniscono e di solito le mogli fanno le casalinghe perchè non possono trovare 20 lavori diversi nell'arco della carriera di spostamenti del marito.

    RispondiElimina
  182. Bertolaso Tre Il Ritorno17 aprile 2010 19:21

    Date un caffe' a Fuksas, e l'Universita' a me, che ve la sistemo io la carriera.

    RispondiElimina
  183. Cercasi Bomba disperatamente17 aprile 2010 21:22

    A parte ccche un'ho mia 'apito che cccentra Fuksas 'on Bertolaso e poi Bomba falla finita di irrpe sotto farso nome...

    RispondiElimina
  184. Aggrappiamoci a Fini... Crisi, elezioni, e ddl in soffitta, almeno per qualche mese!

    RispondiElimina
  185. Ma se Fini divorzia, Valditara co chi sta con il babbo o con la mamma?

    RispondiElimina