sabato 7 ottobre 2017

FINE

A nove anni dalla sua fondazione (nel Novembre del 2008), questa associazione oggi si scioglie.
Lo scopo dichiarato di APRI era "APRIre al merito e alla responsbilita' l'Universita' e la Ricerca italiane, e renderle competitive nel contesto europeo". Era un obiettivo molto ambizioso, che 9 anni di attività non potevano certo conseguire. Anche se lontano, serviva a dare una direzione alle iniziative che APRI ha preso.

L'Università e la Ricerca in Italia dal 2008 ad oggi non hanno mostrato grandi miglioramenti: ogni anno si discute del fatto che i fondi sono insufficienti, ma al contempo ogni anno si rileva che la produzione scientifica resta fra le migliori al mondo. 
Nel 2008 c'erano 3000 posizioni a tempo indeterminato in più rispetto al 2016 (PO+PA+RTI): circa 4000 prof ordinari in più, circa 4000 associati in meno, e circa 3000 RTI in più. Nel 2016 però esistevano 5360 RTDa e RTDb, contro i 456 RTD del 2008. Sebbene i numeri siano deludenti nel complesso, il sommarsi delle riforme e della demografia ha creato una "piramide" dei ruoli (mentre nel 2008 era sostanzialmente un cilindro) con una "base" dove la componente "precaria" è molto più ampia, ma che include più ricercatori con contratti dignitosi (sebbene precari). I numeri per altri tipi di contratti precari sono più difficili da calcolare, ma probabilmente non ci sono stati grandi cambiamenti.

In questi 9 anni APRI ha senza dubbio provato a fare "lobby" per i precari, e forse, abbaiando alla luna, qualche volta l'ha fatta tramontare. Un numero non indifferente di soci ha vinto un concorso per una posizione a tempo indeterminato: forse APRI non rappresenta un campione significativo del mondo precario degli ultimi anni, 9 anni sono un periodo molto lungo (specie per chi li vive da precario), ma non è un segnale da sottovalutare. Forse il sistema, con grandi sacrifici e pazienza, si riesce ad aprire.

Certamente APRI non "chiude" per mancanza di precari, che continuano ad essere la forza lavoro trainante del sistema. Semplicemente i (nuovi) precari della ricerca non trovano attraente il modello e le proposte dell'associazione, e si rivolgono altrove, o da nessuna parte.

In bocca al lupo a tutti!

4 commenti:

  1. Buongiorno. Sono Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

    cristinaallegri09@hotmail.it

    Cordiali saluti




































    Buongiorno. Sono Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

    cristinaallegri09@hotmail.it

    Cordiali saluti




































    Buongiorno. Sono Miriam Lavoretano, io ho beneficiato di un prestito di 15.000€ in 40 mesi presso un prestatore sig.ra Cristina Allegri che presenta offerte di prestito a ogni persona nella necessità. Quindi se siete interessato o avete una persona che è nella necessità di prestito, contattarla per maggiori informazioni:

    cristinaallegri09@hotmail.it

    Cordiali saluti

    .
    .

    RispondiElimina
  2. Non perdere mai la speranza, specie adesso che si apre una prospettiva con il Ricorso per ottenere la Stabilizzazione  
    dei Ricercatori Universitari. Puoi aderire

    RispondiElimina
  3. offerta di prestito tra particolare
    Ho messo a vostra disposizione un prestito da 2000 € a 25.000. 000 € a condizioni molto semplice. Ho anche fare investimenti e prestiti tra i singoli di tutti i tipi. Offro crediti a breve, medi e lunghi termine in collaborazione con il mio avvocato. Sappiamo che il tuo USA e i nostri trasferimenti sono forniti da una banca per la sicurezza della transazione. Per tutte le vostre richieste proposte dalla frequenza e la quantità dei pagamenti e sarò il vostro aiuto. Infine vi prego di contattarmi da mail:erika.gabler604@gmail.com

    RispondiElimina
  4. Questo è un annuncio pubblico per tutti coloro che vogliono vendere un rene, abbiamo pazienti che hanno bisogno di un trapianto di rene, quindi se siete interessati a vendere un rene, contattateci sulla nostra email all'indirizzo iowalutheranhospital@gmail.com
    Puoi anche chiamarci o scriverci su whatsapp al +1 515 882 1607.

    NOTA: la tua sicurezza è garantita e il nostro paziente ha accettato di pagare grandi somme di denaro a chiunque accetti di donare un rene per salvarlo. Speriamo di sentirti, così puoi salvare una vita.

    RispondiElimina